Seconda giornata Campionati Europei Juniores Novi Sad

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
bianca_Perrie

Nella seconda giornata dei campionati europei under20 di Novi Sad sono mancate le medaglie per la spedizione azzurra, nonostante il bilancio italiano sia abbastanza positivo; inoltre ci sono state prestazioni di rilievo, sopratutto sui 100m, dove il francese Christophe Lemaître sigla con 10.04 il nuovo record europeo di categoria e record dei campionati, lasciandosi alle spalle il favorito Ramil Guliyev (secondo in 10.16), completa il podio l’inglese Eugene Ayanful con 10.37.



Si confermano sui loro livelli i due italiani in gara Valerio Rosichini e Delmas Obou che con 10.54 e 10.55 si classificano rispettivamente quinto e sesto.
Nella gara femminile, priva della partecipazione azzurra, si conferma la tedesca Yasmin Kwadwo (11.42) che era sembrata molto brillante già dalle fasi di qualificazione, e completano il podio Folake Akinyemi (11.47) e Andreea Ograzeanu (11.47).

Il primo record del pomeriggio è quello fatto registrare dalla Romena Bianca Perie nel martello: la giovane lanciatrice al secondo tentativo ottiene la misura di 68.59 che le permette di conquistare l’oro e il nuovo record dei campionati, consolidando la sua leadership mondiale. Rimangono distanti oltre 4m Jenny Ozorai, seconda a 63.70 e l’inglese Sophie Hitchon terza con 63.18.
Nel lungo donne ha volato davvero lontano la giovane russa Darya Klishina: 6.80 e nuovo record dei campionati con una serie di salti straordinaria (6.56 6.41 6.80 X 6.72 6.72) e riesce così a superare l’amica-rivale Ivana Španovic (6.71) e si classifica terza la polacca Anna Jagaciak con 6.29.

Anche nell’ultima finale in programma il disco uomini il lanciatore ucraino Mykyta Nesterenko sigla con 65.73 il nuovo record dei campionati, riscattandosi dalla delusione della sconfitta nei campionati mondiali under20 dello scorso anno. Si classifica secondo il tedesco Gordon Wolf con 63.02 mentre gli altri lanciatori rimangono sulla soglia dei 60m.

Tra le altre finali di buon livello sono i 400 maschili (gara dalla quale il nostro Francesco Cappellin è rimasto escluso dopo il decimo posto nelle batterie) che sono stati vinti con un notevole 45.59 dal britannico Chris Clarke. Mentre tra le donne Valentina Zappa è riuscita a conquistare la finale grazie al miglioramento del proprio personale nelle qualificazioni di ieri (54.32), ottenendo un più che dignitoso settimo posto con 54.65 classificandosi alle spalle della vincitrice Yuliya Baraley (52.80).
Nel triplo uomini, gara con risultati non esaltanti, compongono il podio il capolista stagionale Aleksey Fyodorov (16.67), il turco Askin Karaca che vince l’argento con 16.10 e sigla il nuovo record nazionale under20, e altrettanto inaspettatamente conquista la terza piazza Pavels Kovalovs con il nuovo personale di 16.03.

I due italiani in gara Andrea Chiari e Jeudi Brito si sono difeso al meglio ottenendo un nono e un decimo posto (15.42 e 15.36). Inoltre si è conclusa in questa seconda giornata la decima e ultima fatica dei decatleti. La classifica complessiva ha visto trionfare con 7769 punti il belga Homas Van Der Plaetsen, alle sue spalle conquista l’argento lo svedese Peter Olson (7734) e bronzo per il tedesco Kai Kazmirek con 7639.

L’italiano Michele Calvi migliora i risultati ottenuti nella prima giornata e si è piazza undicesimo con 7179 punti mentre perde qualche posizioni rispetto allaprima giornata Stefano Combi che è solo ventunesimo(6747).
Nelle gare di qualificazioni ci sono notizie confortanti per i colori azzurri: partendo dai 200m, tra gli uomini Diego Marani domina la sua batteria con 21.04,raggiungendo direttamente la semifinale che si correrà domani, cosa che fa anche Lorenzo Valentini ripescato con 21.60 da una batteria più impegnativa. Anche tra le donne le due atlete italiane Laura Gamba e Marta Maffioletti conquistano la semifinale di domani con 24.36 e 24.57.
Anche Elena Vallortigara nell’alto approda in finale con la misura di 1.80 saltata al primo tentativo. Mentre nei 3000st sono eliminati entrambi gli azzurri Andrea Scoleri e Maurizio Tavella (9’16″58 9’25″35).

Nella foto Bianca Perrie
Fonte Romania Olympics 2008

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *