4° PROVA RACE WALKING CHALLANGE A SESTO SAN GIOVANNI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

 

Dopo tre settimane di tempo autunnale ha fatto capolino il sole a Sesto e quindi il caldo è stato sicuramente protagonista alla pari di Francisco Fernandez e di Kierstj Platzer vincitori rispettivamente della gara maschile al pomeriggio (più difficile dal punto di vista meteorologico) e della gara femminile al mattino.
 
Km 20 WOMEN: partenza alle ore 10.00 e subito in testa Platzer (NOR) ,Zimmer (GER) e Rigaudo (ITA) leggermente staccate Vera Santos (POR) e Beatriz Pasqual (ESP). Passaggio per le prime tre ai km 5 in 22.33. A questo punto Platzer forza il ritmo con un cambio sul piede di 4.20 /km, le resiste la tedesca Zimmer mentre Elisa Rigaudo si stacca rimanendo comunque in scia . Passaggio ai km 10 in 44.26/km5: 21.53 per le due battistrada Elisa a 18”con parziale dei km 5 in 22.11. Ai km 15 il ritardo dell’atleta azzurra passa a 23” ma , proprio nell’ultima frazione di gara, il numeroso pubblico assiepatosi lungo tutto il percorso assiste ad una esaltante progressione della beniamina italiana che con un parziale di 22.11( Platzer 22.20 e Zimmer 22.33) raggiunge in pista l’atleta tedesca che reagisce con orgoglio e taglia il traguardo seconda in 1h29.03 davanti alla nostra portacolori in 1h29.04. Intanto Kierstj Platzer tagliava da vincitrice il traguardo in 1h28.50 consolidando il primo posto nella classifica del Challage dopo quattro prove.
 
Km 20 MEN: partenza alle ore 16.00 e schizza via allo sparo Ivano Brugnetti marcato da Fernandez (Esp) e da Tysse (Nor) ad un ritmo da selezione immediata del gruppo. Dietro a soffrire il campione olimpico della Km 50 Schwazer, il brillantissimo Rubino di Rio Maior quindi Vieria (Por), Nymark (Nor), Hone (Ger), Cambil (Esp) e Kinnunen (Fin). Ai km 5 il gruppetto dei battistrada passa in 20.12 ma al sesto chilometro il campione olimpico di Atene si ferma, a causa di una indisposizione gastrica ,rinunciando a ripartire all’inseguimento. Dietro i due battistrada si sviluppa un’avvincente gara tra gli inseguitori : Rubino dopo alcuni chilometri interlocutori si lancia in una entusiasmante rimonta , Schwazer invece conduce una gara all’insegna della regolarità rimanendo agganciato al tedesco Hone quasi fino alla fine. Per Giorgio Rubino un ottimo quinto posto che chiude in 1h23.42 (20.54-21.11-20.29-21.22), settimo posto per Alex in 1h24.23 (21.02-21.03-21.02-21.16). Intanto Fernandez , veramente bella l’azione dello spagnolo, poco prima dei dieci chilometri con una progressione efficace inesorabilmente stacca di 4” ai km 10:40’15” il norvegese Tysse (fratello della vincitrice della gara femminile) e poi ancora ai km 15 passa con 47”di vantaggio /1h00.7 quindi taglia il traguardo ancora in piena spinta con un finale di 1h19.57(20.12-20.03-19.52-19.50), Tysse ottimo secondo in 1h21.53 terzo ,con un efficace recupero sul messicano Sanchez, il portoghese Vieira in 1h23.15.
 
Intanto ad Alessandria, nella stessa giornata di Sesto S.Giovanni nell’ambito del sesto Meeting in pista (quest’anno internazionale),si è svolta una km 10 assoluta interessantissima in quanto serviva a chiarire gli ultimi dubbi relativi alla composizione delle squadre in vista della Coppa Europa di Metz l’imminente 24-25 maggio .Nella gara femminile oltre alla ulteriore dimostrazione di efficienza della junior azzurra Antonella Palmisano 47.36.74 si è rivista finalmente su buoni ritmi l’altra azzurra Claudia Bussu 50.21.08. Nella gara maschile primo un rinfrancato Tontodonati in 43.05.11 ma ,è stata importante la prima uscita stagionale dopo un fastidioso incidente dello juniores Vito Di Bari che si prenota per la manifestazione francese con un probante 43.30.23.

 

 

fonte: Vincenzo Fiorillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *