LIONE 2015: 23 ORI 28 ARGENTI 25 BRONZI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ieri a Lione l’atto conclusivo del 21° Campionato Mondiale Master Stadia con la giostra delle staffette, in cui l’Italia ha trovato più di una soddisfazione. La conta finale degli azzurri consegna alla nostra Federazione 23 titoli iridati, 28 medaglie d’argento e 25 di bronzo. In sintesi è un bilancio soddisfacente, ma che non corrisponde al reale potenziale del nostro movimento master; perché a Lione sono state tante se non troppe le assenze italiane di grande valore. Volendo trovare l’atleta simbolo della nostra delegazione è facile individuarla in Maria Costanza MORONI, per la prima volta presente a una manifestazione master internazionale, da dove torna con tre medaglie d’oro (80 ostacoli e lungo W45, staffetta 4×400 W40) e un argento (staffetta 4×100 W45). Solo un gradino al di sotto è stata Emanuela BAGGIOLINI, ormai una garanzia in questi contesti, che ha fatto suoi due titoli (400 ostacoli e 4×400 W40) più due argenti (400 e 800 metri W40). Tra gli uomini ci sono stati due plurititolati: Giovanni FINIELLI (800 e 1500 metri M65) e Gianni BECATTI (lungo e 4×100 M50). Vediamo ora come si sono succedute le ultime quattro giornate di gare a Lione.

 

Mercoledì 12

E’ stata una giornata interlocutoria dedicata soprattutto alle qualificazioni sia nelle corse che nei concorsi. Con l’eccezione del battagliato salto triplo M35 dove il cubano Almicar Demetrio BONELL-MORA di cartellino italiano, ormai da otto anni riminese e prossimo al passaporto italiano, s’è visto svanire l’oro saltando all’ultima prova 15,01 a un solo centimetro dal greco GEORGIOU.

Venerdì 14

E’ stata la giornata in cui Gianni BECATTI ha completato il suo personale poker di titoli. E’ arrivato nel nostro mondo solo nel 2013; lo scorso anno ha vinto nel salto in lungo M50 il titolo mondiale indoor e quello europeo outdoor; nell’inverno 2015 ha continuato con il titolo europeo indoor (e il record mondiale indoor). Così in un biennio con quest’ultimo titolo mondiale a Lione (grazie ad un salto di 6,44) ha vinto tutto quello ce c’era da vincere e anche oltre, visto cos’ha fatto nell’ultima giornata.

Sulla pista della Stadio Duchére si sono viste le scintille nella finale dei 1500 metri M65. Sul rettilineo conclusivo c’è sttao il testa a testa tra Giovanni FINIELLI e il francese AGUERO, che ha ostacolato l’italiano in più occasioni e sul traguardo gl’ha assestato una gomitata di troppo al nostro; e seppure primo verrà poi squalificato. Per FINIELLI è arrivato così il secondo oro nel tempo record italiano do 4’52”08.

Ancora in pista ci sono state le medaglie d’argento per Lamberto BORANGA nel salto in alto M70 a 1,48 (pari misura del vincitore) e per Maria Luisa FANCELLO nel lancio del disco delle W70 con 26,14; più il bronzo di Giuliano COSTANTINI nel triplo degli M65 a 10,73.

Un bel malloppo l’hanno portato poi i marciatori nella prova su strada di 20 Km. con titoli iridati per: Edison PUMACURO negli M35 a 1°40’14”; Vincenzo MENAFRO negli M80 a 2°28’09”; il Team W35 composto da Tatiana ZUCCONI, Melania AURIZZI, Roberta MOMBELLIMedaglie d’argento per: Ettorino FORMENTIN negli M65 a 1°57’23”; Daniela RICCIUTELLI 2°04’27”e il Team W55 composto da Daniela RICCIUTELLI, Dominique CIANTAR e Natalia MARCENCO. Medaglie di bronzo per: Gabriele CALDARELLI negli M55 con 1°51’51”; Daniela RICCIUTELLI nelle W55 con 2°04’27”; il Team M55 composto da: Gabriele CALDARELLI, Antonio SANSEVERINO e Franco VENTURI.

Sabato 15

La mattinata è partita con la rivincita nei 400 metri W80 di Emma MAZZENGA sull’americana Irene OBERA che l’aveva nettamente battuta nei 100 e 200 metri. Ai 120 metri dalla partenza SuperMimma è partita con decisione all’attacco e ha preso un sensibile vantaggio; così sul rettilineo finale ha controllato bene il tentativo di recupero dell’americana (1’33”31 a 1’34”90) e aggiunto in altro titolo mondiale alla sua lunga collezione.

Nel salto in lungo M35 ci sono stai i fuochi d’artificio. Almicar Demetrio BONELL-MORA all’ultimo salto è decollato verso un balzo di 7,43 (record della manifestazione) e ha infilato il francese e lo spagnolo che lo sopravanzavano con 7,39 e 7,25. Il cubano di tesseramento Fidal è esploso in una corsa irrefrenabile, quasi come Mike POWELL quando ha stabilito il record mondiale a Tokio nel 1991.

C’è stata poi la mandata delle finali degli ostacoli “corti” e nei 100 metri M50 finalmente Thomas OBERHOFER ha saputo esprimersi al meglio, dominando la gara in un notevolissimo 14”15 (nettamente nuovo record italiano), in una specialità solitamente dominata da statunitensi, inglesi e tedeschi questa volta relegati a contendersi le piazze di rincalzo. Nella stessa finale degli M55 da segnalare Massimo BIROLINI 7° con il nuovo record italiano di 15”77.

Di seguito c’è stata la finale sugli 80 metri delle W45 e Maria Costanza MORONI ha dato una prova d’imperio trionfando in 12”01, nuovo record italiano SF45 ma anche SF40. Una prestazione più corrispondente ala suo valore, dato che sui 100 ostacoli da 84cm. è capace ancora di scenedre sotto i 15″. 

La giornata ha offerto inoltre altre tre medaglie italiane: l’argento di Emanuela BAGGIOLINI nei 400 metri in 57”96 e quello della ritrovata Francesca “Trilly” JURI nel triplo delle W50 con 9,88; il bronzo nel lungo M45 di Alberto TIFI a 6,24.

Domenica 16

Il programma delle staffette finali ha dato la giusta dignità al nostro movimento, che ripetiamo avrebbe potuto di esprimersi ben oltre. La prima medaglia, d’argento, l’hanno conquistata le ragazze nelle 4×100 W45 (Marta ROCCAMO, M. Costanza MORONI, Gigliola GIORGI, Maria RUGGERI) dove hanno sfiorato la vittoria con 50”92 (nuovo record italiano) contro le ragazze U.S.A. a 50”87.

Capolavoro per la nostra staffetta 4×100 nella categoria M50 in cui una formazione assolutamente improvvista (Paolo BARONTINI, Gianni BECATTI, Alberto ZANELLI, Paolo MAZZOCCONI) anche rispetto a quella del record del mondo al Golden Gala ha trovato l’ispirazione e l’esaltazione per vincere in 45”69 davanti alla feroce muta di inglesi e americani desiderosi di riaffermare la loro supremazia.

Sempre nella 4×100 4° posto con record italiano a 58”40 nelle W55 per la formazione composta da Mariuccia QUILLERI, Anna MICHELETTI, Loredana TURRENI e Daniela FASSI.

Il tripudio del tutto speciale è stato quello della staffetta 4×400 nelle prova delle W40 dove l’Italia ha messo giù il poker d’assi composto da Cristina SANULLI, Emanuela BAGGIOLINI, Maria RUGGERI e Maria Costanza MORONI che ha vinto in uno strabiliante record italiano di 3’57”23, non lontano dal record mondiale (3’56”02 Germania nel 2002). Non trascurabile il dato che questa staffetta ha un’età media di 44 anni.

Un’altra mediaglia poi l’hanno conquistata nella 4×400 degli M65 Franco GASPARINETTI, Dario RAPPO, Renato GORETTI e Rudolf FREI a suon di nuovo record italiano in 4‘27”26.

L’ultima giornata ha consegnato dalla strada altri due titoli iridati al medagliere italiano con Virginio TRENTIN nella maratona M60 terminata in 2°47’08” e con il Team M40 nella mezzamaratona M40 composta da Francesco DUCA, Fabio BERNARDI e Michele BRUZZONEAncora dalla strada sono venute le medaglie d’argento di Francesco DUCA (mazzamaratona M40 a 1°09’45”), Carmelo SACCA’ (mezzamaratona M65 a 1°41’19”) e Silvia BOLOGNESI (mezzamaratona W60 a 1°30’34”); e le medaglie di bronzo nella maratona M55 di Andrea MARESCA (2°44’32”) e in quella W65 di Giovanna MONDINI (3°56’47”).

Infine da citare la seconda medaglia d’argento per Maria Luisa FANCELLO nel pentathlon lanci W70 con 4.081 punti.

 

Medaglie Italiane

 

ORO (23)

M35-Alto: Sandro FINESI 2,05

M35-Lungo: Almicar Demetrio BONELL-MORA 7,43

M35-Marcia Km.20: Edison PUMACURO 1°40’14”

M40-MezzaMarat: Francesco DUCA, Fabio BERNARDI, Michele BRUZZONE

M45-Cross 8km: Valerio BRIGNONE 25’02”

M50-100m Ost: Thomas OBERHOFER 14”15

M50- Alto: Marco SEGATEL 1,86

M50-Lungo: Gianni BECATTI 6,44

M50-4×100: Paolo BARONTINI, Paolo MAZZOCCONI, Alberto ZANELLI, Gianni BECATTI 45”69

M60-Maratona: Virginio TRENTIN 2°47’08”

M65-800m: Giovanni FINIELLI 2’23”06

M65-1500m: Giovanni FINIELLI 4’52”08

M75-Triplo: Giorgio BORTOLOZZI 8,96

M80-Marcia Km.20: Vincenzo MENAFRO 2°28’09”

W35-Macia Km.20 Team: Tatiana ZUCCONI, Melania AURIZZI, Roberta MOMBELLI

W40-400m Ost: Emanuela BAGGIOLINI 1’01”30

W40-4×400: Cristina SANULLI, Emanuela BAGGIOLINI, Maria RUGGERI, M. Costanza MORONI 3’57”23

W45-80m Ost: M. Costanza MORONI 12”01

W45-Lungo: M. Costanza MORONI 5,61

W45-Marcia 5000m: Elena CINCA 27’05”92

W50-5000m: Nadia DANDOLO 18’10”21

W70-Maretllo: M. Luisa FANCELLO 31,84

W80-400m: Emma MAZZENGA 1’33”31

 

ARGENTO(28)

M35-Triplo: Almicar Demetrio BONELL-MORA 15,01

M40-MezzaMarat: Francesco DUCA 1°09’45”

M45-5000m: Valerio BRIGNONE 15’40”03

M45-Asta: Giacomo BEFANI 4,40

M50-100m: Alfonso DE FEO 11”84

M60- Cross Team: con Pier Mariano PENONE, Aris GIORDANI, Alfonso GIFUNI

M65-Marcia Km.20: Ettorino FORMENTIN 1°57’23”

M70-Alto: Lamberto BORANGA 1,48

M75-Marcia 10Km: Romolo PELLICCIA 1°01’17”

M75-MezzaMarat: Carmelo SACCA’ 1°41’19”

M80-1500m: Bruno BAGGIA 6’29”25

M80-5000m: Bruno BAGGIA 25’21”41

M80-Marcia 5000m: Vincenzo MENAFRO 34’33”18

M80-Marcia 10Km: Vincenzo MENAFRO 1°10’45”

W40-400m: Emanuela BAGGIOLINI 57”96

W40-800m: Emanuela BAGGIOLINI 2’16”16

W45-100m: Maria RUGGERI 12”89

W45-4×100: Marta ROCCAMO, M. Costanza MORONI, Gigliola GIORGI, Maria RUGGERI 50”92

W50-Triplo: Francesca JURI 9,88

W50-Marcia Km.10 Team: Mirella PATTI, Dominique CIANTAR, Natalia MARCENCO

W55-Marcia Km.20 Team: Daniela RICCIUTELLI, Dominique CIANTAR, Natalia MARCENCO

W60-MezzaMarat: Silvia BOLOGNESI 1°30’34”

W65-5000m: Waltraud EGGER 22’07”54

W65-Eptathlon: Ingeborg ZORZI p.4959

W70-Disco: M. Luisa FANCELLO 26,14

W70-Pentalanci: M. Luisa FANCELLO 4.081p

W80-100m: Emma MAZZENGA 19”39

W80-200m: Emma MAZZENGA 40”28

 

BRONZO (25)

M40-10.000m: Francesco DUCA 32’06”62

M45-Lungo: Alberti TIFI 6,24

M50-200m: Alfonso DE FEO 23”33

M55-Triplo: Giancarlo CICERI 11,95

M55-Peso: Marco GIACOMINI 14,20

M55-Maratona: Andrea MARESCA 2°44’32”

M55-Marcia Km20: Gabriele CALDARELLI 1°51’51”

M55-Marcia Km20 Team: Gabriele CALDARELLI, Antonio SANSEVERINO, Franco VENTURI

M60-100m: Vincenzo BARISCIANO 13”17

M65-Triplo: Giuliano COSTANTINI 10,73

M65-Marcia 5000m: Ettorino FORMENTIN 27’17”13

M65-Marcia 10Km: Ettorino FORMENTIN 53’00”00

M70-Marcia Km.10 Team: Romolo PELLICCIA, Vincenzo MENAFRO, Piergiorgio ANDREOTTI

M65-4×400: Franco GASPARINETTI, Dario RAPPO, Renato GORETTI, Rudolf FREI 4’27”26

M75-Marcia 5000m: Romolo PELLICCIA 30’41”46

M80-800m: Bruno BAGGIA 3’18”88

W40-Eptathlon: Sara COLOMBO p4763

W40-Cross 8km: Domenica MANCHIA 30’30”

W40-Marcia Km.10 Team: Melania AURIZZI, Elena CINAC, Roberta MOMBELLI

W45- Cross Team: Christina TEISSL, Francesca PINI-PRATO, Francesca RAGNETTI

W50: Marcia 5000m: Giuseppina DE MARTIS 28’04”89

W55-Asta: Carla FORCELLINI 2,70

W55-Marcia 10 Km: Daniela RICCIUTELLI 58’11”

W55-Marcia Km.20: Daniela RICCIUTELLI 2°04’27”

W65-Maratona: Giovanna MONDINI 3°56’47”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *