Certame Atletico di Barletta

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ricattiUna notte di spettacolo a Barletta, come volevasi dimostrare. Le stelle dell’atletica hanno illuminato la fresca serata di settembre, entusiasmando come sempre il numeroso pubblico accorso per assistere alle imprese dei campioni.

Dopo il prologo riservato ai ragazzi delle categorie giovanili, si è cominciato a fare sul serio con la finale dei 100 nazionali, vinta per pochi millesimi da Gabriele Giudetti (Aden Exprivia Molfetta), su Arcangelo Morizio; entrambi con il tempo di 10”90.

Contemporaneamente iniziavano i salti dei triplisti: vento ai limiti (+1.9) quando il cubano Arnie David Girat piazzava subito un 16,70; la risposta arrivava poco dopo da Fabrizio Schembri: 16,80 ventoso, e senza aver toccato l’asse di battuta che gli avrebbe di portarsi in testa alla gara. Al termine della gara, la vittoria è andata al cubano, balzando a 16,98 e dunque sfiorando il record del meeting di Fabrizio Donato (17.06).

Nel frattempo in pista cominciavano a susseguirsi le gare internazionali, come i 400hs, che vedevano al via il campione italiano, Nicola Cascella. I favori del pronostico davano parimenti quotati l’atleta di casa e il francese Keita. Alla fine, l’ha spuntata il cubano Aramis Diaz, che ha anticipato tutti sul traguardo chiudendo in un ottimo 50”76.

Successivamente è stata la volta degli 800 che vedevano al via i migliori italiani: Rifesser e Obrist. Proprio quest’ultimo è stato protagonista di una gara eccezionale. 1’46”48 il responso finale, record del meeting abbassato di un secondo e gara perfetta, che rimarrà impressa per un po’ di tempo nella mente del pubblico del Puttilli.

E’ stata poi la volta dei 100 femminili, dominati dalla britannica Emma Ania (11”49), e dei 1500 femminili vinti dalla sudanese Durka Mana Kalameya sulla barlettana Veronica Inglese.

Le ultime due gare hanno visto il ritorno degli uomini in pista: prima gli sprinters per la finale dei 100 internazionale e dopo i fondisti dei 10.000. La prima è finita con la vittoria del jamaicano Ainsley Waught (10”36) sull’atleta delle Barbados Hinds, e sul nostro Simone Collio; la seconda ha visto la vittoria keniota di Too Julius, ma anche il terzo posto dell’aviere barlettano Domenico Ricatti, che ha chiuso la gara-test per la mezza maratona di Torino con l’ottimo crono di 29’13”58.

Soddisfazione anche quest’anno per il comitato organizzatore, riuscito a mettere su una delle più belle edizioni del Certame Atletico, e per aver potuto regalare gioia ed emozioni ad un pubblico ormai competente di atletica e ogni anno sempre più numeroso.
Appuntamento al 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *