CDS 2011 Prima prova Regionale – Seconda giornata

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Le cattive condizioni atmosferiche, con pioggia e vento forte, hanno caratterizzato questa seconda giornata della prima prova regionale di Campionati di Società. Nonostante tutto qualcosa di buono si è visto, a cominciare da due lanciatori d’eccezione, Nicola Vizzoni e Daniele Secci, protagonisti a suon di grandi prestazioni negli impianti di Colle Val D’Elsa e Rieti (news in aggiornamento).

Lazio (Rieti): il maltempo condiziona pesantemente la seconda giornata di gare nel capoluogo sabino, caratterizzata da pioggia battente per buona parte del pomeriggio. Rinviata la gara di asta femminile, i 200 metri non hanno regalato grosse emozioni, con gran parte dei protagonisti a controllare l’azione in condizioni di pioggia e pista inzuppata. Bene comunque Ilenia Draisci (ASD Audacia Record) tra le donne, con 24.51 e vento contrario -1.2 m/s, su De Cesaris e Gervasi, mentre tra gli uomini ha concretizzato il bis di vittorie Lorenzo Valentini (Studentesca Ca.Ri.Ri) con 21.62 su Valerio Rosichini (Fiamme Gialle Simoni) ed il fratello Marco. Nell’acqua anche i 400 ostacoli vinti dalla solita Benedetta Ceccarelli (ASD Audacia Record), con 58.15, e da Francesco Patano (Fiamme Gialle Simoni) in 53.15.

Il miglior risultato di giornata è poi arrivato, a pioggia terminata, dalla pedana del peso, che se pur viscida, non ha impedito allo junior Daniele Secci di scagliare l’attrezzo a 18.27, che rappresenta la miglior prestazione italiana di categoria dopo quella di Paolone Dal Soglio datata 1989.

Buone notizie anche dal lungo maschile con il 7.52 targato Emanuele Formichetti (Studentesca Ca.Ri.Ri), e dalla pedana del disco con Valentina Aniballi (Studentesca Ca.Ri.Ri) a centrare la misura di 49.14. Bis keniano nel mezzofondo maschile con l’accoppiata Joseph Boit, primo negli 800 metri in 1:52 e spiccioli, ed Erastus Chirchir sui 5000, entrambi portacolori dell’Atletica Futura. Dietro Chirchir ancora buon risultato per lo junior Abdikadar, secondo in 14:58.49. Parla straniero anche il 5000 femminile, grazie al successo di Janat Hanane (ASD Audacia Record), dominatrice in 16:55.09, con la compagna di maglia Cristina Grange ad imitarla sugli 800 metri in 2:09.56.

Nel martello maschile la promessa Simone Falloni (Studentesca Ca.Ri.Ri) si aggiudica la gara con 61.53, mentre sulla pedana di alto, completamente allagata, il migliore è risultato Mario Verrengia (Studentesca Ca.Ri.Ri), unico a superare 1.90.

Le classifiche di società per il momento vedono in testa Atletica Studentesca Ca.Ri.Ri tra gli uomini e ASD Audacia Record tra le donne.

 

Lombardia (Busto Arsizio – Lodi): Diego Marani della Riccardi Milano, aiutato da un vento più che generoso (+3.0) si aggiudica i 200 con 21”17. La gara di mezzofondo veloce è per Mor Seck del Cus Pro Patria Milano ch evince la batteria più veloce degli 800 con 1’49”37. Ancora mezzofondo in chiave esterofila con la vittoria di Abdellah Haidane della Nuova Atletica Fanfulla Lodigiana con 14’20”76, subito dietro il bravo Goran Nava per il Cus Pro Patria Milano che termina la sua prova in 14’23”18. Nei salti, Chesani della Cento Torri Pavia sale fino a 2.13 mentre nel lungo l’ottimo Fabrizio Scembri  atterra a 7.75 per l’Atletica Rovellasca. Chiude la giornata la 4×400 con un bel testa a testa tra Atletica Bergamo 1959 Creberg e Atletica Cento Torri Pavia. Vince la prima con Acerbis, Crotti, Daminelli e Gueye in 3’15”28.

A Lodi le ragazze hanno svolto la loro seconda giornata. Vince i 200 Maria Elena Bonfanti per l’Atletica Lecco-Colombo Costruzione in 24”62 nonostante il muro di vento contrario (-2.8). Da rilevare nel mezzofondo il bel 5000 della veterana Silvia Casella dell’Atletica Brescia 1950 Ispa Group (classe 1972) che ferma gli orologi a 16’51”67. Staffetta del miglio a favore della Camelot Milano che vince in 3’46”24 con Maffioletti, Alberti, Anello e Sirtoli.


Marche – Umbria (
Macerata) di Alessio Giovannini, Luca Cassai: Condizionata dalla pioggia la seconda giornata, ma il pesarese Lorenzo Angelini corre bene sui 200 metri: 21”71 con vento nullo per lo junior dell’Avis Macerata, ad appena un decimo dal minimo per gli Europei di categoria, lasciandosi alle spalle Alessandro Berdini, 21”99. Nei 400 ostacoli si mette alla prova John Mark Nalocca: pur essendo specialista della distanza più breve, riesce a centrare il successo in 53”59, davanti a Lorenzo Veroli (Atl. Maxicar Civitanova), secondo con 53”71 e non troppo lontano dallo standard per la rassegna continentale under 20. Bis nel mezzofondo di Stefano Massimi (Asa Ascoli Piceno), azzurro in questa stagione ai Mondiali di cross juniores: dopo la gara sui 1500 metri, si aggiudica gli 800 in 1’52”43, mentre un’altra doppietta arriva per merito del keniano Josphat Kimutai Koech (Atl. Recanati), già vincitore dei 3000 siepi e primo anche nei 5000 in 14’10”00, con la piazza d’onore per il maratoneta azzurro Denis Curzi (Carabinieri/Tam), 14’40”84. Il martello vede l’affermazione del carabiniere ascolano Massimo Marussi, che lancia 61.18, mentre l’Avis Macerata si aggiudica diversi concorsi, dal lungo con Marco Vescovi 6.90 (+2.3), al peso grazie a Marco Carlini, 14.85. Tra le donne, 25”18 con assenza di vento sui 200 per la junior Elisa Pacilli (Cus Perugia), invece nel lungo si impone Silvia Del Moro (Tam), 5.47. A causa del maltempo, non disputati l’alto maschile e l’asta femminile.

La classifica provvisoria a squadre della fase regionale per Marche e Umbria vede al primo posto l’Avis Macerata nel settore maschile con 20.735 punti, davanti a Tecno Adriatletica Marche (19.654) e Maxicar Civitanova (16.701). La Tecno Adriatletica Marche comanda tra le donne a quota 19.982. L’atletica tornerà a Macerata già a fine mese, il 28-29 maggio, con i Campionati italiani juniores e promesse di prove multiple e poi il 24-25 settembre per la Finale A Argento dei Societari assoluti, che invece vivranno la loro seconda prova regionale a Fabriano, il 9 e 10 luglio.


Piemonte (Torino):
La promessa dell’Atletica Piemonte Davide Manenti si aggiudica il 200 con 21”15 davanti allo juniores Michele Tricca dell’Atletica Susa che agguanta la seconda piazza in 21”70. Bene il Cus Torino che piazza due atleti della categoria promesse ai primi posti del 5000. Vince Marouan Razine in 14’10”7. Marco Fassinotti, in solitaria per l’Atletica Piemonte vince la gara di salto in alto con l’ottimo 2.22. Chiude la giornata la vittoria del Cus Torino (Boggio, Putero, Giacomini, Pecchio) nella 4×400 col tempo di 3’22”2. Al momento guida la classifica il Cus Torino con circa mille punti di distacco dall’Atletica Piemonte.

Nel settore femminile, vince i 200 la promessa del Cus Torino Martina Amidei in 24”43, la compagna di squadra, Annal Laura Marone si aggiudica invece i 400hs in 59”93. Buona doppietta per la Sisport Fiat nell’asta vinta dal Giulia Cazzamani in 3.60 seguita da Erica Data che si ferma a 3.20. Ottimo il lancio di Giorgia Godino del Cus Torino che vince il disco con la misura di 49.89 e ancora Cus Torino per una bella doppietta nella 4×400 vinta in 3’56”6 da quartetto Musso, Noce, Gigliotti e Marone.


Emilia Romagna (Imola):
Luca Galletti per l’Imola Sacmi Avis vince i 200 in 21”71 mentre La Fratellanza 1874 realizza una bella doppietta negli 800 vinti da Mohamed Moro in 1’51”22 seguito da Marco Zanni in 1’51”51. Per il Cus Parma c’è il 5000 da conquistare con la galoppata dei due marocchini che giungono vittoriosi al traguardo. Vince Hamid Denguir con 14’17”69 e secondo è Yassine El Fathaoui in 14’29”86. Ottimo il salto in lungo di Alessio Guarini per la Sef Virtus Emilsider Bologna che vince la gara con 7.38; chiude la giornata la vittoria della Fratellanza Modena 1874 nella 4×400 in 3’18”13 con Bucci, Akil, Menzani e Moro.

Nelle donne, podio tutto Cus Parma per i 200 vinti da Tiziana Maria Grasso in 24”64. Ancora il Cus Parma che si impone negli 800 con Maria Vittoria Fontanesi che corre nell’ottimo tempo di 2’07”46. Ancora Marocco per la prova lunga del mezzofondo dove Hafida Izem della Reggio Event’s chiude il 5000 in 16’32”65. Di ottimo livello anche il disco che vede la vittoria della promessa Stefania Strumillo del Cus Bologna con la misura di 51.71.


Veneto (
Marcon) di Mauro Ferraro: Un esercizio di velocità a poco più di un mese dalla sua ultima maratona. Oggi, a Marcon, nella seconda giornata della prima fase veneta dei campionati italiani di società si è visto anche Ruggero Pertile. Il maratoneta di Assindustria Padova ha vinto i 5.000 in 14’35”06, staccando nettamente il marocchino Bazhar (14’53”87) e il giovane Simion (14’54”67).

In un pomeriggio condizionato dal maltempo (vento, scrosci di pioggia e temperatura quasi invernale), che ha causato anche il rinvio dell’alto maschile e dell’asta femminile, è stato soprattutto il mezzofondo a fornire prestazioni degne di nota. Nei 5000 femminili vinti dalla Giordano (17’12”20), bel terzo posto della junior Titon (17’20”06). La cubana Santiusti Caballero ha vinto gli 800 in 2’05”49; Bobbato si è imposto allo sprint nella gara maschile in 1’53”93. Nei 200 vittorie di Da Canal (21”45) e della junior Hooper (24”44), ma con vento fuori norma. Tra le società leadership per l’Assindustria Padova tra gli uomini (già ottenuto il lasciapassare per la finale Oro) e per la Vicentina tra le donne. Il 9 e 10 luglio, a Vicenza, la seconda e decisiva fase.


Calabria (Reggio Calabria):
Bene nel 5000 Consolato Costantino della Icaro che vince la gara in 15’36 e di buon livello il lancio vincente di Pietro Mallamace dell’Aics Atletica Stadio che vince la prova del martello con 46.50 davanti ai due juniores Fabio Zangari dell’Atletica Minniti e Paolo Falduto della Nuova Atletica Fiamma Aranca. Per il settore femminile segnaliamo il buon lancio della juniores Maria Gaia Sergi che vince il giavellotto con 40.16.


Trentino (Borgo Valsugana):
Lo juniores del GS Valsugana Trentino vince i 200 con 21.99 opponendosi ad un fastidioso vento contrario che spirava a -2.3. Negli 800 lotta all’ultimo metro per Giordano Benedetti dell’Atletica Trento che vince in 1’49”55 davanti a Abdulaye Wagne che chiude in 1’49”79. Nella staffetta 4×400 la vittoria è per l’Athletic Club 96 AE che chiude in 3’24”33 con Lella, Crinò, Grigoriu e Wagne.

Tra le donne si mette in evidenza Lorenza Canali del GS Valsugana Trentino che si aggiudica gli 800 col tempo di 2’11”41. Per la stessa società, Zakia Mohamed Mrisho va a vincere la prova dei 5000 con l’ottimo  16’16”02 davanti alla compagna di squadra Sara Berti. Di notevole spessore anche il risultato di Greta Zin, sempre del GS Valsugana Trentino che lancia il disco a 47.02 sfiorando i 900 punti così come ha fatto anche la compagna di club, Letizia Marchi nel giavellotto facendo atterrare l’attrezzo a 45.08. Si aggiudica infine la 4×400 il team della U.S. Quercia Trentingrana in 3’56”61 composto da Ganassini, Maniero, Berlanda e Palezza.


Liguria (Imperia):
Emanuele Abate vince i 200 col tempo di 21”32 per il Cus Genova che mette a segno un’altra vittoria pesante anche nel peso con il lancio a 14.75 di Meri Dervishi. Vince il martello Mario Baldoni della S.S. Trionfo Ligure con la misura di 58.99 mentre, è ancora il Cus Genova a mettere il suo sigillo nella prova finale della staffetta 4×400 vincendo col tempo di 3’21”41 (Boretti, Scuritti, Ramon, Delfino).

Tra le donne, vince i 200 per la Stectec Atletica Carispe, la brava juniores Rita Ricciotti col tempo di 25”61 (+0.9). Emma Quaglia del Cus Genova vince i 5000 in maniera perentoria col tempo di 17’08”86 mentre la S.S Trionfo Ligura si aggiudica la 4×400 con Lucardi, Bruzzone, Russo e Rosati col tempo di 3’56”15.


Campania (Napoli):
Bello il 5000 vinto per la Libertas Polisportiva Amatori Atletica Benevento di Angelo Iannelli che chiude la gara con 14’24”65; a favore della stessa società anche i 400hs che vedono Krzystof Palkiewicz primo sul traguardo col tempo di 53”08. Nel peso si mette in evidenza Oskars Vaisjuns dell’Enterprise Sport & Service che vince la gara con l’ottima misura di 16.73 mentre nel martello Pellegrino Delli Carri della Libertas Polisportiva Amatori Atletica Benevento scaglia l’attrezzo a 68.20 vincendo la sua gara. Tra le donne, segnaliamo il 200 vinto da Mariaelisa Sannino dell’Aggregato Hinna con 25”46.


Abruzzo (Pescara):
Giornata fortemente condizionata dal maletempo che ha richiesto la sospensione e lo slittamento delle gare ad oggi pomeriggio (lunedì 16). Il poco che si è disputato ha visto prevalere nel lungo Lorenzo Crosio che con un tornado alle spalle (+5.8) ha saltato 7.08 lasciando Daniele Greco al secondo posto con 7.04. Entrambi gli atleti sono in forza alla società campione d’Italia, la Bruni Pubblicità Atletica Vomano. La stessa società si aggiudica anche le due restanti gare disputate, il peso con Jonathan Pagani (15.99) e il martello con Andrea Carpene (58.86).

Stessa sorte subiscono le atlete costrette alla quasi inattività per il maltempo. Si sono svolte solo le gare del lungo, vinto da Alessia Valente dell’U.S. Aterno Pescara con 5.37 e il disco vinto da Pasqualina Proietti Pannunzi con 38.89.


Toscana (Colle Val d’Esa):
Vince i 200 lo juniores dell’Atletica Firenze Marathon con 21”60 ma grazie ad un vento oltremodo generoso (+4.1). Spettacolo nel 5000 con un sub 14’ ad opera dell’atleta della Virtus Lucca Ezekiel Kiprotich che chiude la prova in 13’58”22 ed interessante la prestazione dello juniores Luca Giangravè del Cus Pisa Atletica Cascina che vince i 400hs in 53”75. Nel lungo vince Francesco Agresti dell’Assi Giglio Rosso Firenze con un discreto 7.19 (+3.2) mentre nel martello l’inossidabile azzurro Nicola Vizzoni illumina lo stadio con un lancio a 75.86 regalando all’Atletica Livorno un punteggio più che pesante.

Nelle donne, una Chiara Bazzoni aiutata dal vento (+2.1) vince per la Toscana Atletica Empoli Nissan i 200 in 24”11. Nel disco in bell’evidenza Anna Salvini del Cus Pisa Atletica Cascina che vince con 51.09.


Sardegna (Oristano):
Vince i 200 per l’Amiscora Cagliari Nicola Amici che aiutato da un forte vento (+4.2) corre in 21”87. Nel peso, buona affermazione di Francesco Fedeli della società Studium et Stadium che lancia a 14.50.

Anche nelle donne il vento condiziona la prova veloce che rimane comunque saldamente in mano all’Amiscora Cagliari. Vince il 200 (+3.4) la promessa Francesca Albiani in 24”06 davanti alla compagna di squadra, la juniores Marzia Paciarotti (25”92). La lombarda Emanuela Baggiolini in forza al Cus Cagliari vince la prova degli 800 in 2’14”13 mentre la sua compagna di club, Claudia Pinna si aggiudica il 5000 correndo in un buon 16’39”86. Ancora Cus Cagliari per un risultato “over 1000”, lo ottiene l’azzurra Zahra Bani nel giavellotto con la misura di 54.05.

Puglia (Bari): Discreto 5000 vinto da Mehdi Khelifi dell’Atletica Amatori Acquaviva in 14’34”97 mentre tra le donne, negli 800 segnaliamo l’800 della promessa Giulia Guarino dell’Alteratletica Locorotondo che chiude la prova in 2’17”84.

Nella foto: una fase degli 800 metri maschili a Rieti su pista allagata (Foto Simone Proietti)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *