IL GOLDEN GALA SECONDO LUIGI D’ONOFRIO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

donofrio_by_proiettiIl prossimo venerdì 10 luglio, ore 19.30, presso lo Stadio Olimpico di Roma si rinnova l’appuntamento con la tradizionale rassegna internazionale dedicata alla grande atletica mondiale. Abbiamo incontrato il Direttore del Meeting, Luigi D’Onofrio, per farci raccontare in un’intervista esclusiva la vigilia della tappa italiana di Golden League.

[SP]: Allora, Direttore, lo scorso anno la magica notte del Golden Gala si concluse con il record mondiale nel salto con l’asta di Yelena Isinbayeva. Cosa ricorda, c’e’ un’immagine particolare di quella serata che le rimane indelebile nella mente?

[D’Onofrio]: Il pubblico sugli spalti dello stadio che, nonostante la gara di salto con l’asta si fosse protratta oltre il dovuto e le gare di corsa fossero terminate, era lì ad aspettare il record di Yelena, come se ne fosse sicuro.


[SP]:Quest’anno Yelena sarà ancora lì, pronta a saltare per proseguire la sua personale rincorsa al Jackpot. Si aspetta qualche altro acuto dalla zarina dell’asta?

[D’Onofrio]: Con Yelena in pedana può sempre accadere qualcosa di importante.

 

[SP]:Lei ha preso per mano il meeting oltre dieci anni fa, quando la Golden League era ancora all’inizio. Quest’anno sarà l’ultima volta per questa formula, ci fa un bilancio di questi anni vissuti per il Golden Gala?

[D’Onofrio]: Quando nel 1998 il Golden Gala fu inserito da Primo Nebiolo nella Golden League alcuni pensarono ad un favoritismo nei confronti dell’Italia. La mia grande soddisfazione è aver dimostrato con i fatti che così non era. Il Golden Gala negli ultimi 11 anni ha sempre avuto una valenza tecnico-organizzativa di prim’ordine e le classifiche della IAAF stanno lì a dimostrarlo. Il Golden Gala, nella media del Ranking IAAF 1998-2008 è terzo assoluto e nel 2005 e 2006 è anche stato primo.


[SP]:C’è un campione, o più di uno, che ricorda con particolare affetto in questi anni, uno o più atleti che davvero l’hanno lasciata senza parole?

[D’Onofrio]: Ho stima di tutti gli atleti che hanno voluto onorare il Golden Gala con la loro presenza. Certo alcuni hanno dato un lustro particolare al meeting e tra questi metto al primo posto sicuramente Hicham El Guerrouj che ha stabilito a Roma due favolosi record mondiali nei 1.500 e nel miglio, tuttora imbattuti, dopo 10 anni.


[SP]:Torniamo al presente, come sta andando l’organizzazione di questo Golden Gala 2009? Nella conferenza stampa di qualche settimana fa aveva menzionato alcuni ritardi nelle operazioni di ingaggio degli atleti, riflesso della crisi economica che ha colpito anche l’Italia. Tutto risolto?

[D’Onofrio]: Si le cose si stanno normalizzando, fermo restando che l’anno è uno dei più difficili dal punto di vista economico. Ma alcuni atleti ne sono consapevoli e nei nostri confronti si stanno comportando di conseguenza.

 

[SP]:Quest’anno cosa si aspetta dal suo meeting?

[D’Onofrio]: Mi aspetto che il pubblico romano capisca gli sforzi che stiamo facendo per continuare ad avere a Roma una manifestazione di così grande livello e che ci sorregga con una partecipazione massiccia allo stadio.

 

[SP]:Quale gara ci consiglia di seguire con attenzione?

[D’Onofrio]: Le 18 gare in programma saranno tutte di altissimo livello partecipativo. In molte ci saranno sfide tra il campione olimpico e il campione mondiale in carica. C’è l’imbarazzo della scelta.

 

[SP]: Ci saranno come al solito parecchi campioni, fino a qualche settimana fa si parlava di 26 medaglie olimpiche di Pechino, con nomi di spicco quali Kenenisa Bekele, Sanya Richards, Irving Saladino, Asafa Powell. Dobbiamo aspettarci qualche altro atleta di prim’ordine nei prossimi giorni?[D’Onofrio]: Il cast si è arricchito, tra gli altri,  con Tyson Gay campione mondiale dei 100, Dayron Robles , Dawn Harper e Melanie Walker campioni olimpici.

 

[SP]:Anche quest’anno nonostante il meeting sia successivo ai campionati americani e con i Mondiali a poco più di un mese, già hanno confermato la loro presenza parecchie stelle. Sembra proprio che il Golden Gala e Roma piacciano ai campioni, o no?

[D’Onofrio]: Fermo restando il fascino di Roma e dell’Italia in genere, si è creata negli anni negli atleti una certa familiarità e rispetto con lo staff organizzativo e si è rafforzata in loro la convinzione di partecipare al Golden Gala sempre a gare di altissimo livello con la possibilità di conseguire buone prestazioni personali.

 

[SP]:Per l’Italia l’atleta di punta sarà soprattutto Antonietta Di Martino, reduce dal bel salto a 2 metri in Coppa Europa. Che atmosfera troverà sulla pedana dell’alto?

[D’Onofrio]: Per un atleta italiano lo Stadio Olimpico è casa propria. Antonietta troverà il calore della sua gente.

 

[SP]:La prima tappa di Berlino oltre a decretare i nomi di coloro che potranno inseguire il Jackpot milionario, ha già fornito alcune indicazioni. Chi l’ha impressionata di più?

[D’Onofrio]: Vincere il jackpot non è facile e siamo solo alle prime prove. Certo Bekele e la Richards mi sembra abbiano più possibilità di altri. Ma potrei sbagliare.

 

[SP]:In molti chiedono informazioni sulla presenza di Oscar Pistorius, beniamino del pubblico romano. Ci sarà anche quest’anno? Se sì che gara troverà?

[D’Onofrio]: Quest’anno non ci sarà. Nel 2007 abbiamo aperto una porta sull’atletica ad Oscar. Ora è giusto che corra con atleti di suo pari livello.

 

[SP]:Dal prossimo anno sarà Diamond League, e il Golden Gala tornerà ai primi di giugno per portare più interesse attorno al meeting, una bella conquista non le pare?

[D’Onofrio]: Vedremo.

 

[SP]:Cosa si augura per il futuro del Golden Gala, quali aspetti dovrebbero essere migliorati?

[D’Onofrio]: C’è sempre da migliorare e così noi dovremo fare, in tutti i settori. Ne siamo consapevoli, abbiamo uno staff professionalmente valido e sappiamo dove intervenire. Certamente però auspico un miglioramento quantitativo della raccolta pubblicitaria per avere i mezzi per operare questi miglioramenti.

 

[SP]:Ci si lamenta spesso del pubblico e degli spazi vuoti nello stadio, ma Roma in genere non delude portando all’Olimpico una media di circa 40000 persone, che a luglio per un meeting di atletica non sono poche. E’ soddisfatto o pensa si possa migliorare ancora?

[D’Onofrio]: Il pubblico allo stadio è “in assoluto” numeroso per l’atletica. In relazione alla ampiezza dello stadio appare deludente. Sono convinto che si può migliorare nel momento in cui riusciremo ad attrarre anche i non appassionati di atletica che al momento sono la quasi totalità.

 

[SP]:Ogni anno il Golden Gala porta in pista tanti ragazzini entusiasti per correre il Palio dei Comuni, manifestazione ormai entrata nella tradizione del meeting. Un modo per strizzare l’occhio ai giovani?

[D’Onofrio]: Il Palio dei Comuni è un fiore all’occhiello delle attività promozionali con il coinvolgimento di oltre 100 comuni. Riservato inizialmente ai Comuni del Lazio, stiamo pensando seriamente di aprirlo gradualmente  a tutti i comuni d’Italia.

 

[SP]:Se dovesse convincere i lettori a comprare i biglietti per la serata del prossimo venerdì 10 luglio, cosa direbbe loro?

[D’Onofrio]: Venite a vedere in sole tre ore di spettacolo una concentrazione di campioni simile a quella che possono offrire i Campionati del Mondo o l’Olimpiade. E non dovete aspettare queste grandi manifestazioni che al momento non sono neppure previste in Italia. Il Golden Gala ve la propone annualmente. E poi un po’ di campanilismo, facciamo vedere al mondo che i romani amano l’atletica come e forse più di altri.

 

Grazie Direttore. L’appuntamento allora è d’obbligo per tutti gli appassionati, venerdì 10 luglio, dalle ore 19,30, Stadio Olimpico di Roma, la grande atletica vi aspetta numerosi (info su www.goldengala.it).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *