CERTAME ATLETICO DI BARLETTA – PREVIEW

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Certameatletico_2009Per il terzo anni consecutivo, il Certame Atletico di Barletta promette bene. Pista e pedana del Puttilli ospiteranno gare di indiscusso valore, e vanteranno la presenza di numerosi finalisti mondiali ed olimpici, oltre che i migliori talenti di casa. Appuntamento fissato per martedì 8 settembre, rigorosamente in notturna.

Per il terzo anno consecutivo il Certame Atletico si pone l’obiettivo di mettere in evidenza i campioni locali, ormai di caratura internazionale, facendoli confrontare con atleti stranieri ed italiani, dando vita a gare entusiasmanti.

100 UOMINI
Barletta, terra di Mennea e Dipace, terra di velocisti. Come nella tradizione, qui le gare di sprint sono intensamente vissute; in occasione dei trent’anni del record mondiale di Mennea a Città del Messico, l’organizzazione del meeting ha voluto puntare su una grande gara di velocità. Ai blocchi di partenza, il campione italiano in carica SIMONE COLLIO, reduce dall’ottimo 10”19 ottenuto sulla pista “lenta” di Padova, che quest’anno, nonostante abbia avuto difficoltà ad esprimersi ai massimi livelli, ha comunque fatto segnare la seconda prestazione all-time italiana (10”06). A contendergli la vittoria ci sarà il velocista delle Barbados ANDREW HINDS, che quest’anno ha corso in 10”03; entrambi potrebbero riscrivere il primato della manifestazione (10”17, segnato da Asonze nel 1998). Non avrà di certo un ruolo da comprimario il jamaicano AINSLEY WAUGH, fresco vincitore del meeting di Padova per qualche millesimo, che lo scorso anno è stato capace di correre in 10”14. Con loro anche il nigeriano DEJI MUSA e il pugliese GIANNI TOMASICCHIO.

100 DONNE
Sarà una grande gara anche per le donne. Quando in Italia si parla di velocità, si pensa subito a MANUELA LEVORATO, capace negli anni di riscrivere la storia di 100, 200 e 4×100 a suon di record. E questa storia passa anche da Barletta, quando in una calda serata di Luglio 2000, Manuela diventa la protagonista assoluta della manifestazione, guidando la 4×100 all’allora record italiano di 43”44 (durato ben 8 anni), e correndo i 100 in 11”21, un solo centesimo in più di quello che era il suo primato italiano. A contenderle lo scettro di regina del meeting, un’atleta in grado di mettere in dubbio la supremazia americana e caraibica del settore: IVET LALOVA, accreditata di un incredibile 10”77 (risalente al 2004), che quest’anno ha sofferto però alcune noie fisiche. Con loro, anche la giovane sarda MARIA AURORA SALVAGNO, leader stagionale italiana della specialità col nuovo PB di 11”50, nonché finalista dei 60 indoor agli europei di Torino e dei 100 ai Giochi del Mediterraneo. Inoltre, confermata anche la presenza di AGNES OSAZUWA (Nigeria) ed EMMA ANIA (Gran Bretagna).

TRIPLO UOMINI
In pedana, il dominatore mondiale 2009 della specialità, ARNIE DAVID GIRAT, cubano, leader incontrastato del World Athletics Tour 2009 IAAF, capace quest’anno di 17,62. A soli 25 anni vanta numerosi piazzamenti nei primi otto ai mondiali, la partecipazione a due Olimpiadi, e due medaglie prestigiose: un oro mondiale juniores, ed un argento ai recenti mondiali indoor di Valencia. Non è da meno anche JADEL GREGORIO, sontuoso triplista brasiliano, già noto al pubblico di Barletta dopo l’esperienza della passata stagione. Quest’anno ottavo ai mondiali, vanta anch’egli una carriera e un palmares da fare invidia, con una medaglia d’argento ai mondiali del 2007, e due d’argenti ai mondiali indoor. Con loro anche il carabiniere FABRIZIO SCHEMBRI, fresco di medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo, nonché campione italiano in carica, e la grande promessa dell’atletica italiana DANIELE GRECO, pugliese di Nardò, quest’anno capace di un inaspettato salto di qualità. In un solo anno ha guadagnato 80cm, portandolo ad un fantastico 17,20 in occasione dei Campionati Europei U23.

400 OSTACOLI UOMINI
In questa gara, Barletta si affiderà alle doti atletiche del campione italiano NICOLA CASCELLA, fresco di record personale e desideroso di riscatto dopo la squalifica rimediata a Padova per un piccolo problema tecnico. Con lui alla partenza, la medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Atene 2004, il transalpino NAMAN KEITA, che ha scelto Barletta per tornare in pista dopo due anni di stop forzato a causa di una squalifica per doping. I due saranno sicuramente i protagonisti principali di una gara che si preannuncia mozzafiato e che anche stavolta potrebbe decidersi all’ultimo ostacolo. Al loro fianco ci saranno tuttavia atleti in grado di poter dire la loro, come il cubano DIAZ MARTINEZ ARAMIS, che vanta un personal best di 50”74, la giovane promessa albanese EUSEBIO HALITI, e i due giovani azzurri LEONARDO CAPOTOSTI e FRANCESCO FILIPPONI.

800 UOMINI
L’obiettivo è chiaro: riscrivere il record del meeting, attualmente pari a 1’47”44, ed appartenente a Giuseppe D’Urso, uno dei maggiori esponenti della specialità negli anni novanta. Per far ciò, si è puntato su una starting list d’eccezione, con i migliori atleti italiani della specialità, incalzati da atleti kenioti dello stesso calibro. Ci sarà LUKAS RIFESSER, atleta altoatesino che negli ultimi tre anni ha collezionato due presenze mondiali (Osaka e Berlino) ed una olimpica (Pechino). A difendere con lui i colori italiani, anche CHRISTIAN OBRIST, specialista dei 1500, in cui lo scorso anno ha riportato i colori azzurri in una finale olimpica. Per il Kenya, invece, la medaglia d’argento agli ultimi mondiali juniores GEOFFREY KIBET, classe 1990, detentore di un personale di 1’46”23, secondo nella passata edizione del Certame. In gara anche i connazionali SURUM SAMSON RESON, dominatore di molti meeting sia in Europa che in America, e JOSEPH BOIT, entrambi accreditati di personali inferiori all’1’47.

10000 UOMINI
Gara insolita per un meeting, ma richiesta esplicita di un atleta di casa: DOMENICO RICATTI, desideroso di un test in vista della Mezza di Torino a fine mese, ma soprattutto dell’esordio in maratona a Venezia, a fine ottobre. A fargli compagnia, i kenioti TOO JULIU KIPRUGARD e KIPKEMEI TALAM ABRAHAM, il ruandese RUKUNDO SYLVAIN e l’ucraino OBRUNSKYY MAKSYM.

1500 DONNE
Protagonista incontrastata sarà la padrona di casa VERONICA INGLESE, bronzo agli europei juniores di Novi Sad. Con lei, l’italiana dell’Esercito CRISTIANA ARTUSO e la sudanese KALAMEYA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *