GP RIO CAIXA DE ATLETISMO 2009 – GRAND PRIX SUDAMERICANO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Testo introduttivo provvisorio relativo alla migrazione del sito Atleticanet verso il nuovo server. Riempimento ad hoc per risoluzione a video a 1024

Domenica 17 maggio si è svolto a Rio de Janeiro nello stadio Joao Havelange il secondo di una serie di 4 meeting che si terranno in terra brasiliana fino al 24 maggio (quando si terrà il Grande Prêmio Brasil Caixa de Atletismo a Belen che fa parte del massimo circuito denominato World Athletic Tour), tutti appuntamenti di caratura mondiale validi per ottenere i punti necessari per partecipare allo IAAF World Athletic Final di settembre a Salonicco.

Ora passiamo ad occuparci di quello che è accaduto in pista e sulle pedane di Rio, iniziando subito dall’acuto della neozelandese Valerie Vili (campionessa mondiale in carica) che ha iniziato davvero forte questa stagione scagliando il peso a 20,69 m migliorando il già suo record continentale (20,54 m) e lasciando le comunque quotate avversarie a più di un metro di distanza.

Bella gara anche nel lungo donne dove Higa Maggi si prende la rivincita dopo il terzo posto di Doha e vince con un buon 6,85 m lasciando terza l’americana e leader mondiale Brittney Reese con 6,70 m. Seconda un’altra brasiliana, Keila Costa, con 6,78 m.

Passando alle gare maschili facciamo notare una bella sfida nel triplo con iscritti di alto livello internazionale, dove troviamo ben 5 atleti che superano la fettuccia dei 17 metri (da notare che era atteso anche Jadel Gregorio che però non ha potuto essere in pedana per un malanno muscolare). Più lontano di tutti arrivano i cubani David Girat con 17,39 m e Yoandris Betanzos (leader mondiale) con 17,19 m, che tengono dietro il quotatissimo portoghese e campione olimpico Nelson Evora che era però all’esordio stagionale e si è comunque ben espresso con 17,11 m.

Anche nel lungo era prevista una partecipazione di lusso che però non abbiamo potuto ammirare; stiamo parlando del panamense Irving Saladino che in settimana ha patito un leggero acciacco e probabilmente ha preferito non rischiare. Ha approfittato di questa assenza il forte cubano Ibrahin Camejo (argento a Pechino) che è andato a vincere con un discreto 7,93 m con una leggera bava di vento contrario.

Pubblico in festa per la bella vittoria del brasiliano Kleberson Davide nel doppio giro di pista, gara condotta fin dall’inizio con un passaggio veloce ai 400 (50.20) che poi gli ha permesso di controllare il finale dal ritorno del suo connazionale Fabiano Pecanha e fermare il crono ad un buon 1’44”97.

Dallo sprint nessun acuto particolare, segnaliamo comunque la doppietta dell’americano Mike Rodgers che si impone nei 100 con lo stagionale a 10.08 e nei 200 con 20.34 stesso tempo dell’altro americano Rubin Williams.

 

Nella foto la pesista neozelandese Valerie Vili.

 

Risultati : http://www.iaaf.org/gp09/results/area/eventcode=4214/index.html

fonte: Iaaf.org
fonte foto: z.about.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *