Collio super a Rieti

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Collio_by_ProiettiPrestazione strepitosa sui 100 da parte di Simone Collio sulla pista del Raul Guidobaldi di Rieti, durante una riunione di interesse regionale svolta nel pomeriggio. Le prime impressioni del finanziere riferiscono di una partenza impeccabile, sullo sparo, di quelle che capitano poche volte nella vita di un velocista.

Poi la fase di accelerazione ed un lanciato senza sbavature fanno il resto, catapultando lo sprinter della Nazionale sulla linea di arrivo in 10.06, spinto da un vento a favore di 1,2 m/s. Una prestazione inaspettata, arrivata a dieci giorni dalla discreta gara del Golden Gala. Successivamente al meeting romano c’era stato un richiamo di forza, poi i 100 ad Atene corsi necessariamente un po’ zavorrati dai carichi, e quindi cinque giorni di riposo totale. Uno scarico che ha fatto fare il salto di condizione, di cui Collio già si era reso conto con il 10.22 della batteria, maturato a seguito di una partenza disastrosa con i blocchi scappati via dietro. Gran merito dell’exploit reatino Simone Collio lo vuole assegnare anche al prof. Bonomi, capace ancora una volta di calibrare allenamenti e pianificare con precisione la condizione di forma.

Il 10.06 fa salire Collio al secondo posto, sopravanzando sia Fabio Cerutti che la meteora Carlo Boccarini nella graduatoria all time in Italia, dietro solo al 10.01 di Pietro Mennea, tuttora record italiano.

Il crono a questo punto serve a Collio anche per staccare con largo margine il biglietto per i Mondiali di Berlino nella gara individuale, oltre alla staffetta 4×100 di cui il lombardo è titolare. Proprio riguardo la staffetta, il velocista azzurro si dichiara particolarmente fiducioso, ora c’è un gruppo compatto, che funziona e che si presenta competitivo. Le polemiche della passata stagione sono ormai superate, ora c’è solo da rimanere concentrati in pista. Prossimi impegni saranno gli Assoluti di Milano, poi l’obiettivo sarà solo quello, i Mondiali di Berlino.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *