Campionati Master 2011, dalla Calabria rispondono Felicetti e Caira

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Voglio ringraziare pubblicamente la FIDAL nazionale per  aver scelto Cosenza come sede dei prossimi Campionati Italiani Master su pista di atletica leggera. Un ringraziamento al presidente del Comitato Provinciale Fidal di Cosenza, prof Vincenzo Caira  ed a Ignazio Vita, presidente del Comitato Regionale Fidal Calabria per avere voluto e posto con forza e spirito  la candidatura della città calabrese.

Sono felice perché nato a Cosenza, quindi calabrese e soprattutto italiano. Mi permetto, così, vista la mia grande esperienza fra i Masters , di ergermi a paladino di tutti quegli atleti calabresi e di tutto il mondo dello sport meridionale per rispondere a tutte quelle critiche offensive lanciate dai più importanti siti dell’atletica leggera italiana nei confronti della obiettiva decisione federale  di scegliere una città del profondo Sud per ospitare per la prima volta, dopo trent’anni un evento così importante.

I siti in questione  sono www.atleticanet.it e www.webatletica.it, i maggiori promotori ed informatori di atletica leggera compresa quella master, capaci di fare opinione e pertanto responsabili di un’informazione che dovrebbe essere obiettiva e rispettosa delle più semplici regole  dello sport. Spesso ho collaborato con loro, con i loro responsabili che io stimo per il lavoro che fanno,spedendo dei miei articoli e conducendo in completo accordo, alcune lotte che io ritenevo giuste per il miglioramento di quel mondo del quale mi sento in pieno di appartenere.

Questa volta però mi trovo in disaccordo perché ritengo abbiano commesso un grave errore nel prendere una posizione pregiudiziale, di avversità e di offesa nei confronti della scelta di Cosenza come sede dei Campionati  Italiani Master.

“Atleticanet” in particolare la definisce inadeguata ed assurda, in qualsiasi data essa venga disputata, che sia fine luglio o fine settembre e perché lontana e difficilmente raggiungibile.

Io rispondo: perché? Cosenza è una bella città, ricca di fascino e cultura ed ha uno stadio bellissimo con una pista nuova e con vicino( a 20m) un secondo stadio munito di pista regolare per il riscaldamento. Il complesso, che ha già ospitato un’importante manifestazione nazionale, sarebbe idoneo ad ospitare addirittura  una competizione internazionale, vista la serie di servizi e e  l’ampio parcheggio di cui dispone.

Quante delle 30 sedi dei precedenti Campionati, hanno offerto dal punto di vista tecnico pratico quello che offre Cosenza?

La città non è in Amazzonia ma è servita da treni veloci e quindi raggiungibile da tutte le parti d’Italia. C’è un aeroporto, quello di Lamezia Terme,a soli 50 minuti di autobus. Verrà istituito un servizio di navette per quanti volessero servirsi di questa opzione.

Negli ultimi 22 anni nei quali ho partecipato a tutte le edizioni dei campionati nazionali, ho sempre accettato, così come la maggior parte dei veri master qualsiasi località, anche quelle più difficili e disagiate per il semplice motivo che gli amanti  dell’atletica non definiscono problema né i chilometri, né le date, basti pensare ai tantissimi atleti che gareggiano anche a livello internazionale.. Tutte le regioni e quindi i comitati, a dispetto delle auspicate soluzioni di scegliere sempre località”baricentriche”, hanno il diritto/ dovere di organizzare un Campionato e di richiederne la candidatura, sempre se la sede scelta ‘ idonea dal punto di vista tecnico/organizzativo. A turno esse hanno così la possibilità  di  per promuovere l’atletica ed il turismo locale e dare una mano a tutto il movimento dell’atletica nazionale. Le scelte baricentriche auspicate  escluderebbero  illogicamente le regioni più popolate da masters quali la Lombardia, il Piemonte, il Veneto etc. Questo si che sarebbe assurdo…

Veniamo alle date: so che la richiesta definitiva ed approvata dal Consiglio Federale è per la fine di settembre. Un periodo straordinario per il Sud, in quanto a Cosenza è prevedibile un tempo estivo o comunque con temperature gradevoli per gareggiare. Poi, suggerirei ai master intelligenti e non “babbei”,così’ come li definisce il sito in questione,un breve prolungamento della vacanza per farsi un bagno sulle meravigliose coste calabresi, a soli 45 minuti dalla città o un salto in Sila, a visitare l’’altipiano più bello d’Europa!…..

Perché si dice che gli atleti sono ormai scarichi e senza stimoli a fine settembre? E per quale motivo? In Italia le gare su pista di un certo livello non si contano nemmeno sulle dita di una mano… Mentre le gare su strada avvengono tutte le domeniche e per l’intero anno. Credo che un campionato italiano su pista,in qualsiasi data, con la possibilità di un confronto vero e probante con l’avversario è quanto necessita a chi prova ancora l’emozione dell’agonismo. D’altra parte, non comparendo in calendario la finale nazionale dei Societari, le date scelte sono ancor più valide, volendo magari la Fidal accorpare i due eventi. Cosenza ha bisogno di questo Campionato perché veicolo promozionale di promozione allo sport ed al turismo calabrese. In questo, mi sento profondamente allineato con la Federazione per un senso di giustizia ed equità. Stessa considerazione e conclusione per la felice scelta di  assegnare i prossimi Campionati italiani di cross a Ugento, località sita nel sud delle Puglie, definita ironicamente da Atleticanet: “Il tacco d’Italia…

Quanto al sito web atletica, mi dispiace terribilmente dirlo e spero che sia solo un’opinione isolata del suo redattore,  ha usato parole come “sbeffeggiare”, sputar addosso”ai masters o addirittura definire una pazzia la scelta federale di assegnare a Cosenza l’organizzazione dell’evento. Ciò è offensivo nei confronti della Federazione e di i tutti atleti italiani, in particolar modo quelli del sud e di tutto il mondo dello sport meridionale , da sempre trascurato, come se davvero ci fossero due Italie. Quanti tra i miei amici e validi atleti della Sicilia, Calabria, Lucania Puglia e Campania, in trent’anni , non hanno mai potuto partecipare per motivi economici( e tutti sanno delle problematiche occupazionali ) o lo hanno fatto con tanti sacrifici, sobbarcandosi spese e lunghi viaggi per partecipare alle varie manifestazioni nazionali?. Loro lo hanno fatto perché pervasi da spirito e passione  , così come faranno  le migliaia di amici master di tutt’Italia che mi conoscono e con i quali ho condiviso quasi 25 anni di grande e pura atletica, sempre con lo spirito giusto e  con l’intelligenza di sapere di appartenere tutti alla medesima nazione.. La catastrofe annunciata della non partecipazione sarà scongiurata in quanto a dispetto di quei pochi che preferiranno il divano alla pista, ci saranno comunque tutti gli atleti del Sud a dare il loro apporto.

 

Il commento del Prof Vincenzo Caira, presidente del Comitato Provinciale Fidal Di Cosenza e Tecnico Nazionale settore Salti Assoluti.

Caro Vincenzo, mi sento anch’io in diritto, in qualità di presidente del Comitato Fidal di Cosenza,di rispondere al Sig. Werter Corbelli, responsabile master del sito www.atleticanet.it e al redattore del sito www.webatletica.it. La scelta di Cosenza, come sede dei prossimi Campionati Italiani Masters è stata pregiudizialmente criticata e con l’uso di parole quali: scelta inadeguata, assurda, prepararsi al peggio oltre a : sputare addosso ai masters, sbeffeggiare i masters,. Tutto ciò offende sia la Federazione, sia  tutti i Masters  d’Italia, forse con la sola eccezione di chi si allinea con le loro alquanto confuse e radicali idee. Gli argomenti trattati sono due: la data di svolgimento: ebbene, anche Noi del Comitato non condividevamo la disputa di un Campionato Italiano ad una settimana dai mondiali, e ci siamo pertanto attivati a che essa fosse spostata a fine settembre 2011, cosa già avvenuta e confermata dalla segreteria della Fidal.

Per quanto riguarda gli impianti ebbene. Il Sig Corbelli ed il responsabile di web atletica farebbero bene ad informarsi sulle strutture esistenti. Se le referenze comunicate in Fidal non dovessero bastare, essi provino a chiedere a tutte le società che hanno partecipato nel 2008 ai Campionati di Società Under 23 finale argento; si informino sull’accoglienza ricevuta, sui servizi erogati, sulla qualità degli impianti esistenti( due piste attigue a distanza di 20m regolarmente omologate, di cui quella principale dello stadio San Vito, inaugurata con il cds U 23. Alcune società vennero a Cosenza con un certo scetticismo circa le nostre competenze e su tutto il pacchetto di servizi che offrivamo. Tutti alla fine si sono dovuti ricredere tanto che ricevemmo molte mails di ringraziamento( sono ancora in archivio nel Pc ( consultare all’uopo il sito www.fidalcosenza.it. Vengano in Calabria i responsabili dei siti che pregiudizialmente ci hanno criticato e Noi li accoglieremo a braccia aperte.

Saluti, Vincenzo Caira


Successivamente all’intervento di Felicetti e Caira, Atleticanet inserisce la seguente precisazione:

Una precisazione è necessaria.
Da questo sito abbiamo sempre pensato e scritto che chi decide sui campionati federali master dovesse avere come primo obiettivo quello di raggiungere la massima partecipazione possibile. E’ evidente che tutte le regioni abbiamo diritto di organizzare Campionati Fidal; ma se poi quella scelta sacrifica di molto la partecipazione, questo diritto diventa fine a se stesso e non funzionale all’obiettivo. Inoltre un’osservazione: tra i masters capita troppo spesso di ascoltare opinioni che nascono solo e solamente “calzando le proprie scarpe”. Ogni voce merita senz’altro di essere ascoltata ma i tanti particolarismi finiscono per far male alla causa del movimento master italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *