NADIA DAL BEN RECORD MARATONA SF65 E ALTRI RECORS

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Domenica passata s’è corsa la Maratona di Torino vinta per la classifica assoluta femminile dalla SF35 Silvia WEISSSTEINER (13/07/1979, G.S. Forestale) in 2°32’35”, al suo esordio nella specialità; una performance che la proietta ad una possibile partecipazione olimpica a Rio de Janeiro 2016. Al 42° posto assoluto è arrivata Nadia DAL BEN (26/09/1950, Podistica Tranese) nel tempo di 3°34’48” che le ha dato il nuovo record italiano della categoria SF65, strabattuto rispetto al precedente 3°38’11” (”pre”) di Immacolata FORMISANO del 2011 e al successivo tempo a età compiuta della stessa atleta di 3°50’09” del 2012. La DAL BEN era già detentrice del record SF60 con 3°15’20” corso sempre a Torino nel 2010. Il record del mondo W65 però resta molto lontano e appartiene alla svizzera Emma LUEHTI capace nel 2009 dello straordinario crono di 3°12’57”. Ricordiamo che la piemontese è anche atleta master di livello mondiale nel triathlon. A Torino molto buono è stato anche il risultato dell’altra piemontese quasi 63enne Maria Grazia NAVACCHIA (05/11/1952, Maratona Torino) al traguardo 39° in 3°33’54”.

 

Sempre domenica 4 novembre c’è stato un meeting di fine stagione sua pista a Milano, dove sono scaturite due prestazioni record. Emanuela BAGGIOLINI s’è cimentata sulla distanza ibrida dei 200 ostacoli (che i C.D.S. Master hanno nobilitato) ricavando il crono di 29”65 (vento -0,5); e quindi ritoccando il suo stesso record italiano SF40 di 29”88 stabilito a Boissano il 29 settembre 2012. La varesina con l’occasione ha anche stabilito gli age-records italiani a partire da F36 fino a F43. Peccato che nella stessa riunione Maria Costanza MORONI abbia preferito correre i 200 piani (nell’eccellente 26”27), perché se in gara nei 200 ostacoli ne sarebbe scaturito un bel match con la BAGGIOLINI e anche il record della categoria SF45.

Nella pedana del disco a Milano s’è presentato Carmelo RADO (04/08/1933, Atl. S. Calvesi Aosta) che ha ottenuto la misura di 39,91 che gli vale gli age-records mondiali M81 e M82. E’ probabile che l’Ercole di Biella avesse in mente il tentativo di riappropriarsi del record mondiale M80 della specialità, che gl’è stato strappato il 13 giugno scorso dallo svedese Oe01sten EDLUND. Ricordiamo che RADO nel 2013 ha lanciato ad età compiuta 40,45 e da “pre” 41,45 (quest’ultima misura è record Fidal SM80). RADO sarà in gara sabato prossimo a Pistoia nel Campionato Italiano di Pentathlon Lanci dove avrà tre cartucce da sparare nel lancio del disco per centrare l’impresa.

Sabato 3 ottobre duello a distanza tra le due stars della nostra velocità master. A Nizza, negli European Master Games, Alfonso DE FEO (15/09/1964, Atletica Portici) è sceso in pista in condizioni avverse (il giorno del devastante ciclone sulla Costa Azzurra) è ha corso i 100 metri segnando senza avversari 11”58 (vento -0,2) con cui ha ritoccato l’age-record italiano M51 della distanza. A Salerno (a circa 700 km. di distanza) sempre sui 100 metri è sfrecciato Mario LONGO (24/08/1964, Atletica Marano) a cui è stato attribuito il tempo manuale di 11”3 (vento non rilevato). Statisticamente le due prestazioni sono considerate abbastanza simili. Quest’anno è mancato confronto diretto all’aperto, che è rimandato alla prossima stagione indoor. Dove però s’affaccerà come terzo incomodo nella categoria SM50 il piemontese Mauro GRAZIANO (22/01/1966, Atl. Canavesana). Insomma nel 2016 già ad Ancona ci sarà da divertirsi… 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *