35^ HYPO MEETING IAAF: SCHRADER E DOBRYNSKA PROTAGONISTI DELLE PROVE MULTIPLE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
L’Hypo Meeting, giunto alla sua 35^ edizione ha visto i trionfi al maschile del tedesco Michael Schrader (8522 pt.) vincitore di una manciata di punti sullo statunitense Trey Hardee fermatosi a soli 6 punti di gap. Giù dal podio la leggenda Sebrle di poco dietro l’altro tedesco Pascal Behrenberuch, il giovane talento under 23, al primato personale con 8374 pt.

C’era grande attesa per il ceco Roman Sebrle, trionfatore ad Atene e detentore del record dello stadio (9026 pt. nel 2001); nonché detentore del record del mondo e campione iridato in carica, tornato per portare in bacheca il sesto successo, dopo due anni di forzata assenza, nel meeting che l’ha visto presente per dodici edizioni.

Nulla da fare di fronte ai giovani tedeschi, galvanizzati e pronti per la sfida mondiale in casa: sotto la guida del campione del mondo di Roma 87, Torsten Voss, i risultati non tardano ad arrivare per la nuova generazione di decatleti stile “panzer”.

Parte subito forte lo statunitense con 10.48 nei 100 mt, ribatte il tedesco con 8,05 nel lungo, primi nelle rispettive due prove. Prima sorpresa della giornata I tre nulli nel salto in lungo dell’altro atteso protagonista, il giamaicano Maurice Smith subito tagliato fuori che però continua e vince i 110 hs in 14.02. Il duello sull’asse Germania-Usa prosegue con in mezzo gli acuti Behrenberuch davanti a tutti nel peso e nel disco.Classifica rivoluzionata poi dal salto con l’asta dove Hardee con 5,10 passa in testa e si conferma con 63,98 nel giavellotto. Con 67,54 poderosa risalita di Sebrle, sempre in sordina ma in rimonta.

Il podio si è giocato tutto all’ultima gara, netta la superiorità negli atipici 1500 del tedesco che con 4.22.26 ottiene i punti necessari per scavalcare Hardee, giunto nelle retrovie con 4.43.92; termina ultimo con 4.48.88 Sebrle salutando il podio a vantaggio del duo tedesco.

Presente anche l’atleta azzurro Wiliam Frullani che autore di una buona prova fino al salto con l’asta; causa un risentimento muscolare si è dovuto ritirare.

HEPTATHLON

Al femminile dominio ucraino capace di monopolizzare il podio con la campionessa olimpica in carica Nataliya Dobrynska a dettar legge; deludono la russa Chernova, vincitrice lo scorso anno e bronzo a Pechino, oggi finita solo settima.

L’ Ucraina solo ottava qui lo scorso anno ma capace di siglare 6733 punti a Pechino in una stagione che l’ha vista con l’oro olimpico al collo conferma la sua leadership nella disciplina che ha oramai perso la sua regina, la svedese Carolina Kluft. Secondo gradino del podio per Hanna Melnychenko con 6445 punti al primato personale completa il tris Lyudmila Yosypenko anch’essa con il personale di 6361 pt.

Duello tra le prime della classe a monopolizzare la scena, Melnychenko sfoggia le sue doti da ostacolista e con 13.45 è in testa, gara senza sussulti fino ai 200 metri, poi la Dobrynska passa al comando dopo il 6,73 ventoso nel lungo, un lungo emozionante con la Chernova costretta a piazzare un 6,30 di sicurezza dopo due nulli e complice una modesta prova di getto del peso difatto già fuori dal podio. Nel giavellotto da segnalare il 52,86 della tedesca Lilli Schwarzkopf, finita quarta a guidare il trio delle tedesche giunte davanti alla russa e dominatrici simboliche dei lanci con il 15,33 della connazionale Julia Maechtig nel getto del peso, giunta poi 5^. Il successo finale per la ragazza di Vinnytsia è bissato negli 800 conlusi con un eccellente 2.12.96.

Risultati completi su:

http://www.iaaf.org/wce09/results/eventCode=4156/index.html

Decathlon

1. Michael Schrader, Germany, 8,522 points.

2. Trey Hardee, United States, 8,516.

3. Pascal Behrenbruch, Germany, 8,374.

4. Roman Sebrle, Czech Republic, 8,348.

5. Oleksiy Kasyanov, Ukraine, 8,286.

Heptathlon

1. Nataliya Dobrynska, Ukraine, 6,558 points.

2. Hanna Melnychenko, Ukraine, 6,445.

3. Lyudmyla Yosypenko, Ukraine, 6,361.

4. Lilly Schwarzkopf, Germany, 6,337.

5. Julia Maechtig, Germany, 6,320.

 

fonte: www.iaaf.org
fonte foto: http://en.yp.cctv.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *