PINO PILOTTO RECORD ITALIANO DECATHLON M55 ?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ci era sfuggito un risultato particolare dei recenti European Master Games e diretto l’interessato ce lo ha fatto giustamente notare sollevando una questione non chiara. Il 13 settembre a Gorizia Pino PILOTTO (17/05//1952, qui nella foto di M. Bellantoni) è giunto 3° nel decathlon della categoria MM55 con il punteggio complessivo di 5.413 punti. Questi sono stati i suoi parziali: 100mt. 13”66 (671) – lungo 4,78 (646) – peso 9,91 (642) – alto 1,25 (411) – 400mt. 1’02”39 (692) – 100hs 21”14 (388) – disco 31,90 (572) – asta 1,90 (242) – giavellotto 34,70 (536) – 1500mt. 5’49”00 (613). In quell’occasione PILOTTO ha gareggiato con il colori della Svizzera. Tuttavia va tenuto conto che si tratta di un atleta con la doppia nazionalità (svizzera e italiana) e quindi si pone il dubbio se considerare quel risultato il nuovo record italiano della categoria MM55, attualmente attribuito dalla FIDAL a Roberto MANCINI con 5.317 punti stabilito ai Campionati Italiani Masters del 2007.

L’amico PILOTTO fino all’anno scorso è stato tesserato per la Ginnastica Monzese Forti e Liberi ed in passato ha vinto anche titoli italiani masters. Quest’anno però per lui e per altri atleti nella sua condizione sembra entrato in vigore un regime più rigido che gli impedisce di avere il doppio tesseramento, ovvero in due diverse federazioni nazionali. Pare che ci sia in tutto questo la volontà di qualcuno che conta per i masters nella nostra Federazione. A ben vedere il divieto del doppio tesseramento è stato introdotto dalla F.I.D.A.L. per dissuadere il mercato degli atleti stranieri reclutati dalle società al solo scopo di schierarli nel C.D.S. su Pista Assoluto. E’ dubbio quanto effettivamente la Federazione verifichi questi casi, visto che le società continuano a fare incetta di atleti africani o dell’Est Europa. Per non parlare poi delle camionate di fondisti keniani o marocchini che affollano le corse su strada la domenica, magari con tesseramenti “furbi” ai soli enti di promozione sportiva, anche in manifestazioni sotto l’egida della F.I.D.A.L. Tornando a PILOTTO vogliamo sostenere che il divieto al doppio tesseramento è di per sé un atto antisportivo; e nel suo caso un torto verso un cittadino italiano. Insomma la Federazione dia Pino ciò che è di Pino, cioè il riconoscimento del record italiano per il decathlon MM55. In attesa che il prossimo anno il bionico Hubert INDRA entri nella stessa categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *