I CAMPIONATI INDOOR 2014 AL FEMMINILE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Se i Campionati Indoor al maschile sono stati molto vitali, non altrettanto appare ad una prima valutazione la situazione femminile. L’impressione è che ci sia un momento di stasi, dopo anni in cui le master hanno progredito in proporzione più degli uomini, sia per la crescita delle prestazioni tecniche che per le medagli conquistate in campo internazionale. Ad Ancona erano presenti le tre atlete più rappresentative dell’atletica master italiana (Emma MAZZENGA, Emanuela BAGGIOLINI e Carla FORCELLINI), dimostrando di essere sempre a grande livello. A consuntivo c’è anche la miglior prestazione europea W85 outdoor di Anna FLAIBANI nel lancio del martello. Vari nuovi records Fidal di categoria non sono certo mancati; ma è nell’insieme che s’è notano l’assenza di numerose atlete di livello medio-alto. Forse sarà un momento contingente. Affrontiamo ora un’analisi più dettagliata per settore specialistico.

VELOCITA’

In questo ambito è stata in grande evidenza la Maria RUGGERI (nella foto all’arrivo dei 200mt.), al passaggio di categoria tra le SM45, in grado subito di ritoccare in misura notevole i record italiani dei 60 metri con 8”12 e dei 200 metri con 26”96. Questa categoria negli anni passati ha avuto un forte impulso tecnico, ma ora con la siciliana ci potremmo trovare di fronte ad un’atleta di valore assoluto nelle manifestazioni internazionali tra le velociste W45. Purtroppo la RUGGERI non figura iscritta a Budapest.

Ad Ancona ha fatto molto piacere la presenza per il secondo anno di Amy Fabè DIA. La Signora Longo non ha disdegnato, come lo scorso anno, prima di partecipare ai Campionati Indoor Assoluti e poi di essere a quelli dei Masters. Qui ha vinto i 60 metri SF35 in 7”71. Non c’è dubbio che la sua sia un’autentica passione per l’atletica, di qualunque tipo. Ricordiamo che Amy Fabè è stata tra l’altro 4° con la staffetta 4×100 della Francia alle Olimpiadi del 2000.

Tra le velociste ci sono state due triplette (60 + 200 + 400), quella di Emma MAZZENGA nella categoria SF80 (con 11”55 sui 60mt., nuovo record italiano) e quella di Anna MICHELETTI tra le SF60. Anzi la MICHELETTI può vantare un quarto titolo, quello della staffetta 4×200. Da segnalare inoltre le prestazioni tecniche della quasi 49enne Barbara MARTINELLI sui 400mt. con 1’02”41 e di Graziella CERMARIA tra le SF55 con 9”14. Quest’ultima è un caso molto singolare di atleta master: non ha praticato l’atletica in gioventù, s’è solo dedicata al jogging e al ballo; poi alla soglia dei 50 anni è stata convinta quasi per caso a provare la corsa in pista. Bella storia.

MEZZOFONDO

Non poteva mancare la presenza della stakanovista Paola TISELLI, che quasi tutti i fine settimana partecipa a una manifestazione agonistica, indifferentemente master o assoluta. Qui la laziale ha vinto tra le SF40 i 1500 e 3000 metri, dovendo invece domenica cedere il passo per il titolo degli 800 metri alla più forte Emanuela BAGGIOLINI. La varesina con uno splendido assolo ha stabilito con 2’15”12 la miglior prestazione over-40. Per il resto c’è stato poco altro, forse anche per la contemporaneo disputa dei Campionati Italiani Assoluti di Cross.

SALTI

La zarina Carla FORCELLINI era alla sua prima gara da SF55 e subito s’è regalata un salto ancora una volta sopra i 3,00 metri. In più la romana ha corso e vinto i 60 ostacoli. Ora l’aspettano le gare Budapest dove però gareggerà ancora da W50. Nel salto in alto SF45 il duello tra Chiara ANSALDI e Tiziana PICCONESE è finito con la vittoria della prima per 1,56 (record eguagliato) a 1,53. La piemontese ha anche vinto il triplo con 10,26. Mentre tra le SF50 Rossella ZANNI ha siglato il nuovo record Fidal di categoria con 1,46. La bolognese in più ha vinto a suon di nuovo record il pentathlon con 3.812 punti (oltre 600 punti di incremento) e il titolo dei 60 ostacoli. Nelle prove multiple Ingeborg ZORZI ha totalizzato il bel totale di 3.710 punti, record ad età compita delle over-65. Molto buono anche il risultato di Susanna TELLINI nel salto in lungo SF45 con 5,07.

LANCI

Anna FLAIBANI ha sorpreso tutti con la nuova miglior prestazione europea del lancio del martello W85 con la misura di 21,06. Si tratta di un meritato risultato per questa tenace friulana che da molti anni è una presenza fissa nelle manifestazioni italiane e internazionali. E visto che c’era ha migliorato anche il record italiano SF85 del martellone con 7,53.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *