RECORDS SPECIALI DALL’ITALIA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 0
  •  
  •  
  •  

Mentre proseguono a Sacramento i Campionati Mondiali Master Stadia, dai quattro angoli dell’Italia vengono segnalati nuovi records di categoria che fanno innanzitutto riflettere sul valore di numerosi titoli là assegnati e poi sull’assenza a quella manifestazione di troppi nostri campioni masters. Prima segnalazione: è caduto il più remoto record italiano master, quello stabilito con 55”6m il 24 luglio del 1938 da Luigi FACELLI (10/05/1938) nei 400 ostacoli quando vinse a 40 anni compiuti il titolo italiano assoluto sulla pista dello Stadio Comunale di Bologna. Ieri a Donnas Laurent OTTOZ (10/04/1970, nella foto) è tornato in pista per portar punti (825) nei C.D.S. Assoluti alla squadra di Mamma Lyana, l’Atletica Sandro Calvesi di Aosta, concludendo in 55”08. E’ il caso di dire dopo 73 anni: finalmente! Qualcuno potrebbe pensare che un campione come OTTOZ (capace ancora di 50”17 a 37 anni) questo record lo avrebbe potuto battere anche con una gamba sola. Ed invece abbiamo imparato che il passare degli anni è feroce per le capacità pretazionali di chiunque; in particolare poi in una specialità dura come questa e dopo qualche anno d’inattività. La domanda ora è: Laurent si sentirà appagato dall’aver centrato questo obiettivo che da più parti chi veniva invocato; oppure, visto che ormai ha rimesso in moto le gambe, proverà a fare ancora qualcosa di meglio?

In tema di record per dire dell’Era Preistorica, un altro è stato centrato da Massimo TERRENI (29/05/1956, Atl. Libertas Runners Livorno) nel lancio del martello con l’attrezzo da kg.7,26 per la categoria MM55, che ai C.D.S della Toscana a Firenze al terzo lancio ha ottenuto la misura di 50,37mt. con cui ha messo in soffitta il concittadino Giuseppe SOLDI capace nel lontano 1962 di 49,61mt. Con questo splendido risultato TERRENI ha fatto tris dopo i records MM55 del martello da Kg.6 e del martellone. La stagione è ancora lunga e se vorrà il livornese potrebbe regalare qualche altra grande misura.

Ancora dai C.D.S. Assoluti della fase regionale, questa volta sabato 9 luglio Trento, Tiziana PICONESE (14/02/1966, Lagarina Crus Team) è tornata a sorvolare nel salto in alto quota 1,60mt. e così incrementando di tre centimetri il suo fresco record italiano MF45.

Recuperiamo poi altre prestazioni record più vecchie di qualche giorno. A Bastia Umbra sabato 2 settembre il marchigiano Giulio MALLARDI (1946, S.E.F. Macerata, allenato da Diego Cacchiarelli) ha migliorato il record F.I.D.A.L. MM65 dei 300 ostacoli con il tempo di 50”38, precedente 50”78 di Domenico FARSACI corso nel 2006 ai Campionati Europei di Poznan. A rigore statistico di tratta di un record “pre” perché MALLARDI deve compiere ancora il 65esimo compleanno.

Prosegue invece la saga dei records sui 100 metri MF40 della milanese Denise NEUMANN (14/01/1971, Atletica Ambrosiana) scesa ulteriormente dal 12”81 segnato a Chiasso il 26 giugno al nuovo primato di 12”73 (vento -0,1) a Rovellasca il 6 luglio. Non le è riuscito finora di centrare quello dei 200 metri, ma si tratta per lei di trovare le condizioni ottimali, cosa che dovrebbe prima o poi accadere perché da inizio anno sta gareggiando a più non posso.

Dalla Sicilia, esattamente da Enna, giunge notizia del record “pre” ma a tutti gli effetti valido per la F.I.D.A.L. come MF45 della messinese Marta ROCCAMO (30/10/1966, C.U.S. Palermo) sui 200 metri, corsi in 27”45 (vento +0,8) il 3 luglio. Il precedente record F.I.D.A.L. apparteneva a Giuseppina PERLINO con 27”50 corso nel 2010;  che comunque resta il record ad età compiuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *