CDS 2011 – Prima prova regionale – prima giornata

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La prima fase dei Campionati di Società in corso di svolgimento in tutta la Penisola ha già riservato buoni risultati nella prima giornata di gare del week end. A Rieti bene velocisti e saltatori (news in aggiornamento).

LAZIO (Rieti): la magica pista di Rieti ha ancora una volta fatto il suo, assicurando responsi cronometrici di assoluto valore in un pomeriggio soleggiato e con una leggera bava di vento a favore sul rettilineo di arrivo. In realtà il manto sintetico del Guidobaldi non è che se la passi molto bene, usurato e indurito meriterebbe quanto prima un intervento di sostituzione, ma per fortuna quelle condizioni ambientali particolari che si respirano solo a Rieti anche stavolta hanno inciso in positivo sulle prestazioni. Ne sa qualcosa il bravo Jacques Riparelli, azzurro dell’Aeronautica militare, protagonista sui 100 metri con 10.39, miglior tempo di giornata corso nella serie extra, dove è riapparsa anche una vecchia conoscenza, l’aviere Marco Torrieri, secondo in 10.56. Nomi conosciuti che non hanno oscurato il duello infuocato in serie 1 tra le promesse Francesco Basciani (Acsi Campidoglio Palatino) e Valerio Rosichini (Fiamme Gialle Simoni), finito a vantaggio del primo in 10.45 contro 10.58, a precedere l’argento europeo della 4×100, Roberto Donati (Studentesca Ca.Ri.Ri), terzo in 10.64.

Tra le donne la volata più veloce è arrivata ancora dalla serie extra, grazie alla bulgara Ivet Lalova, che, sotto lo sguardo attento del compagno Simone Collio e del prof. Bonomi che la segue negli allenamenti, ha chiuso in un buon 11.26. Nella serie 1 vittoria invece per l’atleta di casa Giulia Arcioni in 11.71, un centesimo meglio di Rita De Cesaris (Studentesca CA.Ri.Ri), a seguire poi Ilenia Draisci (Audacia Record) in 11.77 e la novità del momento Darya Derkach (Audacia Record). Proprio la Derkach poco più tardi ha potuto esibirsi nel suo triplo, atterrando ad un pregevole 13.37, misura che attualmente la fa salire al terzo posto nella graduatoria mondiale stagionale junior stilata dalla IAAF. Ottimo risultato al maschile anche per il pari categoria Daniele Cavazzani (Studentesca Ca.Ri.Ri), vincitore con 15.68 davanti al compagno di squadra Mauro Quattrociocchi, secondo con 15.49.

Sul giro di pista esordi vincenti sulla loro pista li hanno regalati Maria Enrica Spacca e Lorenzo Valentini, rispettivamente con 53.66 e 47.83, in gare dove si sono messi in evidenza anche lo junior dell’Acsi Campidoglio Palatino Matteo Iachini, con 47.89, e Donata Piangerelli, con 55.04.

Nell’asta maschile protagonista assoluto è stato lo junior locale Simone Fusiani, salito a 5 metri esatti, per poi mancare di un soffio i 5.15, mentre si è rivista Elena Meuti (ASD Audacia Record) nell’alto con 1.80.

Risultati di rilievo nei concorsi anche per Marco Zitelli (Studentesca Ca.Ri.Ri) nel disco con 56.13 e Julaika Nicoletti (ASD Audacia Record), prima nel peso con 16.43, bene poi anche Elisa Palmieri (CS Esercito) nel martello con 67.03.

Nel mezzofondo infine dominio scontato nei 1500 maschili per il duo keniano dell’Atletica Futura Chirchir- Boit, con il primo a trionfare in 3:45.53, mentre tra le donne l’inossidabile Paola Tiselli (Cus Tirreno Atletica), anno 1973, si toglie la soddisfazione di metter dietro diverse giovani dal futuro promettente, come Valeria Lori, Isabella Papa e Valentine Marchese. Tutto facile invece per la promessa Giulia Martinelli (Studentesca Ca.Ri.Ri) nei 3000 siepi, controllati in 10:16.53, staccando Camille Marchese (ASD Audacia Record). Sui 110 ostacoli altro acuto del solito Elton Bitincka, ostacolista d’origine albanese in forza all’Acsi Campidoglio Palatino, primo in 14.61 sullo junior Luca Trgovcevic (Studentesca Ca.Ri.Ri), al traguardo in 14.80.

Infine nella marcia successo agevole sui 10 km di Daniele Masciadri (Fiamme Gialle Simoni) con 42:36.46, mentre sui 5 km femminili è la brava Maria Vittoria Becchetti (Studentesca Ca.Ri.Ri.), ancora Allieva, a chiudere in prima posizione con 25:24.96, con Rossella Giordano, fuori gara, autrice di un buon 22:44.97.

LOMBARDIA (Busto Arsizio – Lodi): Negli ostacoli alti, vince Carlo Giuseppe Radaelli per la Riccardi Milano col tempo di 14”50. Ottimo il 400 di Isalbet Juarez che con 46”72 porta mille punti tondi tondi all’Atletica Bergamo 1959 Creberg. Per il mezzofondo si corre sul filo dei centesimi.  Nei 1500 che alla fine vanno ad Abdellah Haidane della Nuova Atletica Fanfulla Lodigiana col tempo di 3’48”27; alle sue spalle Abdellatif Elaloiani per l’Atletica Pro Sesto con 3’48”52. Lotta serrata anche nei 3000 siepi dove l’atleta della Pro Sesto, Devis Licciardi si impone su Riccardo Passeri della Pro Patria Milano col tempo di 9’07”85. Passando ai concorsi, si mette in buona evidenza Stefano Magnini del Cus dei Laghi – Atl. Varese che vince il triplo con 16.07 davanti a Fabio Buscella dell’Atletica Cento Torri Pavia. Ancora la società pavese che stavolta centra la vittoria nel giavellotto con Alessandro Maraschi (cat. Promesse) che lancia a 63.08 davanti al coetaneo Stefano Nardini dell’Atletica Riccardi che a livello di team si aggiudica caparbiamente le ultime due gare della giornata. Nella marcia 10km giunge primo sul traguardo Andrea Adragna con 43’45”41 mentre nella 4×100 il quartetto Dentali, Pistono, Tortu e Cassiolas fanno segnare l’ottimo tempo di 41”74.

A Lodi si è svolta invece l’omologa gara al femminile. Subito incandescente la lotta in pista con un 100 metri vinto, spalla a spalla da Michela D’Angelo della Camelot con 11”95, stesso tempo della seconda, Giorgia Candiani dell’Atletica Pro Sesto. Ancora Camelot nei 110 hs vinti da Sara Balduchelli  col tempo di 13”90. Di grande livello anche i 400 dove Marta Milani (Atl. Bergamo 1959 Creberg) si impone con 52”62 davanti ad Elena Maria Bonfanti dell’Atletica Lecco-Colombo Costruzioni ed Eleonora Sirtoli della Camelot. L’intero terzetto ha corso sotto i 54 secondi…niente male davvero! In bell’evidenza l’Atletica Brescia 1950 Ispa Group che fa doppietta nei 1500 con Alessandra Seghezzi vincente in 4’29”70 davanti a Silvia Casella che chiude invece seconda con 4’30”55. La stessa società bresciana piazza anche un bel secondo posto nei 3000 siepi che vengono vinti però dalla brava Docus Inzikuru della Camelot con 9’59”43. Ancora Camelot al primo posto nel triplo con la veterana Barabara Lah che salta fino a 13.18. Ottima gara di salto in alto con Raffaella Lamera (Atl. Bergamo 1959 Creberg) che vince con 1.88 davanti a Chiara Vitobello (Camelot) che sale fino ad 1.85. Ancora concorsi col martello di Valentina Leomanni della Nuova Atletica Fanfulla Lodigiana che al terzo lancio arriva alla misura di 58.09. Chiusura alla grande per la Camelot Milano che si concede il lusso di piazzare due notevoli  4×100 ai primi due posti. Il quartetto vincente formato da Gamba, Maffioletti, Colombo e D’Angelo vince con 46”12 seguito da Sordelli, Balduchelli, Fugazza e Sqassabia che fanno arrivare il testimone nel tempo di 46”65.


ABRUZZO (Pescara): Cds nella regione del club campione d’Italia, la Bruni Pubblicità Atletica Vomano. Vediamo i migliori risultati. Marco Perrone (Bruni Pubblicità Atletica Vomano) vince i 400 con un buon 48”25. La stessa società si aggiudica la prova con gli ostacoli con Luca Michele Sergi che vince in 14”86 il 110hs. Fa doppietta l’Aterno Pescara nei 1500 con Kabbouri e Chiaverini con un crono di 4’ netti a cui risponde sempre la Bruni Pubblicità Atletica Vomano nei 3000 siepi con un duo di elevata qualità: vince Kiprotich Tanui in 8’45”84 seguito da Brahim Taleb che arriva in 8’51”03. Non si fa attendere Daniele Greco in pedana e surclassa tutti con balzo a 15.98 come non deludono le aspettative i due marchigiani della società di Morro: Nazzareno Di Marco nel disco fa 57.55 mentre il figlio d’arte Gianluca Tamberi lacia il giavellotto a 65.98. Ancora sfida tutta in casa per la Bruni Pubblicità Atletica Vomano nei 10km di marcia vinti da Riccardo Macchia (42’35”19) seguito da Fortunato D’Onofrio (43’12”64). Chiude la staffetta veloce con l’ennesima doppietta per la Bruni Pubblicità Atletica Vomano che piazza la formazione Lisco, Bassani, Zazzera, Greco al primo posto con 41”70 seguita dal quartetto Antonino, Panza, Magi e Crosio che chiude in 42”85.

Più equilibrato l’ambito femminile con diverse società a darsi battaglia ma ad un livello senz’altro più basso di quello della superformazione della Vomano. Non moltissimo da segnalare per prestazioni che non raggiungono mail gli 800 punti. Discreto il 100hs di Bianca Maria Canaletti dell’Atletica Gran Sasso che vince in 16”05 a cui fa seguito la prestazione della sua compagna di squadra, la promessa Elena Briganti che corre in solitaria in 11’38”81 i 3000 siepi. Interessante l’1.55 dell’allieva Francesca Sciarretta della Falco Azzurro Carichieti come anche il 12.08 per la triplista dell’U.S Aterno Pescara, Alessia Valente (miglior risultato tecnico femminile).

MARCHE UMBRIA (Macerata): Giornata di sole pieno e temperatura ideale per il doppio Cds che vede impegnate le regioni di Marche e Umbria nel rinnovato impianto dell’Helvia Recina. Nei 100 uomini si fa largo la promessa Julius Kyambadde che impegna a fondo il veterano Verdecchia finendogli davanti con lo stesso tempo di 10”63, terzo Alessandro Berdini in 10”80. Va forte negli ostacoli alti Giovanni Mantovani dell’Atletica Fermo che con 14”13 si impone davanti ai due forti rappresentanti della Tecno Adriatletica Marche Berdini (14”27) e Nalocca (14”38). Spunta l’Umbria nell’asta dove il bravo Giacomo Befani arriva fino a quota 4.70. Scontato il dominio nel triplo per la scuola ascolana con Edoardo Vanni (Asa Ascoli) che vince in 14.74 davanti al rappresentante dell’Atletica Castelfidardo, Andrea Giuliodoro. Ancora Asa Ascoli per l’ottimo 55.49 di Eduardo Albertazzi nel disco uomini. Derby keniano nei 3000 siepi vinto da Kimutai per l’Atletica Recanati in 9’01”24 con alle spalle Biwott che chiude in 9’22”66. Nella marcia si impone Michele Antonelli, ancora della categoria allievi con un interessante 47’37”67 davanti a Boldrini mentre la 4×100 viene vinta dalla squadra di casa, l’Atletica Avis col quartetto Nardi, Vescovi, Reina, Angelini che ferma i cronometri all’ottimo tempo di 41”44.

Per le categorie femminili segnaliamo Francesca Ramini (Atletica Fermo) nei 100 che vince in 12”12, la compagna di squadra Chiara Natali che chiude il 400 nell’ottimo 54”64. Sempre l’Atletica Fermo si impone nei 100hs con la vittoria di Daniela Spadoni che chiude la prova in 14”63. Nel mezzofondo, Alessia Pistilli vince i 1500 con 4’34”99 davanti all’allieva Elisa Copponi dell’Atletica Maxicar Civitanova. Nei concorsi emerge la TAM Tecno Adriatletica Marche che vince il triplo con Silvia Del Moro con l’ottimo 12.45 mentre nel peso ci pensa Aurora Narcisi a scagliare l’attrezzo più lontano di tutte finendo la gara con la misura di 12.68 davanti alla compagna di squadra Sara Pizzi. . La stessa Narcisi bissa poi nel martello con l’ottima misura di 53.05, portando sul (ideale) podio le altre due compagna di team Pizzi, seconda in 50.86 e Montelpare che chiude in terza posizione con 44.77. Vince la marcia la brava Gattari dell’Avis Macerata con 26’30 davanti a Veronica Botticelli mentre tre ottime 4×100 (Sport Atletica Fermo – Sef Stamura Ancona – Tecno Adriatletica Marche) hanno chiuso la prima giornata del Cds Umbria Marche.

 

VENETO (Marcon) di Mauro Ferraro: Cinquantanove centimetri di progresso, un altro passo – piccolo, ma significativo – verso la barriera degli 80 metri. Leonardo Gottardo ha confermato il particolare feeling con la pedana di Marcon, lanciando il giavellotto, nella prima giornata della fase veneta dei campionati italiani di società, a 77.77. Il 10 aprile, nello stesso stadio veneziano, il padovano aveva lanciato a 77.18. Il miglioramento – 59 centimetri, appunto – è una gioia condivisa con l’Atletica Biotekna Marcon, sodalizio in cerca della prima, storica partecipazione alla finale Oro, per il quale Gottardo gareggia quando non indossa la maglia dell’Aeronautica. Il pomeriggio veneziano ha offerto, in pedana, anche il 60.05 di Micaela Mariani nel martello. Per la toscana dell’Assindustria Padova, classe 1988 come Gottardo, un progresso di 47 centimetri che vale anche la nona prestazione italiana di tutti i tempi. Nel peso, successo della junior Francesca Stevanato che, con 14.49, ha ottenuto il lasciapassare per gli Europei di categoria di Tallin. Tumi ha vinto i 100 in 10”65 (vento -1.2), prevalendo nettamente nella sfida con lo junior Galbieri (10”79). Un’altra under 20, Gloria Hooper, veronese di genitori ghanesi, si è imposta in campo femminile con un bel 12”03. Nei 400 galoppate solitarie di Domenico Fontana (47”87) e della cubana Santiusti Caballero (54”71). Alessandra Pietrogrande ha vinto il triplo con 13.14, imitata da Michele Boni in campo maschile (16.10). Ordinaria amministrazione, nell’afa della prima parte del pomeriggio, per la tricolore Sibilla Di Vincenzo nei 5 km di marcia (23’44”53) e per l’azzurrino Dei Tos sulla distanza doppia (46’55”65). Domani, dalle 14, la seconda e conclusiva giornata.  RISULTATI (esclusi 3000 siepi e 4×100). Uomini. 100 (v. -1.2 m/s): 1. Michael Tumi (Vicentina) 10”65, 2. Giovanni Galbieri (Insieme New Foods) 10”79, 3. Alex Da Canal (Jager Vittorio Veneto) 10”96. 400: 1. Domenico Fontana (G.A. Bassano) 47”87, 2. Eugenio Incerti (Vicentina) 48”84, 3. Paolo Ziantoni (Biotekna Marcon) 49”37. 1500: 1. Maurizio Bobbato (Assindustria Pd) 3’56”54, 2. Emilio Perco (Ana Feltre) 3’58”95, 3. Massimo Falconi (Insieme New Foods) 4’01”25. 110 hs (-0.3): 1. Diego Appoloni (Insieme New Foods Vr) 14”76, 2. Demis Roldo (Dolomiti Bl) 14”92, 3. Alessandro Marcon (Biotekna Marcon) 14”93. Asta: 1. Marco Boni (Assindustria Padova) 4.70, 2. Andrea Nadali (Bentegodi) 4.40, 2. Alberto Vella (Assindustria Pd) 4.40. Triplo: 1. Michele Boni (Bentegodi) 16.10 (+1.2), 2. Luca Pedron (Biotekna Marcon) 14.81 (+1.2), 3. Riccardo Appoloni (Insieme New Foods) 14.76 (+1.2). Disco: 1. Daniel Compagno (Assindustria Pd) 49.68, 2. Paolo Nave (Vicentina) 44.24, 3. Matteo De Carli (Bentegodi) 41.54. Giavellotto: 1. Leonardo Gottardo (Biotekna Marcon) 77.77, 2. Antonio Fent (Jager Vittorio Veneto) 68.46, 3. Fabio Caldon (Assindustria Pd) 61.83.  Marcia (10 km): 1. Leonardo Dei Tos (Biotekna Marcon) 46’55”65, 2. Flavio Vona (Biotekna Marcon) 47’31”87, 3. Albano Montresor (Bentegodi) 49’32”64.

Donne. 100 (-0.7): 1. Gloria Hooper (Valpolicella Lupatotina) 12”03, 2. Laura Strati (Vicentina) 12”18, 3. Anita Pezzolo (Assindustria Pd) 12”39. 400: 1. Yusneisi Santiusti Caballero (Assindustria Pd) 54”71, 2. Aida Valente (Vicentina) 55”74, 3. Nicole Pozzer (Vicentina) 57”06. 1500: 1. Judit Varga (Assindustria Pd) 4’29”81, 2. Federica Soldani (Assindustria Pd) 4’33”70, 3. Gloria Tessaro (Vicentina) 4’35”18. 100 hs (-0.3): 1. Giulia Tessaro (Asi Veneto) 14”15, 2. Silvia Zuin (Cis Abano) 14”47, 3. Alessandra Pietrogrande (Assindustria Pd) 14”47. Alto: 1. Giovanna Demo (Vicentina) 1.77, 2. Sara Mazzi (Insieme New Foods Vr) 1.74, 3. Sofia Sartori (G.A. Bassano) 1.68. Triplo: 1. Alessandra Pietrogrande (Assindustria Pd) 13.14 (+1.4), 2. Martina Bellio (Asi Veneto) 12.45 (+0.9), 3. Giulia Agostini (Bentegodi) 12.19 (+1.4). Peso: 1. Francesca Stevanato (Audace Noale) 14.49, 2. Damiana Dorelli (Asi Veneto) 13.31, 3. Lisa Guidolin (Lib. Sanp) 10.98. Martello: 1. Micaela Mariani (Assindustria Pd) 60.05, 2. Gioia Nicoletti (Vicentina) 44.81, 3. Valentina Sambugaro (Bentegodi) 44.60. Marcia (5 km): 1. Sibilla Di Vincenzo (Assindustria Pd) 23’44”53, 2. Sofia Peruzzo (Vis Abano) 28’14”96, 3. Elena Cecchele (Vis Abano) 28’28”11.

 

EMILIA ROMAGNA (Imola): Vince i 100 per la Fratellanza 1874 la promessa Tommaso Lazzarini con un ottimo 10”66 mentre nei 110hs vince Michele Calvi con 14”12 per l’Atletica Montanari Gruzza. Matteo Rubbiani della Fratellanza Modena 1874 sale fino a 5.00 nell’asta distaccando il compagno di squadra Mirko Po di soli 20cm. Giavellotto in salsa master con la vittoria di Moreno Belletti del Cus Parma che vince con un più che discreto 61.93. Staffetta 4×100 saldamente in mano alla Fratellanza Modena che si aggiudica la gara con la formazione Bucci, Rocco, Lazzarini, Matera in 41”32.

Nelle categorie femminili la nigeriana juniores Judy Udochi Ekeh (Reggio Event’s) solleva subito l’interesse con la vittoria nei 100 in 11”66. Peccato solo un vento un po’ troppo generoso (+2,4) che gli nega l’ufficialità della prestazione. Ancora una giovane per la vittoria nei 400, si tratta di Raphaela Boaheng Lukudo del Mollificio Modenese Cittadella che vince in 56”25 davanti alla juniores Ambra Gatti del Cus Parma che chiude in 57”77. La formazione parmense fa meglio nei 1500 con una bella vittoria di Maria Vittoria Fontanesi che termina la gara in 4’23”03. Non ce n’è per nessuna nei 3000 siepi con Valentina Costanza (Cus Bologna) che infligge quasi un minuto di distacco alla seconda arrivata. Per lei un 10’12”71. La marchigiana del Cus Parma Roberta Bugarini (anno 1969) vince l’alto con 1.71 mentre la compagna di squadra Silvia Cucchi si impone nella gara di triplo con la misura di 13.07. La 5km di marcia è del Cus Bologna con Alessia Zapparoli che chiude in 23’29”43 mentre nella 4×100 l’Atletica Lugo fa doppietta col primo e secondo posto, vincendo in 50”58 con la formazione Mbete, Bartolotti, Rossi, Cavina.

TOSCANA (Colle Val d’Esa): Vince la gara veloce la Fiamma Oro Checcucci con 10”73 che porta alla sua Assi Giglio Rosso un bottino di quasi 900 punti. Buona la prestazione di Filippo Costanti nei 400 (Monte Paschi Uisp Atl. Siena) che, ancora nella categoria Promesse fa segnare 47”61. Nel mezzofondo,  vince il 1500 il keniano Kiprotich per l’Atl. Virtus Lucca con 3’49”80 mentre i 3000 siepi se li aggiudica Paolo Natali dell’Atletica Firenze Marathon col discreto tempo di 9’13”20. Di rilievo il lancio del disco vinto da Federico Apolloni (Atletica Firenze Marathon) che scaglia l’attrezzo a 56.75m, bene anche il giavellotto di Giacomo Puccini che, dalla categoria promesse lancia a 68.12 per l’Atletica Virtus Lucca. Di elevato livello la gara della 10km di marcia con lo junior Girardi (Atletica Livorno) che nonostante i due rossi giunge primo sul traguardo con 43’40”78 precedendo di poco Vittorino Mucci (Atletica Firenze Marathon) che finisce in 43’44”98.

Nel settore femminile Audrey Alloh (Atletica Firenze Marathon) chiude sotto i dodici secondi il suo 100 metri col tempo di 11”92 che gli regala la vittoria davanti alla figlia d’arte Anna Buongiorni. Nella velocità con ostacoli in buona evidenza la juniores Carol Boccardo del Cus Pisa Atletica Cascina che vince in 14”73 davanti all’allieva Rebecca Palandri (Toscana Atl. Empoli Nissan) che corre in 14”77. Nel martello Elisa Magni dell’Atletica Livorno con una bella serie di lanci, vince la gara con la misura di 56.19 mentre per la marcia, buona prestazione di Ilaria Galli (Atletica Firenze Marathon) che termina la fatica sui 5km col tempo di 23’53”71. Ottima la prestazione (oltre i 1000 punti) per il tema dell’Atletica Firenze Marathon nella 4×100 che col quartetto Visibelli, Masini, Foiorindi, Alloh, ferma i cronometri sul tempo di 46″52.
 

CAMPANIA – MOLISE (Napoli): Vince la gara veloce Ciro Riccardi della Libertas Amatori Benevento che nei 100 si impone con 10”88 mentre nei 400 la promessa Janis Baltuss dell’Enterprise Sport & Service vince in 48”01. La stessa società si aggiudica anche il 1500 con Maksym Obrubanskyy che termina la sua prova in 3’55”10 e il disco con Oskars Vaisjuns che piazza un lancio a 55.88. Bel risultato nella marcia per Vincenzo Magliulo che vince con 43’42”60 (Atletica Aversa Aversano) mentre la 4×100 viene vinta dalla Libertas Amatori Benevento in 42”58 con Tremigliozzi, Tremigliozzi, Bocola, Riccardi.

Tra le donne, lotta dura nei 100 con le prime due atlete a pari tempo. Vince Martina Marinello dell’Enterprise Sport & Service in 12”18 seguita da Maria Elisa Sannino con lo stesso tempo. Stessa società al primo posto con Natalja Cakova che salta 1.80 nel salto in alto e 12.55 nel triplo e con Marina Marghiev che lancia a 67.14 nella gara di martello.


PUGLIA – BASILICATA (Bari):
Doppio CdS a Bari che ospita le regioni di Puglia e Basilicata. Lo junior Pierangelo Rutigliano dell’Atletica Amatori Acquaviva vince i 100mt in 10”99. Sempre per la categoria juniores, vince i 400 Vito Incantalupo (Atletica Sprint Barletta) in 48”11. Per il mezzofondo, vince i 1500 Daniele Caruso del Club Atletico Potenza in 3’55”26 mentre Donato Becce (Pol. Rocco Scotellaro Matera) si aggiudica i 3000 siepi in 9’19”51. Buono il 14.80 nel triplo dell’atleta della Nuova Atletica Giovinazzo, Francesco Alborè ed altrettanto buono il giavellotto di Marcello De Cesare della Polisportiva Rocco Scotellaro Matera che lancia fino alla misura di 62.42. Lotta all’ultimo metro nella 10km di marcia che viene vinta dallo junior Massimo Stano  dell’Atletica Aden Exprivia Molfetta in 42’52”88 davanti a Ruggero D’Ascanio (Pol. Rocco Scotellaro Matera) che chiude in 42’53”26.

Per le donne segnaliamo l’ottimo 57”18 di Lucia Pasquale (A.S. Olimpia Club) nei 400 in considerazione che l’atleta appartiene ancora alla categoria Allieve. Nell’alto vince con 1.71 Antonella Napoletano per l’Alteratletica Locorotondo che con Nicoletta Dell’Aquila si aggiudica anche la prova della 5km di marcia col tempo di 23’58”23.

TRENTINO (Borgo Valsugana): Vince i 100 con 10”66 Davide Deimichei per l’U.S. Quercia Trentingrana con un vento al limite del regolare mentre nei 400 ha la meglio l’atleta dell’Athletic Club 96 AE, Abdulaye Wagne con 47”91. Nei 110hs il decatleta Lukas Lanthaler arriva primo in 15”14 per il club S.V. Lana – Raika. Sale fino a 4.90 nell’asta Manfred Menz per l’Athletica Club 96 AE. Sempre nei concorsi buoni risultati dal giavellotto con Hubert Goeller che vince in 61.11 e per Gianluca Gasperini nel triplo che vince con 15.33. Nella 10km di marcia vince Graziano Morotti (classe 1951) con 47’20 per l’U.S. Quercia Trentingrana. La staffetta 4×100 è dominio dell’Athletic Club 96 AE che chiude in 42”19 con la formazione Mezzanato, Veronese, Palmieri e Tugnolo.

Nelle donne, Roberta Albertoni della categoria junior vince i 100 in 12”17 per il GS Valsugana Trentino il quale bissa nella gara veloce con ostacoli dove Angela Marcato passa per prima il traguardo con il tempo di 14”54. Di indubbio interesse il 400 con cinque atlete sotto al minuto per la vittoria di Helga Ganassini dell’U.S. Quercia Trentingrana in 56”80. Arrivo spalla a spalla nei 1500 dove Eleonora Berlanda cede la vittoria per soli tre centesimi a Zakia Mohamed Mrisho che vince in 4’24”40 per il GS Valsugana Trentino. La stessa società piazza altre importanti vittorie nell’alto con Valeria Marconi che sale fino a 1.77 e con Elisa Zanier nel triplo con 12,89. Vince infine la 4×100 l’U.S. Quercia Trentingrana col tempo di 46”94 con le velociste Menolli, Palezza, Tomasini e Giovannetti.


PIEMONTE – VALLE D’AOSTA (Torino):
Prove veloci all’insegna dei pari merito. Nei 100 Vince Michele Tricca (Atletica Susa) con 10”97, stesso tempo di Edoardo Sangiorgi. Accade lo stesso nei 100hs con Matteo Omedè dell’Atletica Piemonte che si impone su Roberto Abrate correndo con lo stesso 15”24. Buon 400 per Michele Polcari (Atletica Canavesana) che vince in 48”77. Nel mezzofondo domina il Cus Torino con Marouan Razine nei 1500 (3’48”86) e con Andrea Scoleri nei 3000 siepi che piazza un bel 9’00”69. Ancora Cus Torino per le ultime due gare della giornata con Federico Tontodonati che vince la 10km di marcia in 44’02”94 e il quartetto della 4×100 formato da Colombo, Gadelta, Squillace, Iyamu che arriva davanti a tutti in 42”01.

In ambito femminile Martina Amidei del Cus Torino apre in bellezza la giornata con un 11”94 di valore. Gli fa eco la compagna di squadra nella gara veloce con ostacoli siglando 14”66 nei 100hs. Rompe il dominio Cus la promessa Marina Ricci nei 400 che corre in 58”55. Eleonora D’Elicio salta nel triplo 13.04 sempre per il Cus Torino mentre, sempre per la società del capoluogo la junior Francesca Massorbio piazza una gran spallata nella gara di giavellotto vincendo con la misura di 60.03. Chiude la prima giornata la vittoria della staffetta veloce  del Cus Torino con Gigliotti, Canella, D’Elicio e Amidei che chiudono in 47”78.


LIGURIA (Lagorio di Imperia):
Va alla Maurina Olio Carli il 100 d’apertura  corso da Enrico Demonte in 10”82. Fa ancora meglio il suo compagno di squadra, lo junior Davide Re che vince i 400 in 48”84. Si impone con largo distacco Emanuele Abate per il Cus Genova nei 110hs col tempo di 13.82 (-1,2). Ancora Cus Genova nella 4×100 vinta in 42”10 da Delfino, Boretti, Ramon e Scarso.

Per le donne la juniores Rita Ricciotti per la Spectec Atletica Carispe vince i 100 in 12”38 a cui fa eco l’ottimo 55”81 della compagna di squadra Eleonora Martini nei 400. Emanuela Rossi del Cus Genova si aggiudica i 100hs con 15”13. Ancora Cus Genova alla grande per l’ottima prestazione di Silvia Salis che nel martello surclassa le altre partecipanti con una bordata a 69.12. La prova finale di staffetta se l’aggiudica la Spectec Atletica Carispe che vince la 4×100 con Ricciotti, Martini, Gerardi, Angotti in 48”66.

SARDEGNA (Oristano): Nicola Amici dell’Amiscora Cagliari apre il Cds sardo con un buon 10”74 mentre nei 110hs vince in 15”13 il rappresentante dell’Atletica Oristano Marco Spanu. Nel triplo dopo un bel 10”80 nei 100 piani, Alessio Cubeddu della Polisportiva Libertas Campidano vince il triplo con 14.24. Bella doppietta dell’Amiscora Cagliari nella 4×100 con il quartetto più veloce Montesu, Ruggiu, Tamponi, Amici che vince in 42”52.

Nelle donne la juniores Nicoletta Clavuot del Cus Cagliari vince i 100 in 12”42. Ancora Cus Cagliari nei 400 con una junior e un’allieva nei primi due posti. Vince Alessandra Marceddu con 58”81 seguita da Nadia Neri in 59”80. Nei 100hs vince in solitaria con l’ottimo tempo di 13”92 Francesca Albiani per l’Amiscora Cagliari che si aggiudica anche le prove della 5km di marcia con Serena Pruner (22’28”16) e la 4×100 (Tizzano, Paciarotti, Mereu, Albiani) in 48”34. Chiudiamo con la vittora nei 1500 dell’inossidabile Claudia Pinna (Cus Cagliari) che vince in 4’32 .

FRIULI VENEZIA GIULIA (Pordenone): Bene nei 3000 siepi Patrick Nasti del Marathon Trieste che vince con l’ottimo 9’00”32 e, sempre per la stessa società, ottimo il giavellotto della promessa Marco Clean che lancia a 66.01. Nella staffetta 4×100 vince l’Atletica Brugnera Friulintagli in 43”63 (Comel, Brunello, Gasparin, Moreschi).

Tre le donne, la junior dell’ Atletica Brugnera Friulintagli vince i 100 in 12”31 mentre la gara dei 100 ostacoli è vinta dall’allieva Giada Carmassi dell’Atletica Alto Friuli in 15”03 nonostante il muro di vento contro(-2.8). Ancora Atletica Brugnera Friulintagli per i 400 vinti da Giulia Chessa che chiude in 56”55 e per il salto in alto dominato dalla fortissima Alessia Trost che termina la gara a 1.82. Doppietta del Cus Trieste nel martello con Giulia Bartolich (52.81) e nella marcia. Chiude la vittoria della 4×100 della Libertas Friuli Palmanova in 47”90 (Vitale, Vitale Tosatto, Masolini).

Nella foto: Maria Enrica Spacca impegnata sui 400 metri a Rieti (foto Simone Proietti per Atleticanet)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *