MASTER ITALIANI, COSA CI ASPETTA NEL 2011

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Anno nuovo gare nuove, potrebbe essere il nostro motto. Di solito le aspettative di un anno che comincia sono orientate all’ottimismo. E così vorremmo noi master italiani dell’atletica. Nei mesi e nelle settimane passate invece i motivi per non essere ottimisti sono stati vari, dibattuti e tanto meno risolti. Ci lasciamo alle spalle un anno, il 2010 che senza dubbio è stato inferiore a quanto abbiamo saputo e potuto fare nel triennio forse irripetibile 2007-2008-2009. Rischiamo di avere davanti un anno che potrebbe essere ancora più avaro di soddisfazioni a tutti i livelli, per i nostri campioni così come in proporzione per gli altri agonisti dell’atletica master. Facciamo qui una panoramica cronologica dei principali appuntamenti che avanzano nel 2011, inevitabilmente con delle osservazioni critiche.

04-06 marzo CAMPIONATI ITALIANI INDOOR E GRAND PRIX di SOCIETA’ (Ancona) 

E’ il primo grande appuntamento dell’anno nell’ormai a tutti familiare impianto marchigiano. Sarà il sesto anno consecutivo. Un appuntamento a cui la maggioranza dei partecipanti arriverà senza la possibilità di test agonistici precedenti, perchè l’attività indoor italiana vive ormai di fatto solo per la presenza di questo splendido impianto, in quanto quello di Ponticelli è lasciato sempre più ai margini. Era stato dato per certo a questa data il funzionamento del nuovo impianto di Padova, che avrebbe servito un bacino enorme di praticanti, master compresi. Ed invece è diventata un’altra promessa all’italiana. Le piste di Genova e di Torino sono sparite nel nulla. Vi ricordate i Campionati Europei Indoor del 2009 (quelli Assoluti a Torino e quelli Master ad Ancona) con la F.I.D.A.L. che ci faceva credere ad un nuovo rinascimento dell’atletica indoor italiana? Tralasciamo poi Milano, diventata capitale europea dell’inettitudine per l’impiantistica sportiva. Per fortuna Arese aveva stipulato un accordo con la municipalità meneghina. Insomma accontentiamoci del poco che c’è. Durante i Campionati Individuali si gareggerà anche per il Grand Prix Indoor di Società, seconda edizione dopo quella sperimentale del 2010. Al momento il regolamento pubblicato dalla Federazione appare un pasticcio da decriptare. Per cui restiamo in attesa di chiarimenti, se ne verranno. Altrimenti dovremo aspettare alcune settimane per avere la classifica ufficiale del Grand Prix Indoor, senza stare a fare troppe domande. Ormai dalla F.I.D.A.L. sono più le non risposte con il sottinteso: “così è se ci pare”. 
 

16-20 marzo CAMPIONATI  EUROPEI  INDOOR (Gent-Belgio) 

Questa è l’unica vera manifestazione internazionale abbastanza abbordabile per chi fa atletica master. E’ una sede sufficientemente facile da raggiungere. Con tariffe d’iscrizione ancora ragionevoli: 40 euro per la prima gara. L’unico dubbio è quanti saranno effettivamente i nostri master che si presenteranno in gara, dopo la piega depressiva cominciata lo scorso anno. Scordiamoci l’edizione aurea del 2009 ad Ancona. Gli Euroindoor di Gent saranno una specie di un test di resistenza per i nostri master di vertice, ormai messi alla prova dalla federazione italiana e da quelle internazionali impegnate a concepire manifestazioni destinate alla figura del master-turista da spennare. Vi ricordiamo che entro il 7 gennaio devono essere effettuate le iscrizioni on-line. 
 

27 marzo CAMPIONATO  ITALIANO  di  CROSS (Ugento-Le) 

Un altro appuntamento di campionato federale relegato in una sede in capo alla Penisola …per promuovere la partecipazione. Si può ipotizzare che così si perderà circa la metà di coloro che avrebbero voluto prendervi parte (partecipanti locali esclusi). Probabilmente anche ben oltre la metà. Tra la base degli atleti master nascono ovvie le domande: “Che senso ha questa sede? A chi giova?” Perdippiù questo campionato è la prima prova della SuperCoppa Master NonStadia, già lo scorso anno ottusamente deformata nella classifica dalla scelta delle tre sedi tutte in un’unica regione. La seconda prova quest’anno sarà 17 aprile con il Campionato Italiano di Mezzamaratona a San Benedetto del Tronto e la terza il 5 giugno a Vasto con il Campionato Italiano di Corsa su Strada 10 Km. E quindi anche nel 2011 scelte di sedi nell’insieme discutibili. 
 

27 marzo CAMPIONATO  INVERNALE  PENTATHLON  LANCI (Bologna) 

Sarà la seconda edizione di questo campionato invernale con cui partirà anche il Grand Prix di Pentathlon Lanci 2011. Come abbiamo scritto più volte nel nostro sito si tratta di una realtà agonistica molto vivace ed in crescita. Ad oggi però la Federazione non ha precisato quale sarà l’elenco completo delle otto prove previste per la classifica del Grand Prix, continuando a generare un’idea di ingiustificabile approssimazione. Per altro il regolamento emanato per il Grand Prix non ha tenuto conto delle indicazioni venute dai partecipanti dello scorso anno. Insomma il pentathlon lanci continuerà a svilupparsi tra i masters, ma con una Federazione su un altro pianeta. 
 

13-15 maggio CAMPIONATI EUROPEI  NON-STADIA (Thionville-Fra) 

Questo tipo di campionato internazionale master ha perso nel corso delle edizioni molto appeal. In pratica i Campionati Mondiali Non-Stadia non esistono più. Forse quest’anno in terra francese ci potrebbe essere una rigenerazione e l’assegnazione di titoli europei in gare con un buon livello di partecipazione internazionale. Diventerà una scommessa per gli stradaioli master in cerca di stimoli e confronti al di fuori dei nostri confini. 
 

xx giugno CAMPIONATI  REGIONALI  INDIVIDUALI e C.D.S.  REGIONALI

Il cervellotico regolamento emanato dall’Ufficio Master per il Campionato di Società su Pista prevede siano conteggiati due punteggi nazionali (su tre) derivati da due prove regionali: a) Campionati Regionali Individuali; b) Campionati di Società Regionali. E’ presumibile che quasi tutte le regioni organizzino le due prove nel mese di giugno anche se in date differenziate. Difficile dire ora quale sarà la risposta delle società in termini di partecipanti. Sono molte, anzi troppe, le società che stanno criticando pesantemente la nuova formula del C.d.S. master su Pista 2011. Da varie parti si minacciano boicottaggi se la Federazione non tornerà sui suoi passi, ripristinando la vecchia formula con la Finale Nazionale disgiunta dai Campionati Italiani Individuali su Pista. Però si può anche ipotizzare che i due campionati regionali master diventino la valvola di sfogo degli atleti masters in una stagione agonistica scellerata e che quindi la partecipazione sia alta. 
 

06-17 luglio CAMPIONATI  MONDIALI  MASTERS (Sacramento-Usa) 

E’ un appuntamento già da qualche anno nel campo dei desideri dei masters italiani. In molti ci hanno fatto un pensierino, ma alla prova dei fatti il numero dei presenti sarà di molto inferiore a quello delle intenzioni. A lume di naso saranno meno di un centinaio, forse più vicino ai 50 che ai 100. Saranno enormemente più quelli che li seguiranno via internet piuttosto che in diretta sulle piste. Colpa la distanza e ancor più il costo di una simile trasferta in anni di ristrettezze economiche. Peccato perché anche le prossime due edizioni dei Campionati Mondiali non faciliteranno la partecipazione italiana. Va detto che l’impossibilità di partecipare a simili eventi spegne gli stimoli a diversi atleti masters molto competitivi che finiscono poi per non far affatto attività. Se invece ci fossero sostegni (organizzativi, logistici, di assistenza durante le gare, prima ancora di contributi economici) da parte della Federazione… Discorsi che hanno trovato i responsabili nazionali sempre sordi. 
 

10-20 settembre EUROPEAN  MASTER  GAMES (Lignano Sabbiadoro-Ud

Tanti hanno pensato a questa manifestazione nel 2011 come una forma di campionato sostitutivo, soprattutto per chi avrebbe voluto andare a Sacramento. Però si scopre che il costo d’iscrizione è di 120 euro!!! Ci si domanda se qualcuno degli organizzatori abbia avuto incubi notturni per imporre una quota così fuori mercato. Perciò la manifestazione sarà disputata, ma con una partecipazione sensibilmente ridotta rispetto alle premesse. Un’occasione mancata per calamitare oltre un migliaio di masters italiani. Che vantaggio avranno gli organizzatori se a 120 euro l’iscrizione avranno 300 adesioni di italiani contro 1200 adesioni a 40-50 euro? E anche dall’estero le defezioni a causa del costo eccessivo non saranno contenute. 
 

30sett-02ott CAMPIONATI ITALIANI INDIVIDUALI e FINALE C.D.S. (Cosenza)

Veniamo all’appuntamento culminante del calendario nazionale secondo la visione dell’intellighenzia che staziona nell’Ufficio Master della F.I.D.A.L. I Campionati Italiani Individuali Master non sono mai stati disputati in una data così posticipata della stagione agonistica all’aperto. Già questo fatto porterà un sacrificio non leggero di partecipazione. L’abbinamento poi alla sede periferica di Cosenza avrà un effetto depressivo senza eguali in precedenza. In sintesi: scarsa partecipazione e livello agonistico generale modesto. Il calcolo dell’Ufficio Master pare sia quello di mettere nella condizione forzata le società costrette a portare comunque i propri atleti se vorranno scalare la classifica nazionale del C.D.S. Master su Pista. Un calcolo molto azzardato, che potrebbe ritorcersi pesantemente a causa del boicottaggio di una vasta schiera di società che si stanno dichiarando pronte a rinunciare alla classifica nazionale dei C.D.S. Insomma questo appuntamento rischia di essere il momento più emblematico di una situazione schizzofrenica, con gli atleti masters che chiedono di poter essere messi in condizione fare attività agonistica nazionale e la Federazione che progetta campionati macchiavellici. Ancora una volta dalla base degli atleti master nascono le domande: “Che senso hanno queste scelte? A chi giova?” 
 

15-16 ottobre CAMPIONATO  ITALIANO  PENTATHLON  LANCI (Bari) 

La sede è periferica e tuttavia è prevedibile vi sia un’alta partecipazione, non per merito di chi l’ha concepita e la organizzerà, ma perché il pentathlon lanci sta diventando un fenomeno agonistico autopropulsivo. Una cosa è immaginabile e sperabile già nella cena finale che seguirà le gare baresi: siano poste le basi per un calendario agonistico master dell’anno 2012 secondo intelligenza, cancellando gli abomini dell’anno che invece ci stanno aspettando; e soprattutto consultando la base.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *