NUOVI RECORDS MASCHILI POST-ORVIETO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A distanza di un mese dai Campionati Italiani Master di Orvieto riprendiamo a segnalare i records italiani di categoria che in varie parti d’Italia vengono migliorati con sequenza quasi continua. Cominciamo da quello che a nostro avviso è tecnicamente di livello più eccelso: sabato 20 luglio nello Stadio Nebiolo di Torino, sede dei prossimi World Master Games, è stato disputato il 2° Challenge Master “Cesare De Matteis” e 1° “Memorial Ottavio Missoni, c’è stata la gran volata di Mauro GRAZIANO (22/01/1966, Atletica Canavesana, nella foto) che ha fermato la fotocellula dei 200 metri sul tempo di 22”35 (vento -0,6). Non si tratta del nuovo record Fidal MM45 che appartiene a Mario LONGO con 22”27, ma della miglior prestazione italiana over-45 ad età compiuta (nonché age-record M46-47), che l’atleta già deteneva con 22”44 segnatolo scorso anno. E’ una prestazione per l’atleta piemontese che gli provoca sicuramente molto rammarico, visto che a Orvieto ha perso il titolo dei 100 metri con lo stesso tempo del vincitore Alfondo DE FEO (11”05 ventoso), cadendo subito dopo il traguardo tanto farsi male e dover rinunciare alla prova dei 200 metri. Per il campione mondiale M45 dei 100 metri nel 2011 a Sacramento è comunque la dimostrazione di una crescita straordinaria delle proprie prestazioni, così documentabile negli ultimi anni: 2005 (39) 11”44 (11”16w) e 22”78 – 2006 (40) 11”42 (11”18w) e 22”85 – 2007 (41) 11”15 e 22”59 – 2008 (42) 11”43 e 22”80 – 2009 (43) 11”32 (11”18w) e 22”70 – 2010 (44) 11”29 e 22”71 – 2011 (45) 11”29 e 22”90 – 2012 (46) 11”11 e 22”44 – 2013 (47) 11”13 (11”05w) e 22”35.

A proposito di 200 metri e di Alfonso DE FEO (15/09/1964, Atletica Colosseo 2000), il romano è tornato una settimana dopo sulla piusta di orvieto è ha nuovamente migliorato l’age-record italiano M48 della distanza correndo in 22”66 (vento +1,2). Inoltre va segnalata la sua prestazione sui 400 metri del 15 giugno a Roma di 51”63, anch’essa l’age-record italiana M48.

Ancora sui 200 metri, sempre nel Meeting di Torino del 20 luglio, Benito BERTAGGIA (05/04/1937, G.S. Ermenegildo Zegna) ha centrato un record storico per la categoria MM75 correndo in 29”81 (vento -1,0), togliendolo a uno dei grandi della nostra atletica master, Bruno SOBRERO, che lo deteneva con 29”89 da 1996, quando vinse il titolo continentale della categoria a Malmoe in Svezia.

Restando in materia di velocità un grande crono lo ha segnato il 7 luglio sulla pista “magica” di Donnas il milanese Giancarlo D’ORO (06/06/1962, Atletica Ambrosiana) con 11”65 con cui fa suo l’age-record M51 della specialità, a soli due centesimi dal record italiano MM50 stabilito lo scorso anno in 11”63 da Ferido FORNESI, quest’ultimo in fase di lento recupero dopo un gravissimo incidente d’auto.

Veniamo al mezzofondo e al laziale Sergio RUGGERI (11/10/1968, Fartlek Ostia) che, dopo il sensazionale titolo degli 800 metri conquistato a Orvieto in 1’59”35, ha insistito alla ricerca del record italiano MM45 e il 7 luglio a Roma c’è riuscito finendo la distanza in 1’58”93. Il precedente record era di Giuseppe ROMEO stabilito nel 2008 con 1’59”22, che resta tuttavia il record over-45 ad età computa.

Il 23 luglio a Trento è stata disputata la prima prova del trittico di Gran Premio Mezzofondo, manifestazione che da anni raccoglie una straordinaria partecipazione di specialisti. In gara nei 1.500 metri c’era lo stakanovista vicentino Dario DAPPO (04/05/1948, Masteratletica) che ha corso in 4’53”93, cioè la miglior prestazione italiana over-65, ma non il record italiano Fidal MM65 che resta al compianto Cesare BINi con 4’53”3m del 1994. Nella stessa occasione ha gareggiato anche Konrad GEISER (17/04/1947, ora seguito proprio da RAPPO) ottenendo il tempo di 5’00”49 che gli vale l’age-record M66.

Nuovo record italiano MM55 nel salto triplo per Massimo FIORINI (17/06/1958, Atletica Livorno) con 12,39 (vento +1,5) a Siena il 6 luglio nella fase regionale dei C.D.S. Master della Toscana. Il pisano-livornese ha tolto il record a Vincenzo MARCHETTI autore nel 2007 di 12,33 outdoor; ma va ricordato che nella stagione indoor il bresciano era stato capace di saltare 12,44. Nella stessa riunione segnalare anche la prestazione di Mario ANCILLOTTI (23/12/1932, Atletica Borgo a Buggiano) di 27,00 nel lancio martello, al momento miglior prestazione italiana over-80 con il martello da 3 kg., in attesa del “Ciclone Rado”. Un altro age-record da segnalare, a merito di Antonino AMBU (11/01/1940, Atletica Selargius), è quella del salto in alto M73 con 1,36 superato il 13 luglio a Cagliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *