XIII CAMPIONATI MONDIALI JUNIORES MONCTON 2010: 6^ GIORNATA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Manifestazione iridata in dirittura d’arrivo, per l’Italia due piazzamenti nelle finali, ( top 8 e top 12) per il sogno medaglia speranze riposte nell’ultima e conclusiva giornata. Medagliere sin qui dominato dal Kenia davanti agli Usa

 

Giornata di finali e staffette la numero sei dei mondiali canadesi. I colori azzurri subito rappresentati nella finale del martello femminile che nel 2004 regalò un insperato bronzo. Oggi  Elisa Magni è settima raggiungendo i tre lanci di finale con la misura di 56,87 mt. Misure stellari per il podio con la britannica  Hitchon oro a 66,01 davanti alla slovena Spiler (65,28) e la cinese Zhang (63,96).

Nel disco maschile dopo un discreto primo lancio (56,08 mt) si spegne Eduardo Albertazzi. Alla fine è 11°posto. Oro al lituano Gudzius con la misura di 63,78 mt.

Nelle qualificazioni del triplo maschile, agevole passaggio del turno per  Andrea Chiari. Il suo 16,16 mt ( vento -1,4) vale il secondo posto nel gruppo e la terza misura complessiva. In finale sarà battaglia.

Capitolo staffette: la 4×400 donne composta da Marta Maffioletti, Valentina Zappa, Monica Lazzara e Giulia Latini,  chiude con 3’43’’69  l’avventura mondiale; per la qualificazione si doveva correre sotto i 3’39’’. 4×400 uomini che non ha miglior sorte; il seppur valido quartetto composto da Lorenzo Valentini, Michele Tricca, Francesco Patano e Josè Bencosme, con 3’12’’32 è quinto nella serie ed eliminato. Per la finale occorreva un tempo vicino ai 3’08’’.

Altre finali senza azzurri con oro nell’asta donne per la svedese Bengtssonn con 4,25 mt, 5000 uomini  con doppietta keniana , Kiprotich Bett  13’23’’76 sul connazionale Kipkoech, staccattissimi gli altri con il primo europeo l’olandese Van der  Wielen decimo, giro di pista con ostacoli donne a pannaggio della bielorussa Artsiuck con la m.p stagionale a 56’’16 un secondo netto meglio della russa Rudakova argento. Nelle staffette 4×100 oro Usa nelle donne con 43’’44 WJL davanti a Germania e Olanda, al maschile bis ed “en plein” statunitense con 38’’93 e WJL davanti a Jamaica e Trinidad e Tobago.

Appuntamento a domani per la giornata conclusiva.

 Nella foto da ( www.athletics.ca ) il logo ufficiale Iaaf dell’evento.

Sito ufficiale dell’evento: www.iaaf.org/wjc10/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *