PSD Bank Meeting Düsseldorf meeting stellare

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

koech_by_zlatatretra.czDavanti a 1800 spettatori, in un 5000 da fantascienza Paul Kipsiele Koech, stabilisce la nuova miglior prestazione mondiale nei 5000 indoor. Con un finale che più insolito non si può il keniano, in lotta col connazionale Daniel Komen si aggiudica la gara grazie ad un’ingenuità dell’avversario che sbaglia il conto dei giri e quasi si ferma a 400 mt dalla fine.

Che tre keniani fossero il podio di questo 5000 era abbastanza scontato ma vedere una gara di questo tipo con un errore da categoria ragazzi è sempre qualcosa di eccezionale. Comunque sia, il favorito Daniel Komen chiude al secondo posto con il tempo di 13’06”27 lasciando la vittoria a Paul Koech che si aggiudica la gara in 13’02”95, nuovo limite mondiale.

Ma questa è stata solo una delle tante cose interessanti viste al meeting di ieri sera. Lolo Jones la forte specialista degli ostacoli, ieri ha abbattuto grossolanamente la prima barriera in batteria rischiando l’eliminazione; 8”05 per lei mentre nell’altra batteria Yvette Lewis metteva il sigillo alla miglior prestazione mondiale dell’anno con 7”90. Finale di tutt’altra natura con una Jones più a fuoco che sale in cattedra e vince, con la “nuovissima” miglior prestazione mondiale in 7”85.
Altra gara e altra Jones, questa volta si tratta di Laverne Jones Ferrette che nei 60 piani fa segnare il nuovo limite mondiale in 7”09.
Grande spettacolo anche nella velocità maschile, nei 60hs il campione olimpico Robles vince la finale in 7”50 mentre Allen Johnson deve dare forfait alla partenza della seconda batteria per problemi ai tendini. Nei 60 piani vittoria e, manco a dirlo, nuovo limite mondiale stagionale, per l’americano Mark Jelks che corre in 6”56 fermando la piastra dei blocchi ad un tempo di reazione stratosferico: 0,111.

Ritorno di fiamma per l’indomito Yuri Borzakovskiy che mette tutti in fila negli 800 maschili. Per lui vittoria e world limit in 1’45”77; alle sue spalle il sudanese Ismail Ismail e il polacco Adam Kszczot. Ancora world limit per questa riunione indoor stellare con Augustine Choge che vince per il Kenia i 1500 nel tempo di 3’36”75 in una gara praticamente tutta africana.

Finalmente un po’ di Germania con una bella doppietta (quasi tripletta) nell’asta maschile. Vittoria per Alexander Straub con 5.70 che è anche la misura del secondo classificato Hendrik Gruber. A rompere le uova nel paniere, in terza posizione si infila il francese Romain Mesnil che salta 5.60 ma con un errore in meno del quarto classificato, il tedesco Raphael Holzdeppe. Più agevole l’altra vittoria tedesca nel peso maschile con Ralf Bartels che “ammazza” la gara con un secondo lancio a 20.70 (tutti i lanci sopra i 20mt) che gli vale la vittoria. Alle sue spalle il polacco Majewski e terzo lo juniores tedesco, classe 1990 David Strol che chiude in rimonta a 20.08.
Rileviamo infine un altro risultato di grande valore tecnico, il balzo della cubana Yargelis Savigne nel triplo che con 14.84, stabilisce l’ottava prestazione mondiale della serata.

Un grande meeting indoor che ha saputo conciliare lo spettacolo dei grandi campioni con gare giovanili fino alla categoria allievi. Una serata di grande atletica!

I risultati: icon PSD Bank Meeting Düsseldorf 2010 (113.49 kB)

fonte: Iaaf.org – fonte foto: zlatatretra.cz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *