CAMPIONATI ITALIANI JUNIORES E PROMESSE BRESSANONE: 2^ GIORNATA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Scoppiettante seconda giornata alla Raiffeisen Arena con under 23 e juniores a battagliare a suon di mpi di categoria; numerose gare e titoli assegnati nella seconda delle tre giornate  in terra altoatesina con pomeriggio bagnato dalla pioggia…

Il mezzofondo non tradisce le attese e in queste attese ci mettiamo anche quelle del giro di pista dove uno straordinario Marco Lorenzi ( Valsugana Trentino) con 46’39’’ cancella niente meno che Claudio Licciardello dalle liste top junior nazionali ,vince il tricolore e mette in riga un valido Michele Tricca (Atl. Susa) secondo in 46’59’’. Ottimi segnali nel contesto 4×400 in una finale dagli alti contenuti tecnici. Negli 800 metri continua il valzer degli azzurrini naturalizzati; è’ difatti l’atleta di origini somale Mohad Abdikadar (Cariri Rieti) a vincere nettamente in 1’50’’32 rifilando oltre due secondi alla concorrenza. Non c’è storia neppure nei 3000 siepi, (come non ve ne era nei cross) per il talentuoso romagnolo Andrea Sanguinetti (Atl.Forlì) netto vincitore della prova junior in 9’09’’26 e pass continentale per Tallin in tasca. Nei 400 donne, facile in batteria e facile il finale per Flavia Battaglia (Audacia Record) con 54’’95. Doppio giro di pista vittorioso per Irene Baldessari (Trilacum) in 2’10’’70, e 5000 mt letteralmente dominati dall’azzurrina del cross e della corsa in montagna la trevigiana Letizia Titon in forza all’Assindustria Sport Padova.;17’31’’97 il suo tempo con la seconda avversaria, Valeria Lori a quasi mezzo minuto. Altra miglior prestazione juniores viene dalla Costa D’Avorio grazie a Hassane Fofana (Atletica Bergamo) che in mattinata nella velocità con ostacoli sigla 13’76’’ e nel pomeriggio fa copia-incolla aggiungendo un centesimo che vale il titolo. Al femminile, nei 100 hs dopo la squalifica della favorita, la patavina Silvia Zuin ( Vis Abano) autrice di un 14’’39 in batteria, via libera per l’atleta di casa Marion Kastl  (SV Lana-Raika) con 14″57. La 4×100 maschile è della Riccardi Milano (Leardini, Vergani, Tortu, Trabace) con 42″32, al femminile è titolo per l’Audacia Record (De Fazio, Battaglia, Cipriani, Derkach) in 47″30.

I concorsi vedono il successo di Antonino Trio (Atl. Villafranca Messina) con 7.23 (vento 0.0), nel martello Lorenzo Puliserti (Atl. Piemonte) coglie un 67.62 che vale tricolore e pass europeo. Al femminile altro che polveri bagnate invece, pioggia permettendo, con la talentuosa Alessia Trost (Atl. Brugnera Friulintagli) splendida vincitrice con 1.87 mt rifilando 14cm alla seconda e siglando la terza prestazione continentale dell’anno. Dopo il triplo si ripete Dariya Derkach ,l’atleta ucraina dell’Audacia Record con 6.32 vince il lungo faticando non poco per piegare la resistenza della valida Anna Visibelli (Firenze Marathon) fermatasi a 6,12 dopo aver a lungo condotto la gara. Risentono delle condizioni meteo in termini di prestazioni il peso con la riconferma della veneziana Francesca Stevanato (Audace Noale) vincitrice con un modesto per lei 13.19, il giavellotto vinto da Sara Jemai (US Sangiorgese) 46.94 mt e il disco a pannaggio di Elisa Boaro (Lib.Friul Palmanova) 49.17

PROMESSE M/F

Nei 400 piani i favoriti della vigilia vengono sorpresi; i titoli italiani under 23 vanno al padovano Francesco Cappellin (Aeronautica) con 47″02 e a Clelia Calcagno (Esercito) prima in 54″72. Doppietta per la società bergamasca Easy Speed 2000 negli 800 metri , capace di vincere al maschile con Emiliano Nerli Ballati (1’53’’48) e tra le donne con Serena Monachino 2’09’’22 a riconfermare il titolo dello scorso anno sulla trevigiana in forza alle Fiamme Gialle, Giulia Viola seconda in 2’10’’39 passata di categoria questo 2011. Le siepi vanno a Maurizio Tavella (Avis Bra Gas) 9’14″14 mentre i 5000 donne vanno all’atleta-modella Sara Galimberti (Vis Nova Giussano); 17’19″23 per lei. 110hs vinti da Michele Calvi (Esercito) 14″02 (+0.3), la prova femminile vede trionfare Giulia Pennella (Esercito) 13″29 al personale e con la grandiosa Carla Tuzzi nelle liste di categoria nel mirino e perché no senior, visto che il suo 12’’97 è immacolato oramai dal 1994 in attesa di “giovani” ritocchi.

A risentire maggiormente della pioggia è inevitabilmente il salto in alto maschile sospeso e rinviato a domani, nel triplo, assente il poliziotto Daniele Greco per infortunio, successo del barese Antonio Napoletano (Amatori Atl.Acquaviva) con 15.30 mt. Nel disco successo netto di Eduardo Albertazzi (Fiamme Gialle) con un lancio a 57.34 mt. Facile anche nel martello l’affermazione di Simone Falloni (Cariri Rieti) con l’attrezzo scagliato a 66.73 mt. Tra le donne il triplo và a Cecilia Pacchetti (Atl. Brescia 1950) atterrata a 13.30 mt. L’asta và a Alessandra Lazzari (Cus Perugia) 4.00 sulla favorita Giorgia Benecchi (Esercito), primatista di categoria, oggi fermatasi alla stessa quota della Lazzari dopo aver fallito il 4,10. Le staffette veloci vanno alla Virtus CR Lucca (Combi, Kalugamage, Rizzo, Orsi) vittoriosi in 41″37 e alle atlete della Camelot (Gamba, Squassabia, Colombo, D’Angelo) con un buon 46″96.

Domani terza e conclusiva giornata di gare; da segnalare anche la conclusione dopo la due giorni di fatiche per l’octathlon allievi vinto da Vincenzo Vigliotti, 5510 punti di un inezia, 3 punti su Andrea Ramaglia, e dell’eptathlon allieve che dopo 4 fatiche su sette vede in testa la romana Flavia Nasella con 2734 pt. Allievi in caccia dei mondiali Iaaf di Lille (Francia) del prossimo luglio, su una pista che è molto congeniale per le prove multiple.

TUTTI I RISULTATI:

http://www.fidal.it/2011/COD3090/Index.htm

Nella foto ( di Alessandro Parlante) la saltatrice Alessia Trost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *