4° TAPPA GRAND PRIX DI MARCIA PER DI BARI E DI VINCENZO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La portacolori dell’Assindustria Sport Padova, Sibilla Di Vincenzo e la Fiamma Gialla Vito Di Bari si aggiudicano la quarta prova del Gran Prix di Marcia nazionale svoltosi sabato scorso a Macerata. All’interno della manifestazione era stato inserito anche un incontro per le rappresentative regionali giovanili di Marche, Puglia, Basilicata, Abruzzo e Lazio.

 

La manifestazione è stata organizzata dalla società locale, l’Atletica Avis Macerata che paga un po’ lo scotto dell’inesperienza su questo genere di manifestazioni. Il percorso offerto ai marciatori in gara è stato una semicurva di 500 metri da percorrere avanti e indietro. 
Anche la temperatura africana non ha aiutato e il forte caldo (nella seconda tappa di Napoli erano state montate delle docce sul percorso) unito al percorso non proprio esaltante, hanno dato come risultato dei tempi piuttosto alti sia nelle gare maschili che femminili.

 

In campo maschile gli atleti di punta hanno faticato un poco a trovare il giusto ritmo sul percorso ma dopo un primo chilometro davvero molto lento, le posizioni hanno iniziato a delinearsi. Al terzo km si forma un gruppo composto da Danile Masciadri (Fiamme Gialle Simoni), Vincenzo Magliulo ( Atletica Aversa), Ruggero D’Ascanio (Rocco Scotellaro Matera), Vito di Bari (Fiamme Gialle) e Mirco Dolci(Aereonautica). Si alternano i cambi per tirare fino al settimo km quando c’è allungo decisivo di Vito Di Bari. Solo Mirco Dolci e Ruggero D’Ascanio tengono il ritmo del finanziere. I tre atleti transitano insieme fino all’ultimo km e in un’avventurosa volata su un arrivo posto su un marciapiede di marmo in pendenza (tipo curva indoor), Vito Di Bari taglia il traguardo per primo in 44.48, secondo Dolci in 44.51, medaglia di bronzo per D’ Ascanio in 44.58. Come nota di colore segnaliamo che all’ottavo km gli allievi Vito Minei e Michele Palmisano si sono trovati davanti una macchina che transitava lungo il percorso…

La gara femminile ha visto l’affermazione dell’azzurra Sibilla Di Vincenzo (Assindustria Sport Padova) in un modesto 49.28 davanti alla campionessa olimpica giovanile Anna Clemente (Atletica Don Milani) e all’emiliana Alessia Zapparoli del Cus Bologna. Le tre atlete insieme alla Pruner, che è stata squalificata poco dopo il quinto km, hanno viaggiato insieme fino all’ottavo km quando la Di Vincenzo ha sferrato l’attacco decisivo per la vittoria finale.

Qualche ora prima, alle 16.45 e alla temibile temperatura di 35° erano scesi in strada i giovani delle rappresentative cadetti e ragazzi di Marche, Puglia, Basilicata, Abruzzo e Lazio. Tra i ragazzi vittoria di Simone Mansutti (Lazio) seguito da Nicolas Fanelli e Raffaele Mastrangelo entrambi della Puglia. Al femminile hanno dato spettacolo le due gemelle laziali (figlie d’arte) Anthea e Angelica Mirabello separate al traguardo dalla pugliese Melania Berulli. Per quanto riguarda la categoria cadetti sale su gradino più alto del podio Vito Leggeri che precede i due compagni di squadra Giuseppe Inglese e Nicholas Ciracì della Basilicata. Tra le cadette affermazione di Noemi Stella (Puglia) davanti a Natascia di Tizio (Abruzzo) e alla conterranea Silvia Lamarra.

La Puglia si è aggiudicata il 1° Gran Prix Giovanile per Regioni precedendo Lazio e Abruzzo mentre nella classifica del Gran Prix assoluto le posizioni sono più che provvisorie dato che a Macerata i big della marcia non si sono visiti; evidentemente utilizzeranno le altre prove a disposizione per scalare la classifica. Al momento Vicenzo Magliulo è saldamente al comando con 186 punti davanti al marchigiano Federico Boldrini (Atletica Maxicar Civitanova) a 124 punti e Matteo Giupponi (C.S. Carabinieri) vincitore delle prime due prove di Almè e Sesto San Giovanni e con due risultati in meno rispetto al capolista. Tra le donne è al comando Sibilla Di Vincenzo con 150 punti che precede Elena Martinozzi (Atl .Estense) e Alessia Zapparoli.

Per i risultati completi è possibile visitare il seguente indirizzo: http://www.fidal.it/2011/COD3197/Index.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *