ELISA CUSMA E DANIELA REINA DA APPLAUSI IN GIRO PER L’EUROPA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sillogismi atletici pronti a scattare dai blocchi di partenza; due meeting infrasettimanali targati European Athletics con Salonicco, (Thessaloniki in dicitura greca) sede delle prossime World Athletics Finals di metà settembre a regalare le prime uscite dei big dell’atletica internazionale ancora con le polveri bagnate, Salonicco viatico del debutto della Golden League con la prima tappa che sarà domenica a Berlino, capitale tedesca, che sarà il fulcro della stagione con i prossimi mondiali di agosto. Se molti big non brillano, ( ma a inizio stagione va bene così) da segnalare per i colori azzurri discrete prestazioni condite dall’ottima prova della mezzofondista azzurra Elisa Cusma; in Polonia, nella famosa cittadina dal nome impronunciabile già sede di manifestazioni internazionali, Festival dell’atletica europea all’insegna dei lanci. E in Spagna Daniela Reina continua a migliorare. Vediamo nel dettaglio:

 

OLYMPIC MEETING THESSALONIKI – GRECIA

Ad aprire e chiudere la stagione dell’atletica di altissimo livello, sarà la pista dello stadio Kaftatzoglio di Salonicco , cittadina a nord-est della Grecia che oggi ha ospitato il meeting targato EA Premium, kermesse che ha visto presenti campioni del calibro di Blanka Vlasic e Dayron Robles; proprio dai salti, in elevazione ed estensione si sono viste le migliori prestazioni. Cartucce rigorosamente preservate per quello che è l’inizio di stagione per il campione olimpico dei 110hs vincitore con un modesto (per lui) 13’’30; dopo il mancato debutto a Torino la scorsa settimana, semplice amministrazione per il cubano detentore del record del mondo.
La Vlasic, dopo qualche incertezza, vince e si riconferma sopra i 2 mt, con 2,01 il meeting è suo; per la leader della specialità l’oro a Berlino sembra doveroso per riscattare la patita delusione olimpica.
800 femminili vinti autorevolmente da Elisa Cusma, la portacolori dell’esercito resiste all’attacco dell’ucraina Petliuk (2.00.21) nel rettilineo finale dopo una gara di testa conclusa con l’ottimo crono di 1.59.83 sesta prestazione mondiale stagionale.
Salto in alto spumeggiante con l’ottimo 2.33 del russo Dmitrik al primato personale davanti al ceco Baba 2,31 e all’eterno Dragutin Topic con 2,28; per il serbo oltre vent’anni di carriera a livello internazionale. In gara anche l’azzurro Campioli fermatosi a 2.24.
Triplo femminile che ha regalato emozioni, a pari misura vince la slovacca Dana Veldáková davanti alla sudanese Yamilé Aldama entrambe a 14,43; solo un centimetro in meno per la greca Athanasía Pérra. Facile vittoria per la giamaicana Delloreen Ennis-London vincitrice dei 100 hs in 13.08, doppietta 100-200 per l’atleta di casa María Karastamáti a imporsi in 11.76 e 24.04. Altro successo ellenico con Loúis Tsátoumas a un buon 8.16 nel salto in lungo. Da segnalare nella velocità maschile in 10.12 del giamaicano Mullings e il 45.16 dell’irlandese David Gillick nel giro di pista.

Risultati Completi

 

V MEETING IBEROAMERICANO DE ATLETISMO – HUELVA – SPAGNA

A Huelva l’atleta maceratese Daniela Reina è arrivata quarta nel suo secondo 800 in ambiente internazionale con il nuovo personale di 2:01.27 a conferma dell’ottima prestazione mostrata al Nebiolo di Torino.
Sale così al decimo nella lista italiana all-time.

Risultati Completi

 

IX EUROPEAN ATHLETICS FESTIVAL – BYDGOSZCZ – POLONIA

In terra polacca le migliori prestazioni sono venute dalle pedane vista la concomitante presenza di tre campioni olimpici delle specialità di peso,disco e martello al maschile. Lancio del peso vinto dal paladino di casa il polacco Tomasz Majewski con 21,09 mt; per il campione olimpico in carica successo davanti all’americano Reese Hoffa 20,77 mt campione iridato a Osaka 2007.
Nel disco è l’olimpionico Gerd Kanter ad imporsi con la misura di 66,20 davanti all’atleta di casa Piotr Malacowski fermatosi a 66,02 mt. Nel martello si impone l’ungherese Pars con 80,19 mt davanti allo sloveno Kozmus allo stagionale in 79,94.
Nei 100 metri si rivede Kim Collins che vince in 10.48 (-2,8 ), terzo l’azzurro Donati in 10.63 in una gara condizionata dal forte vento contrario. 800 targati Polonia con Marcin Lewandowski a imporsi in 1.46.03 e 110 hs all’americano Payne 13.30 (-1,3 ). Al femminile velocità con risultati falsati dal vento; con (-4.0) vince i 100 mt l’atleta delle isole vergini Laverne Jones in 11.50, i 200 vinti dall’americana Durst in 22.85 (-1.9) dopo la squalifica nei 100 metri per falsa partenza, 100 ostacoli a pannaggio di Michelle Perry in 12.86 (-1.2).
800 vinti dalla russa Klyuka in 2.01.22, 400 ostacoli dall’ucraina Rabchenyuk.
Ancora Russia dalla pedana del triplo con Anna Pyatykh alla misura di 14,41, salto in alto dai contenuti modesti con la vittoria di Yelena Slesarenko, solo 1,90 mt per la russa, oro di Atene 2004 con 2,06 di primato personale.

Risultati Completi

 

Nella foto l’azzurra Elisa Cusma vincitrice degli 800 metri in Grecia.

fonte: www.iaaf.org
fonte foto: Simone Proietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *