SOCIETARI 2011, RICCARDI E AUDACIA RECORD CAMPIONI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Atletica Riccardi Milano e ASD Audacia Record Atletica Roma conquistano la vetta dell’atletica italiana nella seconda giornata dei CDS 2011. Sulla pista di Sulmona i milanesi si riappropriano dello scudetto del 2009, mentre le ragazze romane, con la nuova divisa nero-ciclamino, prolungano la storia scintillante del loro club con il decimo successo consecutivo.

Una vittoria quella della compagine romana iniziata con il primo posto della sua atleta più rappresentativa, la capitana Benedetta Ceccarelli, al traguardo sui 400 ostacoli con 58.82, e conclusa sui salti di una delle migliori promesse per il futuro del club, la saltatrice Darya Derkach, al successo nel lungo con 6.23. In mezzo diversi nomi noti della nostra atletica a vivacizzare la giornata, come l’italo-cubana Libania Grenot (Cus Cagliari), vincitrice dei 200 in 23.59, o la compagna di maglia azzurra, Anna Giordano Bruno (Assindustria Padova), unica oltre i 4.40 nell’asta. Tra gli uomini dominio incontrastato e successo scontato anche sui 5000, dopo il successo dei 3000 siepi, per il kenyano Ezekiel Kemboi (Sport Club Catania), al traguardo in 13:50.61. Sport Club Catania brillante anche sui lanci, grazie alle prime piazze di Cerra nel martello e Urtans nel peso.
Per l’Atletica Riccardi ci pensano Federico Chiusano, grazie ai suoi 7.30 nel lungo, e Aramis Diaz Martinez, con 50.62 nei 400 hs, a siglare dei successi nelle rispettive gare.
La cubana Yusneysi Santiusti (Assindustria Padova) controlla gli 800 metri con 2:08.97, imitata al maschile dal senegalese Mamadou Gueye (Bergamo 1959 Creberg), primo in 1:50.73, sia pur impegnato più del dovuto dal bravo Mohad Abdikadar (Studentesca Ca.Ri.Ri.), staccato di soli sedici centesimi.
Laura Bordignon (Audacia Record) si impone nel disco con un agevole 53.73, mentre Filippo Campioli e Nicola Ciotti duellano per la loro società, La Fratellanza Modena 1874, a quota 2,18, con il primo a spuntarla per un errore in meno.
Buona anche la volata di Gualtiero Bertolone (Cento Torri Pavia) sui 200, con 21.38, a precedere l’azzurro Fabio Cerutti (Atletica Riccardi).
Cus Cagliari sugli scudi con le vittorie di Claudia Pinna sui 5000 e l’azzurra Zahra Bani a 52,18 nel giavellotto. Infine i quartetti di Cento Torri Pavia e Camelot (con Manuela Levorato) si aggiudicano la 4×400. Sul podio maschile chiudono Bruni Atl. Vomano, campione lo scorso anno, e Sport Club Catania, mentre tra le donne sono ancora seconde le milanesi della Camelot, terza l’Atletica Brescia.

Finale Argento – Macerata: Festa per i ragazzi del Cus Genova e per le ragazze dell’ Atletica Bergamo 59 Kreberg, vincitori delle rispettive classifiche della finale Argento di Macerata. Il riscontro cronometrico più qualitativo di giornata arriva proprio da un’atleta della società bergamasca, l’azzurra Marta Milani, prima sui 200 metri con un buon 23.86, vicina al proprio personale sulla distanza. A seguire la compagna di nazionale Chiara Bazzoni (Toscana Atl. Empoli) , seconda con 24.28. Nel salto in lungo è protagonista un’altra azzurra, Simona La Mantia (Cus Palermo), prima con 6.13, mentre la compagna di club e di Nazionale, Manuela Gentili, si fa rispettare sui 400 ostacoli con 57.75. Tra gli uomini da segnalare il primo posto di Matteo Galvan (Atl. Vicentina) sui 200 metri, con 21.36, ed il discreto 73.49 di Lorenzo Povegliano (Atl. Udinese Malignani). Nel salto in lungo l’egiziano Hatem Mersal (E-Servizi Atl. Futura) vince con 7.38, due cm. meglio di Stefano Tremigliozzi (Libertas Amatori Benevento). Verso la promozione anche Atletica Vicentina tra gli uomini e Cus Pisa Atletica tra le donne, squadre seconde classificate nelle rispettive classifiche.

 

Finale A1 – Orvieto (TR): ASD Cus Palermo al maschile e ASD Enterprise Sport & Service Benevento tra le donne, sono questi i club dominatori della finale di Orvieto. Da segnalare un discreto 21.20 sui 200 metri per Emanuele Di Gregorio (ASD Pol. Libertas Catania), che consente al siciliano di bissare il primo posto del primo giorno sui 100 metri. Nei 400 ostacoli Eusebio Haliti (Pol. Rocco Scotellaro Mt) non ha problemi a regolare gli avversari con un tranquillo 54.03. Sulla pedana del lungo Davide Crosta (Cus dei Laghi – Atl. Varese) soffia il successo con 7.19 a Ferdinando Iucolano (ASD Cus Palermo) secondo con 7.15. Miglior risultato maschile di giornata rimane senza dubbio il 74.51 di Marco Lingua (ASD Pol. Libertas Catania) sulla pedana del martello. In campo femminile bel duello finale sugli 800 metri fra le portacolori del Cus Bologna, Margherita Magnani e Valentina Costanza, conclusosi a vantaggio della prima con 2:11.94 contro 2:12.07, con Chiara Natali a seguire in 2:12.19. Sulla pedana del salto in alto discreto 1.82 per la saltatrice dell’ASD Enterprise Sport & Service, Natalja Cakova. Tutto facile anche per la lituana Marina Marghieva nel martello (ASD Enterprise Sport & Service), di gran lunga superiore alle altre con 65.39. Podio anche per Cus dei Laghi- Atl. Varese e Toscana Atletica Caripit tra gli uomini, e per Alteratletica Locorotondo e Pro Sesto Atletica tra le donne.

 

Finale A2 Colle Val d’Elsa (SI): Tra gli uomini si impone la compagine dell’Atletica Livorno, seguita da ASD Enterprise Sport & Service Benevento e Nuova Atletica Fanfulla Lodigiana. Per l’Atletica Livorno spicca il primo posto di Nicola Vizzoni nel martello con 71.34. Discreta anche la gara di alto, con un altro atleta della compagine toscana tra i protagonisti, Andrea Lemmi, secondo con 2.14 dietro Marco Fassinotti (Atl. Piemonte), alla vittoria con 2.16. Da segnalare nel disco anche il 57.05 della promessa Eduardo Albertazzi (ASA Ascoli Piceno).

La S.S. Trionfo Ligure chiude prima in classifica con 500 punti, tre lunghezze meglio dell’Atletica Livorno, con S.S. Vittorio Alfieri Asti e Atletica 2005 appaiate al terzo posto. Da segnalare l’apparizione di Daniela Reina (Atl. Avis Macerata) anche sugli 800 metri, dopo il successo sul giro di pista del giorno precedente. La marchigiana non ha faticato molto per imporsi in una gara tattica, controllata al ritmo di 2:16.14. Successo nel lungo per la promessa Carlotta Guerreschi (S.S. Vittorio Alfieri Asti) con 5.88. Punti pesanti per la S.S. Trionfo Ligure sono poi arrivati sul finale di riunione dalla 4×400, grazie alla vittoria in 3:59.40.

Nella foto: Benedetta Ceccarelli (Foto Simone Proietti per Atleticanet)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *