I CAMPIONATI DI CASSINO AL MASCHILE

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cerchiamo qui di fissare i risultati di maggior rilievo in campo maschile che sono venuti dalle gare di Cassino. Innanzitutto va detto che le condizioni meteo non hanno avuto un peso trascurabile, perché le elevate temperature e l’umidità hanno sottratto energie preziose un poco a tutti ed in particolare ai mezzofondisti. Inoltre c’è stata un presenza quasi costante del vento contrario al rettilineo d’arrivo e alla pedana dei salti in estensione, a volte con raffiche che hanno superato i quattro metri la secondo.

VELOCITA’

Se i tempi non sono stati all’altezza di altre edizioni dei Campionati Italiani Master, tuttavia non sono poche le annotazioni significative. Su tutte il bis di Alfonso DE FEO (1964-SM50) che ha fatto tripletta come lo scorso anno su 100 (11”66), 200 (23”73) e 400 metri (53”07). Nel giro di pista c’è stato l’attesa sfida con il rientrante Enrico SARACENI (54”21) che DE FEO ha risolto implacabilmente con l’accelerazione sull’ultimo rettilineo. Nella categoria inferiore ha brillato Mauro GRAZIANO (1966-SM45) che ha archiviato con grande autorevolezza il duello con Walter COMPER vincendo i 100mt. per 11”56 a 11”85 e i 200mt. per 22”99 a 23”80. Il tempo del pimontese sui 200mt. è anche il nuovo age-record M49, strappato proprio a DE FEO. Tutti gli atleti citati finora il prossimo anno saranno nella categoria SM50 e quindi se ne vedranno delle belle. Sempre tra gli SM45 è stato eccellente la prestazione di Massimiliano SCARPONI sui 400mt. in 52”96. Nella categoria SM55 s’è messo il luce Franco ZAMAGNI che ha conquistato la doppietta 200mt. (25”26) e 400mt. (55”87). Tra gli SM60 ha sorpreso Andrea VILLIRILLO che nei 100mt. è stato capace di 12”76 con un vento di -3,1. Passando agli SF65 s’è assistito prima sui 400mt. al testa a testa di Livio BUGIARDINI e Vincenzo FELICETTI finito a 59”65 a 1’00”35. Il giorno dopo l’ordine d’arrivo è stato invertito a 26”69 e 27”28. Fa piacere poi aver trovato in gara tra gli SM35 l’ex-nazionale Marco TORRIERI (1978) esibitosi sui 100mt. in 11”02.

  

MEZZOFONDO-FONDO

Nella categoria SM35c’è stata la supervolata negli 800mt. dove sono finiti nell’ordine Maurizio FINELLI (2’01”25), Alessio MENONNA (2’01”36) e Battista VENNERA (2’02”18). Per gli SM45 è da considerato ottimo il tempo di 15’33”27, date le condizioni in pista, per Antonello BARBETTA.  Negli SM50 c’è stata una grandissima gara dei 1500mt., sia per tempi che per agonismo, con quest’ordine d’arruvo: Nicola SALOMONE 4’23”04, Ugo GUERRA 4’23”40, Ivano PELLEGRINI 4’23”42, Marco MORACAS 4’23”94. Tra gli SM55 c’è voluto il photofinish negli 800mt. tra Franco MAFFEI (vincitore per il terzo anno di fila) e Andrea BUSOLETTI rispettivamente a 2’15”50 e 2’15”51. Negli SM65 crono eccellenti per Giovanni FINIELLI negli 800mt. con 2’23”83 e per Rolando DI MARCO nei 5000mt. con 18’06”18.

 

SALTI

Molti sono stati gli assenti tra i nostri migliori specialisti, ma sono mancate le misure di pregio. Innanzitutto va detto del modenese Arrigo GHI (1945-SM70) che a quota 3,10 nel salto con l’asta ha strappato il record di categoria a Galdino ROSSI; aggiungendo al suo bottino anche i titoli del salto in lungo (4,30) e del triplo (9,58). Ancora nel salto con l’asta Hubert INDRA ha vinto nella categoria SM55 con l’age-recod M58 di 3,60. Nel salto in lungo SM50 grande prestazione per il 52enne Gianni BECATTI che controvento è planato a 6,47. Nel salto in alto Marco MASTROLORENZI (1960-SM55) ha sorvolato 1,75 per poi sbagliare di un’inezia la misura di 1,78 che gli avrebbe consegnato il record italiano di categoria. In forma premondiale s’è dimostrato anche Lamberto BORANGA (1942-SM70) con un salto abbondante a 1,45. Infine da rilevare la tripletta di titoli per Giorgio BORTOLOZZI (1937-SM75) con 1,30 – 4,15 – 8,85.

 

LANCI

Tra gli SM40 hanno raggiunto misure di tutto riguardo Alessio DONNINI con il disco a 44,70 e Marcello DE CESARE con il giavellotto a 61,04. TFrancesco DE SANTIS ha prevalso nel martello SM45 con 53,53 su Adriano RODRIGO a 50,12; poi nel martellone ha stabilito l’age-record SM47 con 14,59. Ancora negli SM45 il giavellottista Federico BATTISTUTTA ha lanciato a 56,02. Nella categoria SM55 tripletta del trevigiano Marco MENEGHIN con 41,96 nel disco, 44,01 nel martello e 15,40 nel martellone. Di valore poi il risultato di Marco GIACOMINI (1960-SM55) con il peso finito a 13,99. Tra gli SM70 ha fatto tripletta Giuseppe DI STEFANO (1941-SM70) con 36,41 nel disco, 36,77 nel martello e 15,31 nel martellone. Inoltre c’è stato l’age-record mondiale del lancio del disco M99 di Giuseppe OTTAVIANI (20/05/1916) che ha lanciato l’attrezzo da 1 kg. a 13,42; stessa age-record del marchigiano nel salto triplo con 3,45. Va ricordato che OTTAVIANI con questa partecipazione è divenatto l’atleta più anziano in gara tra tutte le edizioni dei Campionati Italiani Master.

 

ALTRE SPECIALITA’

Negli ostacoli i 100mt. degli SM55 hanno proposto il duello vinto da Massimo BIROLINI con 16”08 (vento -2,5) su Hubert INDRA a 16”56 (age-record M58). Altro duello nei 100mt. degli SM60 con Ercole SESINI a 16”76 (vento -2,3) e Tullio HROVATIN a 17”20 (age-recod M63). In buona forma pre-mondiale s’è dimostrato Frederic PERONI sui 400 metri SM50 vinti in 1’01”23, che dovrà difendere a Lione il titolo del 2013.

Nei 5000mt. di marcia Vincenzo MAGLIULO (1976) ha vinto con il tempo di 22’17”46 negli SM35; così come Antonio LOPETUSO in 24’28”09 negli SM55; e Romolo PELLICCIA con 31’14”27 negli SM75. Ettorino FORMENTIN invece con il crono 26’27”13 ha vinto nella categoria SM65 stabilendo gli age-records M67-68.

Nella staffetta 4×100 sono state registrate due migliori prestazioni italiane di categoria: in quella degli SM65 la formazione della LIBERATLETICA ROMA (Zadro, Lancioni, Palma, Guardini) con 53”58; eppoi quella inedita della SM80 con lo SPORTCLUB MERAN (Amorth, Zanol, Mazzoli, Zorsi) a 1’14”95.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *