VALERIO ROSICHINI VOLA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Valerio_RosichiniNella giornata inaugurale dei Campionati Italiani juniores e promesse al “Guidobaldi” di Rieti si segnala lo sprinter romano, che conquista il titolo italiano sui 100 con 10.52. E’ l’acuto di un pomeriggio ricco di buone prestazioni.

Alla fine la sfida tutta romana sui 100 fra Valerio Rosichini e Francesco Basciani si è conclusa a favore del primo. La crescita costante mostrata nell’ultimo mese dai due virgulti della velocità italiana è servita a caricare le molle di una finale junior tutt’altro che scontata e molto sentita dal pubblico. Da una parte Rosichini, il biondo delle Fiamme Gialle Simoni, dall’altra il moro Basciani, dell’Acsi Campidoglio Palatino, due rivali che a Rieti tante volte si sono dati battaglia a ritmo di volate sulla pista del Guidobaldi.

La partenza di Rosichini non è un granchè, compensata tuttavia da un lanciato fenomenale, caratteristica che quest’anno già era emersa sui 200. Basciani prova a resistere, ma il rivale appare imprendibile. La vittoria di Rosichini vale 10.52, ossia un crono di assoluto valore, in grado di candidarlo nelle posizioni di vertice dello sprint europeo. Per Basciani rimane la soddisfazione per un buon secondo posto in 10.62 e la speranza di poter far proprio il titolo l’anno prossimo. Terzo un pur valido Emanuele Gelmi (Atl. Vallecamonica) con 10.64. Tra le promesse, primo posto per il sardo Giacomo Gavino Dettori (Atl. Nuoro) che con 10.55 anticipa sul traguardo Davide Pelizzoli (Easy Speed 2000), 10.57, e Davide Deimichei (U.S. Quercia Trentingrana), 10.58.

Bel successo anche quello della junior Laura Gamba (Italgest) che si impone in 11.92, mentre tra le promesse è la bionda Ilenia Draisci a spuntarla sulle avversarie. La velocista della Fondiaria Sai, esplosiva come suo solito, deve però correre in 11”69, con Audrey Alloh (Fiamme Azzurre) a tallonarla in 11.71 e Jessica Paoletta (C.S. Esercito) subito a ruota in 11.72.

Altri titoli di giornata da segnalare sono poi quelli nel triplo promesse di Eleonora D’Elicio (Fiamme Azzurre), autrice di un bel 13.47, appena 10 centimetri avanti alla seconda classificata, Federica De Santis (C.S. Esercito). Nell’alto promesse, Marco Fassinotti (Atl. Mizuno Piemonte) con 2.21 vince la concorrenza di Riccardo Cecolin che supera la stessa misura con più errori e Silvano Chesani, mentre Alessandra Lazzari del CUS Perugia si impone nell’asta con 3.80, superando Tatiana Carne (Fiamme Azzurre), seconda con 3.70.

La gabbia del martello ha accolto Lorenzo Rocchi (Assi Banca Toscana) e le sue possenti rotazioni per mandare l’attrezzo verso la soglia dei 68 metri (67.37), misura ancora insufficiente per il minimo ma più che buona per aggiudicarsi il titolo italiano promesse.Il mezzofondo ha regalato belle gare di 5000 femminili, con le vittorie di Giorgia Vasari (Running Club Futura), dominatrice tra le promesse con 16:47.40, e Valeria Roffino (Fiamme Azzurre) con 17:03.05. Successo pesante infine nella 10 km di marcia promesse per Matteo Giupponi (Carabinieri), primo con 42:00.78; la gioia della vittoria è anche per Vito Di Bari (Cus Bari) che fa sua la competizione riservata agli juniores, staccando nettamente il forte rivale Riccardo Macchia (A.s.d. Bruni Pubbl. Atl. Vomano).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *