IL VENTO DELLE PROVE MULTIPLE SOFFIA DA EST

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Krauchanka_by_PecherE’ stata il festival delle tabelle punteggio la Coppa Europa per nazioni di prove multiple svoltasi in Polonia lo scorso week end nella cittadina (dal nome impronunciabile ndr) di Szczecin.
Dopo due giorni di gare e duelli al’ultimo punto l’hanno spuntata la Russia fra gli uomini e la Polonia fra le donne, entrambi vincitori per la prima volta nella storia di questa manifestazione. La classifica finale teneva conto della somma dei punteggi dei tre atleti partecipanti alle gare.
A livello individuale nel decathlon ha vinto il favorito bielorusso Andrei Krauchanka (8336 punti) che per gran parte della manifestazione ha dovuto inseguire il quotato russo Alexander Pogorelov; mentre fra le donne l’ha spuntata di soli due punti l’ucraina Hanna Melnychenko (6390 punti) sulla polacca Kamila Chudzik .
Andando in dettaglio sulle varie gare, da segnalare il duello fra l’ucraino Kasyanov che è stato in vantaggio fino alla settima prova ed i succitati Pogorelov e Krauchanka, quest’ultimo capace di superare i 5,10 nell’asta, misura che lo ha posizionato al meglio per sferrare l’attacco finale ai suoi rivali nell’ultima prova quella dei 1500 dopo aver consolidato il secondo posto nella gara di giavellotto.
Krauchanka dunque si è trovato alla partenza dei 1500 (uno dei suoi punti di forza) con l’obiettivo di dare almeno 20” di distacco al russo Pogorelov. Detto e fatto 4’32”60 per il bielorusso e poco più di 4’56 per Pogorelov che però festeggerà con i compagni Kharlamov e Drozdov la vittoria nella classifica per nazioni, davanti alla Bielorussia e all’Ucraina.
Nell’eptathlon l’esperta Hanna Melnychenko è stata in testa alla classifica fino alla quinta prova, forte di 95 punti di vantaggio accumulati via via nelle altre gare, però la polacca Chudzik nel giavellotto è riuscita a superare la rivale con un lancio di 52,13 mentre l’ucraina è stata capace solo di un onesto 44,27. Al via degli 800 dunque la polacca si è trovata a difendere un vantaggio di 57 punti, pari a circa 4 secondi. La gara è stata una sfida a due, con la polacca attaccata all’ucraina, che però avendo negli 800 uno dei suoi punti forti è riuscita con un finale travolgente a chiudere in 2’14” 07 sufficiente per vincere la classifica finale di appena due punti!! Per la cronaca la gara degli 800 è stata vinta da un’altra polacca, Karolina Tyminska con un ottimo 2’08 che l’ha portata in terza posizione della graduatoria finale. Alla fine nel computo a squadre Polonia, davanti a Russia e Ucraina.
Da segnalare che nell’eptathlon era presente anche la squadra italiana (con Francesca Doveri, Elisa Trevisan e Sara Tani) che giungendo settima è stata retrocessa in Second League assieme all’Olanda.
In conclusione, da evidenziare la totale supremazia delle nazioni dell’est europa ed i numerosi primati personali e stagionali ottenuti dagli atleti a significare che ai mondiali di Berlino le prove multiple offriranno ancora un grande spettacolo.

fonte: european-athletics
fonte foto: Eckhard Pecher

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *