Bene Gibilisco, fuori Andrew

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Howe_-_Grosseto_2009_-_foto_di_Andrea_Bruschettini_-_web_1Le gare test di oggi hanno dato i loro responsi. Giuseppe Gibilisco è confermato nel gruppo azzurro a Berlino, niente da fare invece per Andrew Howe frenato ancora dall’infiammazione al tendine d’Achille.
Nel meeting di Cottbus, in Germania, Gibilisco ha convinto. Non avrà ripetuto il 5,70 di una decina di giorni fa, ma il siciliano ha dimostrato comunque di poter valere certe misure. Prima il 5,50 passato al secondo tentativo, poi tre errori a 5,65, sfiorando l’asticella con l’impressione di averla quasi superata. Gibilisco è finito al terzo posto, dietro il tedesco Bjorn Otto ed il britannico Steven Lewis, tutti e due sopra i 5,60.

Storia tutta diversa per Andrew Howe, impegnato al “Zecchini” di Grosseto nel salto in lungo. L’atleta dell’Aeronautica purtroppo ha dovuto piegarsi di fronte ai forti dolori tendinei sul piede sinistro. Il miglior salto è stato un 7,83 con stacco lontano dall’asse di battuta, ma il problema rimane il tendine d’Achille ed il rischio di incorrere in guai più seri. A nulla è valso dunque vincere la gara con altri tre salti a 7,71, 7,62 e 7,74. Andrew è costretto ad abbandonare con largo anticipo i sogni mondiali, ora i pensieri saranno quelli delle cure con un’operazione chirurgica prevista tra fine agosto ed i primi di settembre.

Foto: Andrew Howe a Grosseto (foto di Andrea Bruschettini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *