Sensazioni e opinioni ragionate di una giovane atleta: intervista a Flavia Battaglia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Riproponiamo a breve distanza un’interessante intervista di Adriano Masci del blog Rovesciando. L’interlocutore è Flavia Battaglia, giovane atleta classe ’93 distintasi a livello nazionale e non solo.

Flavia, atleta romana che corre i 400m ostacoli e piani, anche se ha ancora molta strada da percorrere, può già contare tre titoli italiani e una vittoria con la nazionale in un triangolare svoltosi a Chiuro la scorsa estate tra Italia, Francia e Slovenia.
La breve intervista nasce dal desiderio e l’opportunità di “affacciarsi” nel microcosmo dell’atletica tramite impressioni, suggestioni e considerazioni giovanili come quelle che può fornirci Flavia.

Le sensazioni che hai quando corri. La partenza, la progressione e l’arrivo.-
(Flavia) Ovviamente c’è un abisso tra le sensazioni di quando si corre in gara e di quando si corre in allenamento. Stesso abisso intercorre tra i 400m ostacoli e quelli piani, due pianeti diversi dello stesso sistema. Ad ogni modo alla partenza cerco di annullare qualsiasi tipo di pensiero che possa condizionarmi. Provo a sgomberare la mente. Il mio orecchio è sullo sparo, sono carica e pronta ad esplodere. Isolo la gara. Sento il vento che mi accarezza i capelli e il battito dei polpastrelli della mano tra di loro. In corsa poi siamo io e la pista, il resto è vuoto. Non riesco neanche a focalizzare bene gli avversari. Negli ultimi metri infine prendi consapevolezza di come hai corso e lo sguardo verte istintivamente sul crono. Il tempo è la massima espressione della dedizione e del sacrificio fatto in allenamento per migliorarsi. Sono due gli avversari da battere in gara: se stessi e il tempo, prima ancora degli avversari che corrono con te.

L’atletica è il tuo sport, la tua passione; ma anche un impegno di alto livello. Ti piace più vincere o correre?-
(Flavia) Mi piace correre per vincere. Quando corro sto bene e sento di fare ciò che mi appaga davvero. La dedizione e la costanza che impego in questa disciplina, dipendono indubbiamente dal fatto che la svolgo con passione. E’ anche un esercizio per scoprire se stessi. Essere coscenti dei propri limiti ma provare continuamente a superarli.

Conciliare l’attività agonistica con lo studio-
(Flavia) E’ difficile. Spesso dai professori non viene un appoggio o uno stimolo, raramente c’è comprensione. Lo sport è concepito come un hobby extrascolastico, come un passatempo. Non è valutato come un impegno. Così ai sacrifici che faccio per questo sport si aggiungono quelli che faccio per coniugarlo alla mia formazione culturale (scolastica) a cui tengo molto. Posso dire che questo, per quanti praticano con dedizione un’attività sportiva e agonistica, è penalizzante.

Il connubio fra sport e cultura è possibile o è solo un’utopia? Lo sport è anche cultura?-
(Flavia) Lo sport è un importantissimo insegnamento di vita, e quindi anche cultura. Lo sport apre la mente e penso sia ignoranza considerarlo totalmente avulso dalla sfera culturale. Esiste un connubio fra sport e cultura indubbiamente, ed è percepibilissimo. La tecnica, il movimento del corpo nello spazio, la psiche umana…

Per concludere, quali a tuo avviso, i principali limiti del settore atletico italiano in questo momento?-
(Flavia) E’ difficile esporli. Bisogna essere competenti e tecnici per farlo, oltre che avere un discreto bagaglio d’esperienza. A sensazione potrei dire che al settore atletico italiano viene dato decisamente troppo poco spazio, e pensare che è la regina degli sport…
Poco spazio a livello mediatico, squilibrio tra impianti e mezzi nelle varie regioni italiane e forse anche a confronto con gli altri paesi europei. E’ certamente un dato di fatto che il resto dell’Europa valorizza e investe di più in questa disciplina. C’è un’altra cultura dello sport, che il nostro paese dovrebbe rivitalizzare.

A cura di Adriano Masci (Rovesciando blog)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *