PAVIA 7° MEMORIAL DELLA VALLE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Pavia – La 7^ edizione del Memorial "Graziano Della Valle" svoltasi ieri, è stata un'edizione ricca di prestazioni di livello, grazie alle quali sono caduti alcuni record del meeting e tanti primati personali.

La giornata è partita subito forte con il britannico James Desaolu ha corso in batteria i 100m in 10"15 (record del meeting) per poi venir superato in finale (10"19 a 10"20) dal connazionale Harry Aikines.

Nei 100 donne, ancora terra di conquista britannica addirittura con una tripletta, buon 11”78 per Doris Tomasini in finale davanti alla Grillo in 11”84 (11”81 in batteria).

Nei 400hs femminili vittoria della danese Sara Petersen in 58”12 ma non troppo lontana finisce Manuela Gentili, terza in 58”92. La stessa gara al maschile, regala un bel 49”81 dell’inglese Green e il PB a Eusebio Haliti, 2° in 51”60 poco davanti a Leonardo Capotosti con 51”84.

Nel giro di pista senza le barriere, 53”98 della longilinea e sempreverde Donna Fraser, davanti alla reatina Maria Enrica Spacca con 54”29. Tra gli uomini invece 46”14 dell’inglese Robert Tobin, ma soprattutto grande gara condita dal terzo posto e dal PB di Francesco Vistalli che chiude in 47”18.

Si ferma a 2,16 Nicola Ciotti nell’alto, vinto dall’olandese Nuijens in 2,21, mentre guadagna la 2^ piazza a pari misura con la vincitrice Pywell, Elena Brambilla con 1,81.

Non arrivano misure stratosferiche ma si segnala senz’altro per la continuità Fabrizio Schembri, che vince il triplo in 16,66 alla 3^ prova, dopo aver saltato 16,55 alla 2^ ed aver sfiorato il miglioramento alla quinta (16,65). La slovacca Dana Veldakova non ha avversarie nel triplo femminile e chiude in 14,04.

Gara tutta italiana nel disco: se la aggiudica Giovanni Faloci in 60,57, mentre nello spazio di 50cm atterrano i giavellotti dei primi 3: vittoria all’inglese Hugff 74,59, sullo svedese Ragnvaldsson 74,11 e su Roberto Bertolini 74,09.

I 200m parlano ancora inglese, con Leon Baptiste che fissa il nuovo record del meeting a 20"95, davanti a Deji Musa (21"18) e al giovane Diego Marani in 21"25 all'esordio stagionale. Stesso tempo, 23"65 tra la ventenne Joey Duck e Donna Fraser nei 200 femminili, ma vittoria alla prima; migliori azzurre Grillo in 24"54 e la under 23 Michela D'Angelo in 24"61.

Si apre con le gare giovanili valide come memorial Volpi il capitolo mezzofondo, prima della chiusura di giornata dedicata agli ostacoli alti per maschi e femmine. Nei 1000m under 16 vince Debora Varrone in 3’02”00 e negli 800m under 18 1’56”69 per Marco Salvador, davanti ad altri 3 atleti sotto i 2 minuti.

Regna la confusione per un chilometro di gara nei 1500m femminili a causa dell’andatura lenta (3’04” il passaggio) e dell’affollamento (18 atlete al via), poi ci pensa Margherita Magnani a mettere in ordine le cose sfruttando le sue doti di 800ista. La cubana Caballero e la tunisina Merdassi anticipano troppo lo sprint e si trovano sul rettilineo finale senza benzina vedendosi superare impotenti dalla portacolori del Cus Bologna che chiude in un bel 4’24”06; quarta Valentina Costanza in 4’28”15.

Il 1500 maschile si decide allo sprint, con Stefano La Rosa (3’44”64) che sulla retta finale ha ragione di un folto gruppo di atleti finiti in 10 nello spazio di 3 secondi. Completano il podio Gilio Iannone in 3’45”46 e il keniano Nirojne 3’45”58, con alle spalle Mario Scapini in 3’45”67 e Luca Leone 3’45”84. Ottimi anche Michele Fontana, junior, in 3’51”96 e Mattia Moretti, allievo, in 3’55”23.

fonte: redazione Atleticanet
fonte foto: Marcello Scarabelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *