BARBARA FERRARINI 5,04 NEL LUNGO MF45

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nel tradizionale pentathlon di fine ottobre, svoltosi nella cittadina veronese di San Giovanni Lupatoto, sono state registrati tre interessanti risultati master: una miglior prestazione italiana ufficiale (lungo cat. MF45), una su una gara spuria (pentathlon 200-alto-peso-lungo-800 cat. MF45) e uno purtroppo… solo “morale” (pentathlon lungo-giavellotto-200-disco-1500 cat. MM55). Barbara FERRARINI, quarantacinquenne portacolori dell’Atletica Insieme New Food Verona (nella foto), ha saltato in lungo la misura di 5,04 (vento +0.2), che rappresenta la miglior prestazione italiana MF45. Il precedente primato apparteneva alla modenese Rossella ZANNI (5.00, vento +1.2) stabilito ad inizio della stagione 2012.  Nella lista delle migliori prestazioni italiane master, curato da Giusy La Cava per conto della Fidal Nazionale, è registrata anche la misura di 5.06, ottenuta 2 anni fa dalla altoatesina Giuliana DEROMEDI, prestazione però ottenuta in mancanza di rilevazione del vento. Barbara ha poi concluso il pentathlon (200-alto-peso-lungo-800) con l’ottimo risultato di 3.769 punti che rappresenta anch’esso la miglior prestazione italiana MF45 su questa gara “non standard”  (precedente 2.195 della trevigiana Maurizia PERIN stabilito nel 2003) con i seguenti parziali: 29”3-751 p./1,44-818 p./8,55-543 p../5,04/828 p./2’33”0-829 p.

Da precisare che questa formula del pentathlon femminile viene considerata “spuria” (non-standard) in quanto diversa dal pentathlon ufficiale previsto nelle manifestazioni internazionali master che contempla gli ostacoli corti al posto dei 200 metri. In campo maschile il programma del pentathlon (lungo-giavellotto-200-disco-1500) era in linea con quanto contemplato a livello internazionale ma purtroppo l’adozione degli attrezzi previsti per la categoria assoluta hanno impedito a Vittorio SILVELLO (Tortellini Voltan Martellago) la gioia di segnare il proprio nome nel registro delle migliori prestazioni italiane master MM55. Pur avendo utilizzato attrezzi penalizzanti (giavellotto da 800 gr. anziché 700 gr, disco da 2 kg invece di 1,5 kg) ha totalizzato 2.924  punti, risultato che  avrebbe migliorato l’attuale primato di 2.871 punti,  stabilito nel 2001 da  Sergio LACIOTTI.  Questi i suoi parziali: 5,20-771 p./ 33,72-517 p./ 27”5-698 p./ 28,62-499 p./ 6’26”2-439 p. In gara anche il primatista italiano del pentathlon MM45, Luigi VANZO (Masteratletica Vicenza) che si è avvicinato al suo primato (2.881 punti sempre a Sam Giovanni Lupatoto lo scorso anno) totalizzando  2.741 punti. Per la categoria MM45 le caratteristiche tecniche del disco e del giavellotto sono però le stesse della categoria assoluta.  La manifestazione ha visto in gara 73 atleti dai 16 ai 56 anni, accomunati dalla stessa passione per il nostro sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *