GYMNASIADI : TERZA GIORNATA DI GARE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
MachDiPalmsteinHa ripreso oggi, dopo una pausa giornaliera, l’attività agonostica nell’affascinante Khalifa International Stadium di Doha e la delegazione azzurra ripartiva da una scorpacciata di medaglie ottenute mercoledì; obiettivamente l’intento della giornata odierna non poteva essere dello stesso livello della precedente, dobbiamo però dire che i nostri ragazzi hanno ottenuto delle gran belle prestazioni .

Si è cominciato al mattino con diversi turni di qualificazione in cui erano impegnati diversi nostri atleti. Subito bene la coppia di velocisti Tortu – Pino che superano le batterie dei 200 metri rispettivamente con 22.23(-1.0) e 22.45(-0.8). In gan luce l’ostacolista livornese Mach Di Palmstein che sfiora il proprio personale nei 110 Hs volando con 13.73(0.0) e presentandosi in finale con il miglior tempo. Stessa situazione per il pesista Secci che con un gran lancio a 19,42 m si candida seriamente per la vitoria; infatti il secondo nelle qualificazioni ha lanciato due metri meno dell’azzurro.
In finale arrivano anche Anna Visibelli nel lungo con la discreta misura di 5,83 m e Silvia Zuin nei 100 Hs con il secondo tempo di 13.83(+0.7).Unica finale in mattinata è stata quella del martello femminile dove le nostre atlete rimangono un po’ al di sotto delle proprie potenzialità. Francesca Massobrio è sesta con 49,53 m mentre è soltanto dodicesima Maria Chiara Rizzi con un poco soddisfacente 36,66 m. Vittoria per la francese di origine russa Alexia Syedikh con un bel 55,54 m

Nel pomeriggio si fa sul serio, è tempo di finali. Si parte con i 1000 m uomini e donne, dove Mattia Moretti agguanta il quinto posto con 2’29.58 nella gara vinta dal qatariano Mohamad El-Garni con un bel 2’22.32 e Irene Baldessari non va oltre un ottavo posto con 2’56.97; precede tutte la britannica Georgia Peel con 2’49.66.

Belle prove ancora dai velocisti azzurri nei 200 metri, infatti sia la coppia maschile Giacomo Tortu – Alessandro Pino sia Giada Masolini riescono a strappare la qualificazione per le rispettive finali. I due azzurri corrono molto vicini ai propri limiti personali 22.07(+0.1) per Tortu e 22.09(+0.1) per Pino, mentre la velocista azzurra corre in 25.07(0.0).

Dalla pedana del triplo riportiamo il piazzamento al quinto posto di Leonardo Bruno con 15,07(+0.4) m e il deludente decimo posto di Demitris Mouratidis con 14,48 m, poi sfortunato protagonista della staffetta azzurra. Vittoria per il russo Yurchenko con un bel 16,11 m.

Veramente deludente il risultato della staffetta 100-200-300-400 maschile (quartetto che aveva le carte in regola per una medaglia preziosa) che a causa di un brutto pasticcio nel cambio fra Mouratidis (chiamato a sostituire l’acciaccato Re) e Patano ha perso terreno prezioso, rendendo inutili le rimonte di Bencosme e Tricca. Il tempo finale degli azzurri è stato di 2’00.32 non sufficiente per correre la finale. Nettamente meglio le ragazze italiane (Visibelli-Masolini-Bongiorni-Gatti) che accedono alla finale con il miglior crono assoluto 2’13.52, il che fa ben sperare per il gran finale di domani.

Link ai risultati delle gare http://www.gymnasiade.com/AT_Results_day%2033.pdf

Nella foto l’ostacolista Ivan Mach Di Palmstein  (foto di Andrea Bruschettini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *