E’ SCOMPARSA GRETE WAITZ

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sì è spenta all’età di 57 anni Grete Waitz. Ha lottato a lungo contro un cancro ma sì è spenta il 19 Aprile. Aveva vinto per ben nove volte la maratona di New York, indiscussa regina del fondo e mezzofondo mondiale negli anni ottanta tanto da essere venerata come un’icona della corsa. Ha diviso la stessa sorte del suo amico Fred Lebow, il presidente del New York Running Club, che accompagnò mano nella mano nella sua ultima maratona che compì in 5 ore e 32 minuti, quando questi stava già lottando da tempo contro il cancro e riuscì a concludere grazie all’aiuto della sua amica Grete che lo accompagno in lacrime al traguardo.

-Così scrive di lei il New York Times riportando una sua vecchia intervista-

Vinse la maratona di New York per ben nove volte, quella di Londra per due volte, i mondiali di cross per cinque volte e il primo campionato mondiale di maratona della storia. Stabilì quattro record del mondo sulla maratona e due record del mondo sui 3000 metri. E altro. Ma sopratutto è ricordata per l’amicizia con Fred Lebow, quel pazzo visionario che fece diventare la maratona di New York l’evento che è adesso.
La sua storia con la maratona inizia nel 1978, quando era campionessa mondiale di corsa campestre e detentrice di record su pista. Non c’erano gare di lunga distanza ai Giochi Olimpici (per le gare femminili) e la pista non era ancora diventata professionismo. All’età di 25 anni stava per appendere le scarpette al chiodo e dimenticare frivolezze come correre. Non c’era possibilità di vivere con lo sport.
Stavo per ritirarmi, ma Fred (Lebow) aveva questa maratona di New York, così pensai, potrei correrla se mi pagano il viaggio. Telefonai a Lebow. La sua segretaria mi chiese quale fosse il mio personale sulla distanza, le risposi che non ne avevo mai corsa una. La segretaria aggancio. Ma si segno il mio nome su un taccuino, Lebow vide il mio nome, sapeva chi ero e mi invitò anche se sapeva che oltre i 3000 metri non avevo mai gareggiato.
Arrivò a New York due giorni prima della gara e vinse la maratona in 2 ore 32 minuti e 30 secondi, il più veloce a quel tempo, cosi nacque la sua leggenda.   

 

lebow_e_Grete_Waitz

Con Grete Waitz scompare una delle figure più importanti del nostro sport, atleta poliedrica aveva spaziato come il leggendario Zatopek un pò in tutte le distanze della corsa. Questi i suoi record personali: 1500 metri 4:00.55 (Prague – 03/09/1978). Miglio – 4:26.90 – (Gateshead -09/07/1978). 3000 metri -8:31.75 (Oslo 17/07/1979). 15 chilometri  47:52 (Tampa, Florida 11/02/1984). Maratona 2:24:54  (Londra – 20/04/1986).


Foto Waitz- Lebow The New York Times

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *