Palmieri e Ricali campioni di prove multiple indoor

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ricali400hs1Dopo una prima giornata super, l’asta tradisce Casiean, che finisce sesto. Titolo tricolore a Riccardo Palmieri, autore ugualmente di ottime prestazioni. Assente Frullani. Al femminile, anche quest’anno prima piazza a Cecilia Ricali (nella foto), che la spunta su avversarie comunque di valore. Segnali positivi anche dai settori giovanili.

E’ calato il sipario da poche ore sull’edizione 2010 dei Campionati Italiani di Prove Multiple al coperto, svoltisi come lo scorso anno al Banca Marche Palas di Ancona.

Una volta sfogliati i risultati, spiccano l’assenza di William Frullani (che figurava nelle liste degli iscritti), ed il 6° posto finale di Franco Casiean (Carabinieri), dopo una prima giornata più che positiva, che lo aveva portato in testa alla classifica provvisoria con ben 350 punti di vantaggio; ottimo infatti era stato il suo 7”10 sui 60 piani, così come il 2,03 nell’alto. A tradirlo è stato il salto con l’asta, con tre nulli alla misura d’entrata (4,00).

Ad approfittarne è Riccardo Palmieri (Sport Atl. Fermo) che si aggiudica il suo primo titolo tricolore assoluto “in casa” con 5402 punti. Tre primi posti per lui: nei 60 ostacoli con 8”27, nel salto con l’asta con 4,90, e nei 1000 metri percorsi in 2’47”98.
Alle sue spalle si piazzano Thomas Gallizio (ASV SV Lana-Raika) con 5070 punti, e Stefano Combi (Ginnastica Monzese Forti e Liberi) con 4956. Proprio a quest’ultimo va inoltre la maglia tricolore per la categoria promesse. Il secondo posto è di Matteo Piazza (Prosport Atl. Firenze) con 4761 punti, ed il terzo di Nicolò Castro (SS Trionfo Ligure) con 4679 punti.

A spuntarla tra gli juniores è Elamjad Khalifi (La Fratellanza 1874), vincitore con 5079 punti, grazie ai suoi piazzamenti quasi sempre tra i primi tre classificati. E’ secondo per questione di millesimi nei 60 piani, chiusi in 7”27, primo nei 60 ostacoli con un ottimo 8”28, balza a 6,63 nel lungo, e si aggiudica all’ultimo i 1000 metri in 2’46”94. Al secondo posto troviamo Leonardo Ottaviani (AVIS Macerata) con 5030 punti, e al terzo Leonardo Bagnoli (Prosport Atl. Firenze) con 4976 punti.

Nel pentathlon allievi ottime prestazioni sono arrivate dai 60 ostacoli, con l’8”41 di Roberto Paoluzzi (Atl. Capanne Pro Loco), seguito da Leonardo Malatini (Atl. Osimo) in 8”51 e da Alessandro Rigamonti (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) in 8”68. Ed è proprio Rigamonti che, con 3597 punti, sale sul gradino più alto del podio, seguito con 3591 punti da Paoluzzi e da Alessandro Grande (Atl. Riccardi Milano)  con 3561 punti.

E’ di nuovo Cecilia Ricali, tesserata per le Fiamme Azzurre, la campionessa italiana di prove multiple al coperto (4205 punti per lei, e nuovo primato personale). Miglior risultato l’8”67 che le ha dato il secondo posto nei 60 ostacoli, dietro lo strepitoso 8”44 della compagna di squadra Elisa Bettini. Niente male neanche il suo 2’15”92 nell’impresa finale sugli 800 metri.

La classifica assoluta prosegue con Laura Rendina (GS Valsugana Trentino) con 4045 punti e con Jennifer Massaccisi (Tecno Adriatletica Marche) a quota 3889, punteggio che le dà peraltro la vittoria nella categoria promesse. Alle sue spalle Enrica Cipolloni dello stesso team con 3674 punti e Serena Capponcelli (Atl. New Star) a 3460.

La classifica juniores vede invece al primo posto l’azzurrina Elena Vallortigara (Assindustria Sport Padova) con 3626 punti. Seconda Sara Elena Bianchi Bazzi (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) a 3604 punti, e terza Selene Lazzarini (Toscana Atl. Empoli Nissan) a 3550 punti.

Infine, per quanto riguarda le allieve, impossibile non accorgersi di Daria Derkach (ASD Atl. Vis Nova), nuova campionessa italiana, che si aggiudica tre gare su quattro. 8”67 nei 60 con barriere, 1,69 nel salto in alto e 58”70 nei 400 metri sono i suoi ottimi risultati. Non basta l’ultimo posto nel peso per minare la sua prestazione complessiva. 2869 punti per lei, seguita da Flavia Nasella (Fondiaria SAI) con 2606 punti e da Alice Sauda (Unione Giovane Biella) con 2565 punti.

 

foto: Polizia Penitenziaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *