PROVE MULTIPLE AFRICANE ALLE MAURITIUS CON BUCKLAND DI CONTORNO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Le Isole Mauritius sono apprezzate nel mondo per le loro bellezze naturali, e sono conosciute nel mondo dell'atletica principalmente per aver organizzato i Campionati Africani del 2006 (a Bumbous) e per aver dato i natali a qualche atleta di valore (principalmente, il velocista Stéphane Buckland, il lunghista Arnaud Casquette ed il quattrocentista Eric Milazar).

Nello scorso weekend si è tenuto il primo meeting del nuovo circuito africano di prove multiple a Réduit, con un contorno di gare principalmente di velocità.

Nell'eptathlon disputato interamente domenica 19 la ghanese Margaret Simpson, miglior specialista africana dopo i trascorsi giovanili di Eunice Barber con la maglia della Sierra Leone, ha chiuso la sua prima gara dell'anno con 5.677 punti, davanti all'atleta del Lesotho Selloane Tsoeli, al personale di 5.116 punti, ed alla kenyana Florence Wasike, anch'essa giunta al personale di 4.906 punti.

Nel decathlon disputato nelle due giornate del 18 e 19 Ali Kame, 25enne del Madagascar, ha avuto la meglio col nuovo record nazionale di 7.363 punti (buoni parziali nel lungo, 7.30, sui 400, 50"80, nell'asta, 4.50, e nel giavellotto, con 57.36), nettamente avanti rispetto all'egiziano Ahmed Mohamed Saad con 7049 ed al mauriziano Guillaume Thierry con 6.968.

Nelle gare di contorno disputate sabato 18 ha dominato il padrone di casa Stéphane Buckland con una doppietta individuale 100-200, con un buon 10"23 con vento contrario di 1,2 m/s ed un discreto 20"74, sempre con vento contrario di 1,5 m/s, che ha poi chiuso in bellezza andando a guidare in prima frazione la staffetta 4×100 di casa ad un'insperata vittoria con 39"88 sui favoritissimi sudafricani con Leigh Julius in ultima frazione, fattisi battere con un modesto 40"07.

Certamente un bel successo che contribuirà a rendere orgogliosi i ragazzi mauriziani, capaci di crescere una staffetta veloce di livello mondiale da una nazione che conta poche migliaia di abitanti dediti soprattutto alla pesca ed al turismo. 

fonte: Tilastopaja

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *