TEDDY TAMGHO RINUNCIA A DAEGU2011

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ad un mese dall’avvio dei Campionati Mondiali di Daegu (27 agosto/4 settembre), si registra un’importante defezione. Infatti, ieri la nazionale francese ha preso atto della rinuncia di uno dei suoi atleti di spicco e sicuramente uno dei più attesi in assoluto: il giovane talentuoso triplista Teddy Tamgho.

L’atleta francese, la settimana scorsa, durante la fase di riscaldamento delle qualificazioni ai Campionati Europei Under23 si era improvvisamente fermato, lamentando un problema alla caviglia. Riapparso,sorretto dalle stampelle durante la finale che ha visto la sorprendente vittoria dell’ucraino Sherif El-Sheryf volato a 17.72mt., seppur pessimista, aveva lasciato uno spiraglio aperto ad una speranza di poter recuperare in vista della gara mondiale. Invece la diagnosi al rientro in patria è stata impietosa: frattura all’astragalo della gamba destra, un ossicino con cui, nella caviglia, la tibia si articola con il tarso e, di conseguenza, stagione finita.

Vale la pena di ricordare che per un problema allo stesso piede, nel mese scorso Tamgho aveva dovuto rinunciare a gareggiare nel Campionato Europeo a squadre (ex-Coppa Europa). Tamgho, nato nel 1989, si era già messo in luce vincendo Mondiali ed Europei juniores, rispettivamente nel 2008 e nel 2007. Dopo aver portato il personale a 17.58mt nel 2009, la stagione successiva ecco la definitiva consacrazione al top della specialità, quando a New York centra, con 17.98mt., la terza prestazione all-time dopo il primato mondiale di Jonathan Edwards di18.29mt. e Kenny Harrison, olimpionico ad Atlanta1996, con 18.09mt.

Il francese aveva poi solo parzialmente rispettato i pronostici agli Europei di Barcellona dove, presentandosi da favorito, aveva dovuto accontentarsi della medaglia di bronzo. Quest’anno era partito alla grande vincendo l’oro ai Campionati Europei indoor di Parigi centrando, con la misura di 17.92mt., anche il primato mondiale indoor. Ora dopo questo imprevisto stop in una delle specialità più traumatiche e difficili dell’atletica, il grande obiettivo di Tamgho saranno le Olimpiadi londinesi del prossimo anno che per lui saranno la prima esperienza a cinque cerchi.

 

Fonte: Gazzetta dello Sport
Fonte foto: Erik van Leeuwen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *