Isinbayeva a sorpresa: mi fermo!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IsinbayevaBerlinoDichiarazione shock della zarina del salto con l’asta che ha deciso di lasciare le competizioni per un periodo indefinito. Rimangono in piedi gli obiettivi a lungo termine, ma a rischio c’è la prossima stagione estiva.

Che le cose non andassero al meglio ce ne eravamo accorti prima ai Mondiali di Berlino dell’estate 2009, poi ultimamente ai Mondiali indoor di Doha. Due finali andate nel peggiore dei modi, in agosto senza imbroccare nemmeno un salto, un mese fa in Qatar chiudendo ai piedi del podio con un modesto 4.60. La zarina da un po’ di tempo non è più lei, le impressioni sono quelle di una campionessa sotto pressione e stanca.

Problemi fisici forse, di testa sicuramente, confermati anche dal record mondiale di Zurigo ottenuto solo una manciata di giorni dopo la nera giornata di Berlino. Prestazioni talmente contrastanti che allora non fecero pensare a problemi di forma, quanto a carenza di concentrazione. Perché questi passi falsi in successione nelle due finali iridate, nonostante le buone condizioni di forma?

Yelena ha così deciso di prendersi una pausa, per riflettere e per ricaricare le batterie in vista degli avvenimenti che le stanno più a cuore, ossia le Olimpiadi di Londra 2012 e i Mondiali di Mosca 2013, l’ultimo grande impegno di carriera.

La Isinbayeva che in otto anni ha sgretolato primati e seminato vittorie in ogni angolo del pianeta, non interromperà gli allenamenti, ma starà lontana dalle competizioni per consentire al suo corpo di recuperare, una decisione che giudica “assolutamente necessaria”. Non è dato sapere il suo rientro, ma a questo punto non è escluso che rischi di saltare l’intera stagione estiva, Europei di Barcellona compresi (Fonte IAAF).

Nella foto: La delusione di Yelena Isinbayeva nell’uscita dalla finale mondiale di Berlino (Foto Simone Proietti per Atleticanet)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *