Assoluti di Grosseto, Donato a 17 metri e Pistorius fa sul serio

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Seconda e ultima giornata per gli italiani assoluti di Grosseto con diverse ottime gare da raccontare. A margine delle gare ufficiali, rileviamo l’ottimo 400 di Oscar Pistorius chiuso in 46″33.

La giornata inizia presto con i martellisti dove l’insuperabile Nicola Vizzoni scrive per la ventunesima volta il suo nome nell’albo d’oro dei campionati italiani. Per lui 75.39 e ancora tanta determinazione in vista dell’appuntamento europeo.

Passiamo alle corse Nei 200, l’attesa galoppata di Howe non c’è stata. Il bravo atleta azzurro fa le cose per bene e si prende i giusti tempi di recupero. In finale la spunta il reatino (Esercito) Roberto Donati in 20″98 davanti a Claudio Licciardello. Nelle donne bella vittoria per Giulia Arcioni (Forestale) al suo nuovo personale col tempo di 23″40. Oro…per le Fiamme Oro nei 400 uomini con Vistalli a chiudere in 45″95 su Galletti e Juarez mentre al femminile nulla di nuovo sotto il sole con la Grenot (FF.GG) a dominare incontrastata in 51″14 davanti a Marta Milani e Chiara Bazzoni.
Nella serie extra dei 400 arriva l’attesa corsa dell’atleta paralimpico Oscar Pistorius che, balzato alle cronache alcuni anni fa per gli ottimi tempi, si era un po’ adagiato sul suo ruolo di ambasciatore dello sport dei disabili tralasciando le prestazioni. Ma l’aria di casa (lui, Grosseto la chiama casa), sembra aver ripristinato le priorità dell’atleta che ha evidenetemente imparato a conciliare l’attività promozionale con quella dell’atleta. Per lui un probante 46″33 a soli dieci centesimi dal suo personale e tanto spettacolo a favore dell’immagine del nostro sport. Bravo Oscar!
Torniamo agli italiani con la gara ad ostacoli. Negli uomini il rientrante Carabelli nulla può contro il giovane Panizza dell’Atletica Lecco-Colombo Costruzioni che si impone con l’ottimo 50″34 che risulta essere anche il suo nuovo personale nonché miglior prestazione italiana dell’anno. Al femminile vince Manuela Gentili del Cus Palermo che si impone in 55″78 strapazzando la carabiniera Benedetta Ceccarelli subito dietro di lei in 57″09.

Negli 800 donne, il miglior accredito delle batterie, Daniela Reina, non si presenta alla partenza per qualche noia muscolare lasciando campo libero ad Antonella Riva (Cus Parma) che vince n 2’06″96. Copione più regolare invece nella gara uomini dove il tirolese dell’Esercito Lukas Rifesser vince in 1’50″61.
Arriviamo quindi al mezzofondo prolungato con i 3000 siepi, i 5000 donne e i 10000 uomini. Nelle siepi uomini vincono le FFGG con Yuri Floriani in 8’36″22 davanti a Villani e ad un ottimo Francois Marzetta che naviga ancora, beato lui, nella categoria juniores. Stesso schema per la gara femminile con la vittoria per la brava Valentina Costanza (Esercito) in 9’58″78 davanti alla Bonessi. Terza posizione per la junior Giulia Martinelli che taglia il traguardo con l’ottimo tempo di 10’05″49 che gli vale il nuovo record italiano junior e a quinta prestazione mondiale di categoria del 2010. Sentiremo parlare di lei… Minori sorprese nel 10000 uomini con Meucci (Esercito) alla maglia tricolore e nei 5000 donne con la vittoria di Federica Dal Ri (Esercito).
Tutto da copione anche nella marcia femminile dove Sibilla Di Vincenzo (Assindustria Sport Padova) che sta vivendo un 2010 particolarmente ricco di soddisfazioni sportive, vince il titolo col tempo di 22’42.

Vediamo cosa hanno offerto le pedane di Grosseto per questo centesimo campionato italiano assoluto. Evidenziamo subito l’ottimo 17 metri di Fabrizio Donato delle FFGG nel triplo. Discreta l’intera serie dei salti e senz’altro soddisfacente il risultato finale. Alle sue spalle Schembri e Boni. Relegato alla quarta piazza il giovane Greco un po’ sottotono. Nell’alto maschile vittoria per Filippo Campioli (Esercito) con 2.28 che è anche minimo per gli europei. Ultima gara uomini, quella del Disco con la vittoria di Hannes Kirchler (Carabinieri) in 61.46.
Tra le donne vittoria nell’asta per la Scarpellini (Aereonautica) che chiude la gara a 4.20, Bani (FFAA) a 59.87 nel giavellotto e Rosa (FFAA) a 18.61 nel peso. Vittoria invece per l’Esercito nel lungo femminile con Tania Vincenzino che balza a 6.36.
Chiusura della manifestazione con le 4×400 con le ragazze della Fondiaria Sai a vincere con Gervasi, Grange, Battaglia e una bravissima Piangiarelli che trascina le sue compagne di squadra ad una vittoria quasi inattesa in 3’41″92 e con gli uomini dei Carabinieri (Turchi, Salvucci, Marin, Galletti) ad imporsi nella gara maschile in 3’11″35.

 

Risultati compelti: http://www.fidal.it/2010/COD2571/Index.htm

 

Nella foto di Simone Proietti, Oscar Pistorius

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *