C.D.S. Fase Regionale – 1a giornata

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A Roma è tornato in pista Andrew Howe, con un 10.29 ventoso e sotto la pioggia. La brutta perturbazione che da qualche giorno staziona sull’Italia sta infatti pesantemente condizionando questa fase regionale del Campionato di Società Assoluto. E’ di qualche ora la notizia del rinvio delle gare per maltempo ad Imola, sede per l’Emilia Romagna, dove si gareggerà domani e lunedi. Cattive condizioni climatiche anche in diverse altre sedi. Notizie in aggiornamento nelle prossime ore.

Lazio (a cura di Simone Proietti): Andrew Howe aveva tanta voglia di scendere in pista, di tornare alle gare, che neanche una giornataccia come quella di oggi poteva fermarlo. Forti raffiche di vento e pioggia incessante, queste sono state le condizioni atmosferiche sul rinnovato impianto di Casal del Marmo, il centro sportivo delle Fiamme Azzurre nel quadrante Nord-Ovest della Capitale.

I nemici peggiori per i velocisti, umidità e freddo, hanno dunque fatto da sfondo alla prima uscita di Andrew Howe dopo tanti mesi di stop conclusi con l’operazione al tendine di Achille lo scorso settembre. L’apprensione per un esordio in condizioni ambientali così estreme c’era tutta, ma Howe non si è tirato indietro. Una gara controllata, sfruttando i 3,7 metri al secondo di vento dietro alla schiena, per tornare a far risultati. Il 10.29 conclusivo, più che per il valore cronometrico in sé, rappresenta un’altra tappa superata di quel percorso di avvicinamento allo stato psicofisico che lo portò al titolo di vice-campione mondiale di salto in lungo nel 2007. Andrew c’è, sia con il fisico che con la testa.
Poco dopo Howe, ecco in pista un’altra freccia dello sprint azzurro, Emanuele Di Gregorio. L’aviere ha esordito in una serie extra, correndo in 10.30 con vento +3 m/s. Buona prova anche per lo junior Francesco Basciani (Acsi Campidoglio Palatino), 10.54 con vento +3.5. Tra le donne si segnalano i crono regolari (vento +1,9) delle “reatine” Giulia Arcioni (Studentesca CA.Ri.Ri./Forestale) con 11.65, Rita De Cesaris (Studentesca CA.Ri.Ri./Esercito) 11.72 e Jessica Paoletta (Studentesca CA.Ri.Ri./Esercito) 11.86, a precedere le rappresentanti della Fondiaria Sai, Draisci e Gervasi, entrambe con 11.89. Poi nella serie extra dei 100 femminili, arriva anche l’11.73 ventoso di Maria Aurora Salvagno. Nei 100 ostacoli buona prova per Veronica Borsi (Fondiaria Sai/Fiamme Gialle) prima in 13.49, sia pur aiutata da folate oltre i limiti (+2.5). Sul campo distaccato dell’Acquacetosa, Clarissa Claretti (Fondiaria Sai/ Aeronautica) domina nel martello con un lancio da 65.76. 
Sul giro di pista, viziato dal forte vento contrario nel rettilineo opposto all’arrivo, Donata Piangerelli ferma il cronometro su 55.71, seguita dall’allieva compagna di squadra Flavia Battaglia, seconda in 57.76.

Abruzzo (a cura di Simone Proietti): a Pescara sono soprattutto le punte di diamante della società ASD Bruni Atletica Vomano a farsi notare. A cominciare dal miglior prodotto della squadra, Daniele Greco, prestato dalle Fiamme Oro per l’occasione, bravo ad imporsi sui 100 in 10.64 con bava di vento contrario (-0.2) e poi trascinatore della 4×100, prima in 42.39. Nel triplo successo scontato per l’amico Leonardo Pasqual Bruno in 14.53, mentre sui 400 domina Marco Perrone con 48.28. Gianluca Tamberi sfiora i 70 metri nel giavellotto, facendo atterrare l’attrezzo a 69.08. Ancora una vittoria di qualità per l’Atletica Vomano nei 3000 siepi, grazie a Brahim Taleb autore di un buon 8:31.73.  

Friuli Venezia Giulia (a cura di Marco Albanesi): Il risultato di maggiore rilievo nella regione è quello dell’allieva Alessia Trost che si comporta benissimo vincendo la gara con un ottimo 1.84; esce dalla gara fallendo tre tentativi alla quota di 1.88. Da sottolineare anche la prestazione di un’altra allieva, Sandra Cellamare chiude i 100 metri in 12.39 con +0.6 di vento. Nel salto triplo si rivede la vecchia gloria Paolo Camossi che a 36 anni salta 15.54 +0.2. In evidenza anche lo junior Pedrazzoli che corre il giro di pista in 49.39

Lombardia (a cura di Marco Albanesi): A Lodi gli uomini, a Marano Comense le donne. Fra gli uomini va bene nonostante le condizioni avverse Giovanni Tomasicchio che chiude i 100 in 10.46 +1.2 davanti a Andrea Luciani in 10.64. Sui 400 il bergamasco Isalbet Juarez è il primo a tagliare il traguardo in 47.57 seguito da D’Ambrosi 48.20 e Daminelli 48.39. Nel salto triplo si rivede un buon Fabio Buscella con un balzo da 15.83 -0.2: lo riaspettiamo presto oltre i 16 metri. I 110 ostacoli vanno a Mainini in 14.22 +0.3 mentre la seconda piazza è di Redaelli con 14.23. Ottima la staffetta della Riccardi di Milano formata da Dentali-Marani-Gelmi-Tomasicchio che chiude in 40.49. Infine per il mezzofondo vittoria sui 1500 dell’atleta della Riccardi Joel Kimurer Kemobi in 3:47.97 seguito da Abdellah Haidane in 3:48.79, mentre sui 3000 siepi da segnalare l’8:54.70 dello junior Marzetta.A mettersi in evidenza fra le donne è la bergamasca Marta Milani che chiude i 400 metri nell’ottimo tempo di 53.41 davanti Elena Bonfanti (54.13). Nel salto triplo fa piacere vedere la 38enne Barbara Lah ancora capace di vincere con un discreto 13.19 +1.3 davanti a Francesca Cortellazzo (13.11 +1.5). Per il resto è degno di nota l’1.86 della Lamera nel salto in alto e i 55.46 metri di martello della junior Leomanni.

Marche-Umbria (a cura di Simone Proietti): anche a Fabriano il maltempo la fa da padrone, zavorrando oltre modo le prestazioni degli atleti in gara. Nonostante tutto qualcosa di buono si è visto, a cominciare dal debutto all’aperto di Daniela Reina oggi in gara per l’Avis Macerata, vittoriosa nei 400 in 54.56 sulla promessa Lara Corradini (Atl. Montecassiano) seconda in 54.82. Nel giro di pista maschile è invece il fratello e compagno di squadra Filippo ad imporsi in 50.53, precedendo di 3 centesimi lo junior Matteo Capriotti dell’Asa Ascoli.
100 metri combattuti in prima serie tra le promesse Julius Kyambadde (Civitanova Track Club) e Alessandro Berdini (Avis Macerata), con il primo ad imporsi in 10.70 contro 10.75, mentre terzo chiude l’esperto Luca Verdecchia in 10.81. Nei 100 femminili vittoria invece per l’allieva Martina Piergallini (S.E.F. Stamura Ancona) con 12.33. Sugli ostacoli alti John Mark Nalocca (Collection Atletica Samb./ Carabinieri) è secondo in 14.27, preceduto di due centesimi da Andrea Cocchi (Atl. Fermo/ Aeronautica), mentre sui 100 hs è Jennifer Massaccisi (Tecno Adriatletica Marche) a dominare in 14.52.
Tutto facile nei 1500 metri per Haibel Nourad (Atl. Libertas Orvieto) vincitore in solitario con 3:52.02.

Piemonte (a cura di Marco Albanesi): Corre molto bene i 100 metri la junior Amidei e vince con 11.94 -0.1. Fra gli uomini la vittoria va alla promessa Lisco in 10.71 -0.7 davanti a Squillace 10.82 e allo junior Sangiorgi 10.83. L’allieva di Asti Massobrio stabilisce la migliore prestazione della prima giornata piemontese con un lancio nel martello da 56.18. Da segnalare anche il 48.84 di Stefano Fornara sui 400.

Puglia-Basilicata (a cura di Simone Proietti): in Puglia le condizioni climatiche sono migliori che altrove, così al Campo Scuola Bella Vista di Bari si fa notare lo junior Eusebio Haliti (Pol. Rocco Scotellaro) all’esordio outdoor. Haliti ha concluso da vincitore il duello sui 400 con Fiorenzo Moscatelli (Atl. Acquaviva/Aeronautica), grazie a un buon 48.34, dodici centesimi meglio dell’avversario. E’ lui il numero uno della riunione. Nelle altre gare da segnalare nell’alto l’1.70 della promessa Antonella Napoletano (Alteratletica Locorotondo).

Veneto (a cura di Mauro Ferraro – Fidal Veneto): Vento e pioggia, a Marcon (Venezia), nella giornata inaugurale della 1^ fase veneta dei campionati italiani assoluti di società su pista. Il maltempo, che ha determinato anche la sospensione dell’asta maschile (recupero domani), non frena però il giavellottista Leonardo Gottardo, aviere in pedana con la maglia della società civile di provenienza, la Biotekna Marcon, autore di un bel 71.14. Un vento al limite (+2.0) ha spinto Michele Boni oltre i 16 metri nel triplo (16.11). Applausi anche per Giulia Tessaro nei 100 ostacoli (13”88, davanti alla junior Silvia Zuin, 14”36) e per la promettente Elena Vallortigara, senza rivali in un’apprezzabile (considerate le condizioni metereologiche) gara di alto (1.77). Michael Tumi ha vinto i 100 in 10”75, ma la prestazione è stata penalizzata da un deciso vento contrario (squalificato per falsa partenza l’azzurro Galvan), mentre la gara femminile ha visto il successo della junior Gloria Hooper, scesa a 12”22. Nei 400, vinti dal ventenne Francesco Cappellin con un bel 47”86, esercizio di velocità per il fuoriclasse keniano degli 800, Wilfred Bungei, quarto in 49”33. Domani, dalle 14.15, la seconda e conclusiva giornata di gare. RISULTATI (staffette e marcia escluse). Uomini. 100 (v. -1.6 m/s): 1. Michael Tumi (Vicentina) 10”75, 2. Luca Berti Rigo (Assindustria Pd) 11”03, 3. Guglielmo Cassettari (Biotekna Marcon) 11”11. 400: 1. Francesco Cappellin (Assindustria Padova) 47”86, 2. Alessio Ramalli (Assindustria Pd) 48”90, 3. Eugenio Incerti (Vicentina) 49””9, 4. Wilfred Bungei (Insieme New Foods) 49”33. 1500: 1. Taoufik Bazhar (Biotekna Marcon) 3’56”07, 2. Abdelali Izzabaha (Cus Padova) 3’57”02, 3. Stefano Cugusi (Assindustria Pd) 3’57”65. 3000 siepi: 1. Paolo Zanatta (FF.OO.) 9’05”89, 2. Beraldo Chiarelli (Assindustria Pd) 9’06”54, 3. Gabriele Fantasia (Biotekna Marcon) 9’19”15. 110 hs (-0.6): 1. Diego Appoloni (Insieme New Foods) 14”88, 2. Alessandro Marcon (Biotekna Marcon) 14”94, 3. Jacopo Scotti Ferro (Assindustria Pd) 15”32. Asta: gara sospesa per il maltempo (proseguirà domani). Triplo: 1. Michele Boni (Bentegodi) 16.11 (+2.0), 2. Luca Pedron (Biotekna Marcon) 14.48 (+0.2), 3. Mattia Nuara (Assindustria Pd) 14.34 (+1.7). Disco: 1. Diego Fortuna (Vicentina) 54.70, 2. Daniel Compagno (Assindustria Pd) 50.73, 3. Luciano Zerbini (Bentegodi) 44.22. Giavellotto: 1. Leonardo Gottardo (Biotekna Marcon) 71.14, 2. Fabio Caldon (Assindustria Pd) 56.94, 3. Andrea Cracco (Vicentina) 53.84. Donne. 100 (+0.2): 1. Gloria Hooper (Valpolicella) 12”22, 2. Anita Pezzolo (Assindustria Pd) 12”35 (+1.1), 3. Natascia Marchetti (Assindustria Pd) 12”45. 400: 1. Alessia Tomassetti (Assindustria Pd) 57”52, 2. Alessandra Finesso (Assindustria Pd) 58”54, 3. Nicole Pozzer (Vicentina) 58”59. 1500: 1. Gloria Tessaro (Vicentina) 4’48”53, 2. Eva Serena (Mogliano) 4’57”94, 3. Serena Poser (S. Giacomo Banca della Marca) 5’00”18. 3000 siepi: 1. Chiara Lionzo (Vicentina) 11’16”59, 2. Arianna Mondin (Industriali) 11’21”18, 3. Letizia Titon (Assindustria Pd) 11’26”83. 100 hs (-0.2): 1. Giulia Tessaro (Asi Veneto) 13”88, 2. Silvia Zuin (Vis Abano) 14”36, 3. Alessandra Pietrogrande (Assindustria Pd) 14’’65. Alto: 1. Elena Vallortigara (Assindustria Pd) 1.77, 2. Giovanna Demo (Vicentina) 1.74, 3. Sara Mazzi (Insieme New Foods) 1.71. Triplo: 1. Giulia Agostini (Bentegodi) 12.31 (+1.3), 2. Erica Nicolis (Valpolicella) 11.67 (+3.7), 3. Camilla Consolaro (Vicentina) 11.37 (+3.0). Peso: 1. Mojca Crnigoj (Assindustria Pd) 14.42, 2. Francesca Stevanato (Audace Noale) 13.89, 3. Damiana Dorelli (Asi Veneto) 12.44. Martello: 1. Annarita Maschietto (Industriali) 48.69, 2. Tiziana Chiricosta (Asi Veneto) 45.28, 3. Lara Micheletti (Assindustria Pd) 44.20.


Sicilia (a cura di Marco Albanesi)
: Una delle più belle sorprese della giornata a livello italiano viene dalla pedane di Enna dove ritroviamo con immenso piacere una ispiratissima Simona La Mantia. La talentuosa siciliana vola a 13.95 con ben -3.0: riusciremo finalmente a ritrovarla agli eccelsi livelli di un tempo? Nell’isola è anche bello rivedere in azione il catanese delle Fiamme Gialle Claudio Licciardello; il nostro talento dei 400 assaggia solo la propria forma con un anonimo 47.49. Sui 100 metri Rosario La Mastra non riesce a battere Deji Musa: arriva secondo con 10.64 contro i 10.66 dell’atleta nigeriano, con -0.8 di vento.
Importante presenza internazionale sui 110 ostacoli dove il lettone Stanislav Olijars passeggia in 14.02 +0.9. Fra gli uomini buon 14.80 controvento (-2.0) per la promessa Giovanni Pace nel triplo.

Liguria (a cura di Marco Albanesi): Risultato impressionante della martellista Silvia Salis nella prima giornata, uno dei migliori in Italia oggi. L’atleta della Forestale ha scagliato l’attrezzo all’eccezionale misura di 70.37 (nella serie da notare un 69.37, con gli altri lanci tutti oltre i 68 metri. Sui 110 ostacoli Abate si fa vedere con un migliorabile 14.01 -0.4. Per il resto buon giro di pista per lo junior Delfino in 49.39 mentre sui 300 siepi donne Emma Quaglia chiude in 10:16.44.

Sardegna (a cura di Marco Albanesi): Sui 100 metri vittoria per Nicola Amici della Amsicora in 10.70 +0.8 davanti a Gavino Dettori e Carlo Fadda, entrambi in 10.83. Fra le donne la distanza va a Emma Ania in 11.80 +0.3. Marzia Caravelli va oltre i 1000 punti per il suo CUS Cagliari sui 100 ostacoli con un ventoso 13.49 +3.1. Infine si segnala il 22:43.35 di Serena Pruner sui 5 chilometri di marcia.

Toscana (a cura di Gustavo Pallicca): L’acqua inclemente (ma è stata “cattiva” solo con i marciatori e le marciatrici) non ha certo agevolato i concorrenti che hanno visto penalizzate le loro prestazioni. L’aviere Stefano Teglielli, in gara per l’Atletica Grosseto Banca di Maremma è stato il più veloce delle undici serie dei 100 metri segnando un 10.71 che pur non inficiato dal vento nullo, ha risentito del clima umido e freddo del pomeriggio. Secondo tempo (10.77) per lo junior Massimo Marsili del Cus Pisa Atletica Cascina seguito da Giovanni Bongiorni. Sulla stessa distanza grande lotta fra Audrey Alloh (Fiamme Azzurre/Atletica Firenze Marathon) e la pisana Anna Bongiorni (allieva). L’ha spuntata l’allieva di Paolo Fiorenza in 11.90 (vento leggermente contrario: 0.1 m/s) davanti alla grande speranza azzurra Bongiorni (11.92). Al terzo posto la livornese Michelle Girardi (13.39) davanti ad un’altra allieva Irene Siragusa dell’Atletica 2005 di San Gimignano.
Due soli atleti sotto i 49 secondi nei 400 metri. Ha vinto Arcangelo Morizio (Atletica Firenze Marathon) in 48.52 davanti a Filippo Costanti dell’Uisp Atletica Siena Terre Cablate (48.80). Bella lotta sui 1500 fra i keniani Ezekei Kiprotich Meli dell’Atletica Virtus CR Lucca e Julius Too Kipkurgat della Toscana Atletica Caripit. I due hanno fatto il vuoto giungendo al traguardo nell’ordine rispettivamente in 3:49.70 e 3:57.07.
I concorsi sono stati quelli che più hanno risentito del cattivo tempo.Nel salto con l’asta Giorgio Giachetti de La Galla Pontedera Atletica si è imposto con la misura di 4 metri e 20, mentre Luigi Gonnella della Atletica Virtus CR Lucca ha vinto la gara di triplo con la misura di m. 14.34. Federico Apolloni (Atletica Firenze Marathon) ha distanziato di 10 metri lo junior Salvatore Iaropoli (Atl. Virtus CR Lucca) nella gara di lancio del disco (54.13 contro 44.64), mentre Maurizio Guidi, della stessa società di Apolloni, è stato l’unico a passare i 60 metri nel lancio del giavellotto (60.67). Bella impresa di Elisa Magni (Atletica Livorno) nel lancio del martello dove ha sfiorato i 56 metri (55.91).
Dopo la prima giornata la classifica degli uomini vede al comando la Toscana Atletica Caripit con 16.303 punti davanti all’Atl. Virtus CR Lucca (14.366) mentre la Atletica Firenze Marathon è al terzo posto con 14.321 punti. Nella classifica donne il primo posto sorprendentemente spetta al Cus Pisa Atletica Cascina con 12.509 punti davanti all’Atletica Firenze Marathon (12.773). Oggi le previsioni dicono “bel tempo”: speriamo!

Link ai risultati completi

Foto: Andrew Howe (Simone Proietti per Atleticanet)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *