IL C.D.S. FEMMINILE E’ DEL CUS ROMATLETICA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il CUS ROMATLETICA vince abbastanza agevolmente a Cagliari lo scudetto tricolore master 2010. Il gruppo capitanato da Anna MICHELETTI è al suo primo titolo questa volta con i colori del CUS ROMATLETICA, ma può vantare una lunga serie di vittorie, conseguite negli anni con società diverse, da Liberatletica, a Villa Guglielmi, fino alla doppietta nel 2007 e 2008 con il nome Palatino-Campidoglio. La novità di quest’anno nella formazione romana è stata l’inserimento di Jocelyne FARRUGGIA, indiscussa leader italiana su 800mt. e 1500mt. della categoria MF45, che ha colmato alla perfezione l’evidente lacuna esistente in squadra sul mezzofondo veloce. Le romane sono state in testa fin dalla prima giornata ed hanno collezionato 4 vittorie (giavellotto, 200 ostacoli, 800mt. e 4×400) ed un secondo posto. 

La società seconda classificata, l’ASI VENETO di Rosa MARCHI, ha pagato la condizione precaria di una Barbara FERRARINI solo al 50%, raccogliendo una sola vittoria (400 metri) e 3 secondi posti. Due primi posti a testa per l’ ATLETICA AMBROSIANA (lungo e 4×100), l’ASSI GIGLIO ROSSO FIRENZE (100mt. e 200mt.), la L. DA VINCI BOLZANO (triplo e alto), l’ ESPERIA CAGLIARI (1500mt. e 3000mt.) e la SANDRO CALVESI AOSTA (disco e peso). Le prime posizioni della classifica finale vedono praticamente confermata la situazione che si aveva al termine della fase regionale. 

1° CUS ROMATLETICA 1274 punti – 2° ATL. ASI VENETO pt.1242.5 – 3° ATL. AMBROSIANA pt.1239.5 – 4° ASSI GIGLIO ROSSO FIRENZE pt.1237 – 5° ATL. SANTAMONICA MISANO pt.1229 – 6° LIBERATLETICA ROMA pt.1228.5. 

E’ da sottolineare, come si legge anche dai punteggi, che la partita per la piazza d’onore è stata incerta ed aperta fino alla fine, con l’ultima gara, la 4×400, che ha decretato il sorpasso dell’ASI sull’AMBROSIANA e delle romagnole del SANTAMONICA sulla LIBERATLETICA. Il totale punti delle vincitrici romane (1274) è minore di 4.5 rispetto al punteggio dei vincitori in campo maschile (OLIMPIA RIMINI, 1278.5 punti). Se tuttavia, per curiosità, andiamo a comparare le due classifiche (maschile/femminile) scopriamo che il livello qualitativo delle prime società femminili è decisamente superiore: l’ATLHON BASTIA, 4° classificata tra gli uomini, in una classifica globale “unisex”, con 1210 arriverebbe solo al 11° posto! 

Le squadre partecipanti alla finale femminile 2010 sono state 20, su 26 aventi diritto, e nell’assegnazione dei punteggi delle prove individuali ha pesato sicuramente l’assenza di club importanti come SEF MACERATA, MERAN VOLKSBANK ASV e CUS PALERMO, con la conseguente assenza dalla scena di gara di grandi campionesse come Waltraud EGGER, Carla BARBARINO, Rosanna GRUFI, Otilia CHIRILIUC, Lucia PERUGINI, Maria RUGGERI, Maria TRANCHINA e Ingeborg ZORZI; tutte atlete salite sul podio negli ultimi campionati di società ed individuali. Tenendo conto anche di queste e di altre defezioni, dal punto di vista geografico possiamo affermare che quello di Cagliari è stato un campionato nazionale un pò ristretto (ma pur sempre molto sentito e ben gestito!), con squadre master provenienti solo dalla Sardegna (5), Lazio (4), Toscana (3), Veneto (2), e 1 per regione da Trentino Alto Adige, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Val d’Aosta e Friuli Venezia Giulia. 

Dai risultati di questa finale, un pò per gioco, un pò come spunto semi-serio, potremmo stilare la formazione della “Società delle Società”, ovvero la squadra ideale, composta dalle 2 migliori per ogni specialità, che potrebbe rappresentare l’Italia Master in un ipotetico incontro internazionale: 100mt. Susanna GIANNONI (F50, ASSI Firenze), Marinella SIGNORI (F45, Amnrosiana) – 200mt. Gianna LANZINI (F50, ASSI Firenze), Giusi PERLINO (F45, Ambrosiana) – 400mt. Mirella GIUSTI (F50, ASI Veneto) Giusi PERLINO (F45, Ambrosiana) – 800mt. Jocelyne FARRUGGIA (F45, Cus Romatletica) Lucia SAMUELLI (F45, ASSI Firenze) – 1500mt. M.Antonietta FADDA (F70, Esperia Cagliari) Jocelyne FARRUGGIA (F45, Cus Romatletica) – 3000mt. M.Antonietta FADDA (F70, Esperia Cagliari) Helena SNAPE GATTI (F65, Scavo 2000) – 200 ostacoli Cristina AMIGONI (F40, Cus Romatletica) Mery GRECEANU (F40, Ambrosiana) – Alto Giuliana DEROMEDI (F45, L.Da Vinci Bolzano) Sandra DINI (F45, Atl. S. Calvesi) – Lungo Susanna TELLINI (F40, Ambrosiana) Maria Luisa GIUDICI (F40, Santamonica) – Triplo Giuliana DEROMEDI (F45, L.Da Vinci Bolzano) Maria Grazia RAFTI (F55, Liberatletica) e Mery GRECEANU (F40, Ambrosiana) – Peso Gabre GABRIC (F95, Atl. S. Calvesi) Maria Luisa FINAZZI (F65, Atl. S. Calvesi) – Disco Gabre GABRIC (F95, Atl. S. Calvesi) Maria Luisa FANCELLO (F65, ASSI Firenze) – Giavellotto Elvia DI GIULIO (F60, Cus Romatletica) Daniela PALMA (F40, Scavo 2000). Ma tutto questo è frutto del “gioco magico” delle tabelle di punteggio, che traducono in classifiche il gesto atletico di tante simpatiche, serie, giovani e meno giovani sportive appassionate. E sull’argomento Tabelle Master potremmo discutere per giorni… 

Nella finale di Cagliari, la gara dal livello medio più elevato è stata quella dei 400 metri, con 7 atlete sopra gli 800 punti (Giusti, Perlino, Nadali, Stelori, Succi, Amigoni, De Renzi), di cui 5 oltre quota 900. Il miglior tempo è stato di Fabrizia MALATESTA (F35, Assiglioroscocon 1’01″95), ma il miglior punteggio è quindi la vittoria è andata Mirella GIUSTI (F50, ASI Veneto, 1’06″36, 963 punti), di un soffio davanti a Giusi PERLINO (F45, Ambrosiana, 1’03″73, 960punti). Anche nel 3000 metri sono 5 le atlete che superano i 900 punti, tutte over 60 (Fadda, Snape-Gatti, Fretta, Piccolo) ad eccezione di Nadia DANDOLO che realizza il miglior tempo in assoluto, con 10’45″08. Nel 1500 metri ancora una volta, a causa del meccanismo miope della formazione delle serie, come già era successo a Firenze lo scorso anno, non abbiamo potuto assistere allo scontro diretto tra le due ex azzurre degli anni’90: Nadia DANDOLO ha corso in prima serie, prima in solitaria in 5’00″84 (926punti), mentre Jocelyne FARRUGGIA in terza serie, vincendo con in 4’55″27 (962punti). Un abisso sui 200 ostacoli ha separato Cristina AMIGONI dalle avversarie, in una disciplina che tra le over35 si dimostra ancora ben poco praticata. La romagnola, unica vera specialista in gara, bronzo ai Campionati Europei quest’anno sui 400 ostacoli, ha vinto in 30″46, totalizzando 950punti, +268 sulla seconda, Mery GRECEANU (35″59), con il differenziale più elevato realizzato nelle gare di corsa. 

Nella velocità pura sono state le milanesi Marinella SIGNORI (13″69 sui 100mt.), Denise NEUMANN (13″14 sui 100mt. e 27″01 sui 200mt,) e Giusi PERLINO (28″25 sui 200mt,) a fornire i riscontri cronometrici migliori; mentre in termini di punteggi hanno dominano la specialità le due toscane Gianna LANZINI e Susanna GIANNONI. In evidenza domenica, con misure irraggiungibili dalle altre concorrenti, la bolzanina Giuliana DEROMEDI che ha vinto il salto in alto con 1.56mt. (equivalente a 971punti, miglior prestazione italiana MF45), e poi bissato sulla pedana del triplo dove, tra folate di vento improvvise che superano anche i 4 m/s, arrivando più avanti di tutte a 10.26mt. (818 punti, altra m.p.i. MF45). Passiamo infine ai lanci. Nel getto del peso, tra le over-50 (attrezzo da 3kg) è stata la trevigiana Raffaella BOLZONELLA(F50, Idealindoor Lib. S.Biagio) a lanciare più lontano, con 8.94mt., davanti a Maria Luisa ALFONSI (F55, Cus Romatletica), 8,59mt. e Marirosa AUTERI (F55, Vittorio Alfieri Asti), 8,42mt. Nelle categorie più giovani, che lanciano con il peso da 4kg, in evidenza la romana Marzia ZANOBONI (F45, Libeatletica), le due atlete dell’Atlettica Santamonica Misano Cristina MARCHI (F40) e Rossana TONINI (F45) e Lucia MENEGHESSO (F40- ASI Veneto), tutte sopra gli 8 metri. Miglior misura al giavellotto per Daniela PALMA (F40, Scavo 2000 Roma) con 33.91mt. al secondo lancio, incalzata dalla romagnola Cristina BIANCHI (F40, Atl. Santamonica Misano), seconda a 29,97mt. Nella pedana del disco è stata un’altra atleta della Scavo 2000, Barbara BETTELLA (F50) a primeggiare con 26,09mt., lasciandosi alle spalle Marzia ZANOBONI (F45, Libeatletica) 24,41 e Patrizia BRAGHINI (F45, L.Da Vinci Bolzano) 24,23mt. Porta tuttavia la firma della “Signora dell’Atletica”, Gabre GABRIC il miglior punteggio della gara, 1.238 punti grazie alla misura di 12,04mt. nel disco, che rappresentano anche il punteggio più elevato in tutta la manifestazione. Per inciso, se una neomaster F35 volesse realizzare lo stesso punteggio della GABRIC, dovrebbe lanciare il disco da 1kg a 67.88mt. (!!!), cioè ben oltre il record italiano assoluto attuale di 63.66mt. Nella staffetta 4×100 le ragazze dell’ ATLETICA AMBROSIANA confermano l’ottima preparazione sulla velocità breve e l’eccellente affiatamento, dominando in 51″45 (miglior prestazione italiana di società MF40) con SIGNORI, TELLINI, NEUMANN, PERLINO, davanti ai quartetti F45 dell‘ ASI VENETO (55″05) e della SANTAMONICA MISANO (56″34). Mentre la prova della 4×400 non smentisce la tradizione e rispecchia nei valori in pista quello che sarà il risultato della classifica finale: miglior punteggio per il CUS ROMATLETICA (F50, 4’38″71, 965pt., m.p.i. di categoria), davanti all’ ASI VENETO (F45, 4’30″13, 924pt.). Molto bene anche le staffette dell’ ASSI GIGLIO ROSSO FIRENZE (F45, 3° con 843punti) e SANATMONICA MISANO (F45, 4° con 838punti), che sono le due società master rivelazione dell’edizione 2010 del Campionato di Società. 

La squadra completa delle neo campionesse d’Italia:

100, Khadidiatou SECK (F40), Anna MICHELETTI (F55) 200, Anna MICHELETTI (F55) 400, Cristina AMIGONI (F40), Paola GRANDINETTI (F50) 800, Jocelyne FARRUGGIA (F45) 1500, Jocelyne FARRUGGIA (F45) , Fiorella FRETTA (F60) 3000, Maria Linda SCIOTTI (F60), Fiorella FRETTA (F60) 200Hs Cristina AMIGONI (F40) Salto in alto, Rosanna ROSATI (F50) Salto in lungo, Laura ROSATI (F50) Salto triplo, Laura ROSATI (F50), Elvia DIGIULIO (F60) Peso, Maria Luisa ALFONSI (F55) Disco, Maria Luisa ALFONSI (F55) Giavellotto, Elvia DI GIULIO (F60) 4×100: Paola GRANDINETTI, Rosanna ROSATI, Elvia DIGLIULIO, Khadidiatou SECK (F50) 4×400, Paola GRANDINETTI, Jocelyne FARRUGGIA, Anna MICHELETTI, Cristina AMIGONI (F50). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *