Bravi gli azzurri nella mattina di Barcellona

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mattinata di qualificazioni con diversi azzurri in gara. Inizia un’esplosiva Salis che nel martello donne piazza un primo lancio a 70.33 centrando subito la qualificazione, quella con la Q maiuscola! Ottime notizie anche dai giovani ottocentisti. Ne avevamo tre nelle tre diverse batterie e tutti i nostri azzurri hanno passato il turno.

Il lombardo Scapini viene ripescato dopo una gara da lui stesso impostata sul ritmo per non farsi sorprendere da un finale troppo violento. Gli altri due, Benedetti e Rifesser, giungono rispettivamente secondo e terzo nelle loro batterie e relativo turno superato senza dover attendere i ripescaggi dei tempi. A livello cronometrico, nonostante Scapini sia stato ripescato, il suo 1’49”67 è risultato il miglior tempo degli azzurri.

Passiamo alle note meno liete con una Di Vincenzo in difficoltà nella 20km di marcia che viene fermata dalla giuria ben prima di metà gara e con Elena Scarpellini nell’asta che dopo un buon 4.05, decide si passare la misura di 4.15 per poi fallire i tre tentativi a 4.25. Delude  un po’ anche la veterana della velocità Manuela Levorato che raccoglie un poco utile 11″80 che le vale l’ultima posizione nella prima batteria dei 100 donne.

Chiude la mattinata Giacomo Panizza che con 51″11 nell’ultima batteria dei 400hs agguanta in extremis il passaggio del turno con l’ultimo tempo di ripescaggio.

Appuntamento a stasera dopo le ore 18 con la ripresa delle gare. Si parte con l’alto del decathlon. Finali in programma: Disco donne, Lungo donne, Martello uomini (con Vizzoni alle 20.25), 10000 donne (con Francesca Dal Ri alle 21.05), 100 uomini (prima le semifinali a partire dalle 19.45 con Di Gregorio, Collio e Cerutti).

Altri azzurri in gara oggi: Grenot e Milani nei 400 donne (semifinale alle 18.35), Barberi e Vistalli nei 400 uomini (semifinale alle 19.10), Gentili nei 400hs donne (semifinale alle 20.15) e Obrist nei 1500 uomini (semifinale alle 20.40).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *