REGOLAMENTO C. D. S. INDOOR MASTERS

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Per il secondo anno sarà disputato, in occasione dei Campionati Italiani Indoor ad Ancona 9-11 marzo, il Campionato di Società Indoor Masters. A ben vedere sarà la terza edizione, perchè nel 2010 a titolo sperimentale era stato denominato Grand Prix Indoor di Società. La formula è parzialmente rinnovata, ora più impegnativa, perchè da 7 saranno richiesti ben 12 punteggi in altrettante diverse specialità. Ad alleggerire lo sforzo è stato previsto che ogni atleta possa concorrere alla classifica societaria apportando fino ad un massimo di 3 punteggi individuali e concorrendo alla staffetta. Resta confermato il meccanismo di punteggio che già nel 2011 ha fatto storcere il naso a tutti. Inoltre la FIDAL continuerà ad avvalersi delle Tabelle Master 2007 che hanno mostrato fin troppi limiti di valutazione. Comunque queste saranno le regole a cui doversi adattare.
    

IL REGOLAMENTO
 

1. La FIDAL indice il Campionato Italiano di Società Indoor per la categoria Masters Maschile e Femminile valido per l’assegnazione del titolo di Campione Italiano di Società Indoor Masters.

2. Fase di svolgimento

2.1 Campionati Italiani Individuali Indoor Masters.

3. Programma Tecnico

Il programma tecnico del C.d.S. Indoor è il seguente:

3.1 Gare maschili: 60 – 200 – 400 – 800 – 1500 – 3000 – 60hs – alto – asta – lungo – triplo – peso – staffetta 4×1 giro – marcia km 3

3.2 Gare femminili: 60 – 200 – 400 – 800 – 1500 – 3000 – 60hs – alto – asta – lungo – triplo – peso – staffetta 4×1 giro – marcia km 3

4. Norme di Partecipazione

4.1 Possono partecipare gli atleti italiani e stranieri della categoria Masters. 4.2 Ogni Società può iscrivere un numero illimitato di atleti e di staffette.

4.3 Ogni atleta può partecipare a 3 gare individuali più una staffetta.

4.4 Ciascuna staffetta deve essere composta da soli atleti della categoria Masters che possono appartenere a diverse fasce d’età. La fascia d’età di appartenenza della staffetta viene determinata al momento della conferma delle iscrizioni.

4.4.1 La staffetta è collocata nella fascia d’età risultante dalla media dell’età dei componenti la staffettastessa, secondo quanto indicato al punto 1.4 delle “Disposizioni Generali Attività Masters”.

5. Tabelle di Punteggio

5.1 I punteggi sono attribuiti utilizzando le tabelle FIDAL Master.

6. Norme di Classifica

6.1 Per ogni gara viene stilata una classifica ottenuta sulla base delle tabelle di punteggio Masters.

6.2 Vengono assegnati 1 punto al primo classificato di ogni gara e così ad aumentare di un punto fino all’ultimo classificato. Agli atleti squalificati, ritirati o “non classificati” non viene assegnato alcun punteggio e quindi non concorrono alla formazione della classifica finale di Società.

6.2.1 Ogni atleta può concorrere alla classifica di società fino ad un massimo di tre punteggi individuali più la staffetta.

6.2.2 Gli atleti stranieri concorrono alla formazione delle classifiche di Società secondolo schema riportato al p. 4.2 delle Disposizioni Generali dei Masters.

6.3 La classifica di Società, sia maschile che femminile, viene stilata sommando 12 punteggi ottenuti in 11 gare individuali diverse più la staffetta (obbligatoria). Dopo le Società con 12 punteggi sono classificate quelle con 11 punteggi ottenuti in altrettante gare diverse (sempre con l’obbligo della staffetta) e così di seguito.

6.4 La Società maschile e femminile 1a classificata con il minor punteggio sarà proclamata Società Campione d’Italia Masters Indoor.

6.5 In caso di parità si tiene conto del maggior numero di primi posti, poi dei secondi posti e così di seguito fino alla risoluzione della parità. 

7. Premi

7.1 Sono premiate, a cura degli organizzatori, le prime 6 Società maschili e femminili. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *