I CAMPIONATI ITALIANI INDOOR AL FEMMINILE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Difficile trovare un personaggio femminile che sia stata il faro su tutte le altre partecipanti ad Ancona. Non è arrivato il record clamoroso come invece e successo in campo maschile. Due però sono stati i risultati tecnici di maggiore significato: il tempo di 1’00”70 che Barbara MARTINELLI (09/12/1965-SF50, U.S. S.Vittore Olona, nella foto) ha messo a segno nei 400 metri; e quello di 8”07 di Maria RUGGERI (06/01/1969-SF45, Atletica Villafranca) sui metri 60 metri; prestazioni che diventano i nuovi records italiani di categoria ed in più costituiscono delle performances di notevole valore internazionale.

Per la RUGGERI si tratta di un progresso rispetto al suo stesso record di 8”12 dello scorso anno e la dimostrazione che la siciliana si avvia ad una stagione all’aperto dove presumibilmente ritoccherà le sue già notevole prestazioni su 100 e 200 metri del 2014, con proiezioni ambiziose guardando ai Campionati Mondiali di Lione.

Anche per la MARTINELLI la prova di Ancona fa intendere che ce ne farà vedere delle belle in estate, con prestazioni al di sotto del minuto sul giro di pista e dei 2 minuti e 20 secondi sul doppio giro. Peccato che lei compia i 50 anni a dicembre e ad Lione sia relegata ancora tra le W45.

Vediamo ora più in dettaglio le migliori cose al femminile ottenute ad Ancona.

VELOCITA’

Il settore si dimostra molto vivace, tant’è che sui 60 metri sono fioccate  vari nuovi records di categoria e tante altre prestazioni di valore. Assieme alla RUGGERI hanno fatto registrare record anche Daniela FASSI (14/08/1959, Virtus Castenedolo) con 9”06 tra le SF55, Umbertina CONTINI (23/08/1950, Atl. Città di Padova) con 9”57 tra le SF65 e la novità del record SF85 inaugurato da Nives FOZZER (14/01/1930, Nuova Atletica dal Friuli) con 13”99. Poi la 44enne Denise NEUMANN (1971 – Progetto Azzurri Mi) ha dato prova di ottima efficienza tra le SF40 con 8”12 sui 60mt. e 26”33 sui 200mt., tanto da far sperare molto bene sulle sue prove tra breve ai Campionati Europei Indoor. Un discorso a parte merita Amy Fabè DIA (14/02/1977, Coin Venezia 1949) vincitrice di due titoli SF35 con 7”75 (age-record F38) e 25”38: una settimana prima ha partecipato ai Campionati Italiani Assoluti, ma con entusiasmo e senza manie esibizionistiche è entrata a far parte del mondo master.

MEZZOFONDO

Quest’anno sancisce l’entrata nella categoria SF65 per la decana Waltraud EGGER (04/04/1950, Sportclub Meran) e ovviamente un’istituzione del mondo master italiano com’è la sudtirolese (in passato anche campionessa del mondo9 lo ha fatto a suon di records italiani massacrati; una tripletta: 800mt. 3’08”51, 1500mt. 6’05”39 e 3000mt. 12’48”70. Un’altra atleta a far tripletta con prestazioni tutte di buon valore cronometrico è stata Alessandra LENA (11/08/1970, Atletica Brugnera), con questo dettaglio: 2’26”08, 4’52”11 e 10’17”03. Va poi ricordato il tempo di Barbara MARTINELLI negli 800 metri di 2’25”71 che è gran cosa, pur essendo per lei una prestazione “tranquilla”. Inoltre c’è da scrivere della stakanovista Paola TISELLI (1973 – SF40, Tirreno Atletica Civitavecchia) che in questi campionati s’è limitata ad una doppietta

SALTI

Il settore non ha mostrato grandi cose, mancando anche diverse atlete di vertice, una per tutte Carla FORCELLINI. Ci sono state alcune prestazioni definibili interessanti e sono: nel salto in alto Rossella ZANNI (1964-SF50, La Fratellanza Modena 1874) con 1,45 nuovo record F50 ad età compita e la decana Giulia PERUGINI (1936-SF75, S.E.F. Macerata) con 0,97 (age-record F78); nel salto con l’asta Gioia FERRARI (1973-SF0, Assi Giglio Rosso) con 3,00 e Daniela PARENTI (1967-SF45, La Fratellanza Modena 1874) con 2,90; nel salto in lungo Susanna TELLINI (1966-SF45, Atletica Ambrosiana) con 4,98; nel salto triplo Chiara ANSALDI (1968-SF45, Atl. Virtus Castenedolo) con 10,51.

ALTRO

Nei 60 ostacoli la miglior prestazione intercategoria è da considerare quella di Erika NIEDEMAYR (1961-SF5, Suedtirol Team Club) al traguardo in 10”14. Nel getto del peso, assenti le specialiste più forti, va evidenziato il record SF85 di Nives FOZZER (14/01/1930, Nuova Atletica dal Friuli) con 5,91. Nel pentathlon il punteggio più elevato l’ha conseguito Rossella ZANNI con 3.674 punti, che diventa anche il record italiano ad età compiuta. Un altro punteggio di buon valore anche internazionale è stato quello di Ingeborg ZORZI (1948 – SF65, Sportclub Meran) con 3.568 punti. Nei 3000 metri di marcia sono da annotare due prestazioni record: Rita DEL PINTO (05/02/1949, Liberatletica) a 19’57”32; Natalia MARCENCO (12/12/1954, Assindustria Sport Padova) al record F60 ad età compiuta di 17’23”50. Nella staffetta 4×200 ci sono stati tre nuovi records di categoria: SF55 di TRIESTE ATLETICA con 2’04”38; SF65 della S.E.F. MACERATA con 2’44”20; e del tutto nuovo per la SF70 dell’ATLETICA AVIANO con 3’14”31.

LANCI LUNGHI

Pur mancando atlete come Brunella DEL GIUDICE e Maria Luisa FANCELLO, il programma-gare del campionato Invernale Lanci Lunghi ha prodotto alcune prestazioni di eccellente valore. Nel lancio del disco la neoSF55 Waltraud MATTEDI (26/11/1960, Suedtirol Team Club) ha piazzato un lancio record di 36,04. Rosanna ROSATI (24/01/1959, Romatletica) ha migliorato il record del martellone SF55 con la misura di 12,02 e nel martello ha toccato la misura di 36,82. La sorella Paola ROSATI (1964, Atl. Virtus Castenedolo) nel martellone SF50 ha vinto con 13,11. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *